Timballo di pasta al finocchietto e pomodori confit

Ricette Con il primo finocchietto sui banchi del mercato Buccia di Limone propone una ricetta il cui gusto e profumo è legato al freddo, alle giornate brevi e umide dell’inverno

Ecco una ricetta non complicata ma di grande effetto. Può essere servita come piatto unico con un’insalata in apertura e un dessert a chiudere per un pranzo domenicale.
L’ingrediente principale è il finocchietto, il cui aroma caratterizza molti piatti della tradizione mediterranea del periodo invernale. Lo si trova molto spesso nelle zuppe o come condimento per la pasta o, come in questo caso, in un timballo per un piatto più ricco.
Appena adocchiate le chiome fluenti e profumate di questa erbetta sui banchi del mercato non ho resistito e ne ho subito acquistato una buona quantità e immediatamente ho pensato di proporvi questa ricetta il cui gusto e profumo è legato al freddo, alle giornate brevi e umide dell’inverno.

Ho fatto una piccola variazione agli ingredienti di cui ho memoria: ho diminuito la quantità di strattu (concentrato di pomodoro fatto asciugare al sole) e ho aggiunto i pomodori confit cotti al forno con del peperoncino, per una nota più fresca.
A volte questo timballo veniva cucinato sostituendo al finocchietto il cavolfiore viola scuro (non quello bianco molto meno gustoso) mantenendo tutti gli altri ingredienti e il risultato rimane ottimo.
Per chi è vegetariano può omettere le acciughe, rimane comunque molto gustoso.

Timballo di pasta al finocchietto e pomodori confit di Buccia di Limone

Timballo di pasta al finocchietto e pomodori confit

300 g di pasta (io ho usato le mezze maniche ma potete usare quella che più vi piace)
2 mazzi di finocchietto
un cucchiaio di strattu (potete sostituirlo con del concentrato o della salsa di pomodoro in poca quantità)
150g di passata di pomodoro
150g di provola iblea
50g di Ragusano grattugiato
300g di pomodori (io ho usato dei pixel ma potreste usare del ciliegino)
2 scalogni
4 acciughe sotto sale (o 8 di quelle sott’olio) per chi è vegetariano possono essere omesse
30g di uvetta
30g di pinoli
1peperoncino
2 cucchiaini di zucchero di canna
2 cucchiai di pangrattato
olio evo
sale

Accendete il forno a 180°C. Lavate i pomodori e tagliateli a metà. Unite il peperoncino a pezzettini e condite con olio lo zucchero di canna. Sistemate su una teglia con il lato tagliato verso l’alto e mettete in forno per circa 20 minuti, mezz’ora.

Pulite il finocchietto e lessatelo in abbondante acqua salata.
Nel frattempo sciacquate per bene sotto l’acqua corrente le acciughe sotto sale per poi farle sciogliere in un tegame assieme a un goccio d’olio. Aggiungete gli scalogni tritati e fate amalgamare il tutto.
Unite poi il cucchiaio di strattu sciolto in acqua tiepida e la salsa di pomodoro, lasciate insaporire per una decina di minuti.

Appena il finocchietto sarà morbido, scolatelo e nell’acqua di cottura cuocete la pasta lasciandola molto al dente.
Su un tagliere tritate a coltello il finocchietto e aggiungetelo all’intingolo di acciughe, scalogno e srtattu, lasciate insaporire avendo l’accortezza di non fare asciugare troppo, nel caso aggiungete l’acqua di cottura della pasta.

Tostate i pinoli e mettete in ammollo l’uvetta. Tagliate a pezzettini la provola.

Prendete una teglia di 24cm di diametro, ungetela bene e ricoprite con parte del pangrattato.
Una volta cotta la pasta tenete da parte un po’ dell’acqua di cottura e passatela nel tegame con il sugo e aggiungete i pomodori confit.
Spegnete e mischiate per bene. Se dovesse risultare un po’ asciutta aggiungete dell’acqua di cottura messa da parte.

Unite la provola e il formaggio grattugiato, i pinoli e l’uvetta, date un giro d’olio e versate nella teglia, livellate bene e cospargete con il restante pangrattato, date un giro d’olio e infornate a 180°C per circa mezz’ora.
Lasciate riposare e servite caldo.

Se questa ricetta ti è piaciuta, segui le altre proposte di Elisa Rizza su Buccia di Limone

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.