Mille spettatori paganti in più rispetto al Centenario per le tre prime dell’Inda a Siracusa

Per l’Istituto nazionale del dramma antico la stagione 2015 si è aperta con grandi numeri perché nelle prime tre serate sono state 10.600 le persone paganti che hanno assistito alla messa in scena delle tragedie “Le Supplici” di Eschilo, “Ifigenia in Aulide” di Euripide e “Medea” di Seneca. Un numero in crescita rispetto alla stagione 2014, quella del centenario, quando nelle prime tre giornate le presenze paganti erano state 9.500. Nel complesso, compresi gli inviti, le tre serate hanno registrato all’incirca 13 mila presenze.

Mentre il cinquantunesimo ciclo di spettacoli classici ieri sera ha chiuso i tre giorni delle prime delle tre opere in cartellone, durante la mattinata di ieri sulle pietre dell’Akrai a Palazzolo si è aperta la ventunesima edizione del Festival internazionale del teatro classico dei giovani. Ad inaugurare ufficialmente l’evento che coinvolge quest’anno oltre 1.500 studenti di 53 istituti da tutto il mondo sono stati il prefetto Armando Gradone, il sindaco di Palazzolo Carlo Scibetta e il consigliere d’amministrazione della Fondazione Inda Paolo Giansiracusa.

Sul palco ad aprire il festival, davanti alla scenografia pensata da Tony Fanciullo, è stata l’opera “Agamennone” di Eschilo messa in scena dal “Theatron” dell’università La Sapienza di Roma e diretta da Adriano Evangelisti. A causa delle cattive condizioni atmosferiche le esibizioni a Palazzolo sono state interrotte e gli spettacoli “Prometeo incatenato” di Eschilo della Adyghe State University, un ateneo russo ed “Ecuba” di Euripide, degli studenti greci del Department of food science Limnos sono state rinviate a lunedì. Si sono invece esibiti all’interno di una scuola di danza di Siracusa due ballerini dell’Accademia nazionale di danza. Nella giornata di domenica previsti altri tre spettacoli. Ifigenia in Aulide di Euripide del Kepler-Gymasium (Germania), Edipo Re di Sofocle del liceo “Novak” (Repubblica Ceca), Medea di Euripide della Municipal state school 31 (Russia).

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.