Autore: Daniela Robberto

Daniela Robberto

Questi sono i miei racconti. E anche i miei punti di vista sui principali film che passano nei nostri cinema. Nata a Messina nel lontano 1955, figlia femmina e, a detta dei miei (e quindi è sicuro) non troppo desiderata, di una coppia disastrosamente poco affine per luogo di nascita, carattere, studi, obiettivi nella vita, ambizioni... mia madre e mio padre. E devo forse a tali diversissime fonti genetiche la mia curiosità ed una personalità fortemente complessa ed agitata, che mi spinge a scrivere su ciò che più mi colpisce, che più mi intriga. Ho fatto per anni un lavoro facendomelo piacere, anche se non era il mio ma, alla fine sono abbastanza contenta di come mi è andata, e soprattutto della mia formazione perché quando devo descrivermi, come in questo caso, o quando penso a me stessa, alla mente mi sovviene subito il mio nome, poi che dovrei dimagrire e poi che sono biologa.

1 2 3 7 10 / 65 Articoli
“1917”, lo spettatore vive in trincea l’orrore della Grande guerra

“1917”, lo spettatore vive in trincea l’orrore della Grande guerra

Pur essendo una storia di fantasia, la vicenda del film di Sam Mendes si ispira ai ricordi del nonno paterno del regista a cui è dedicato il film e ra ...
Un tir in mezzo al mare

Un tir in mezzo al mare

Sulle sedie del cordoglio per il lavoro perso a 50 anni mi addormento cercando momentanea pace. La mente è turbata e la coscienza assopita lascia camp ...
“Richard Jewell”, Clint Eastwood racconta la cinica America che non ama il sogno americano

“Richard Jewell”, Clint Eastwood racconta la cinica America che non ama il sogno americano

Nel suo ultimo film il regista ancora una volta mette in discussione il sistema americano dove governo e media attuano un giustizialismo sommario indi ...
Il condominio ed “El cercator d’ombre”

Il condominio ed “El cercator d’ombre”

Cronaca comico-drammatica di una ordinaria "convinvenza" fra condomini in un condominio palermitano tra antipatie reciproche e dispute fisiche su dove ...
“Hammamet” di Gianni Amelio, c’è poco oltre il Craxi umanizzato di Favino

“Hammamet” di Gianni Amelio, c’è poco oltre il Craxi umanizzato di Favino

Più che una biografia, il film vuole essere la raffigurazione narrativa di un periodo doloroso (esilio/latitanza) nella gabbia dorata tunisina, il pro ...
Siamo tutti quadri

Siamo tutti quadri

Siamo tutti quadri dipinti con ostinazione più volte su un’unica tela iniziale dove il pittore fa un’ultima ma non ancora definitiva stesura. Quei gra ...
Pinocchio, la favola vivente di Garrone per bambini di ieri e di oggi

Pinocchio, la favola vivente di Garrone per bambini di ieri e di oggi

Supportato da un grande cast (su cui svetta Roberto Benigni/Geppetto), dopo il "Racconto dei racconti" del 2015 ancora una volta il regista romano att ...
Nel mare di Sicilia si immerge la nuova famiglia d’amore de “La dea fortuna” di Ozpetek

Nel mare di Sicilia si immerge la nuova famiglia d’amore de “La dea fortuna” di Ozpetek

Il regista turco, funambolo dei sentimenti, con la contrastata storia d'amore gay fra Arturo (Stefano Accorsi) e Alessandro (Edoardo Leo), traccia sce ...
Il mommo (ovvero il dottor guardone)

Il mommo (ovvero il dottor guardone)

Chi poteva a quell’ora essere vigile ed armato di binocolo? Che fosse lei l’oggetto di quell’appostamento? L’io femminino solleticato nella vanità le ...
“Knives out”, che famiglia depravata!

“Knives out”, che famiglia depravata!

"Cena con delitto" di Rian Johnson, il cui il titolo originale era solo "Knives Out" (fuori i coltelli), titolo di un brano dei Radiohead non inserito ...
1 2 3 7 10 / 65 Articoli