Contro le dipendenze affettive c’è “L’ultima canzone” di Giuseppe Cucè

Musica Nuovo singolo per il cantautore catanese Giuseppe Cucè che, tre mesi dopo "Maniacale chirurgia", esce con "L'ultima canzone", brano prodotto artisticamente da Fabio Abate che ha curato anche le riprese del video ed il montaggio

Nuovo singolo per il cantautore catanese Giuseppe Cucè che, tre mesi dopo “Maniacale chirurgia”, esce con “L’ultima canzone”, brano prodotto artisticamente da Fabio Abate che ha curato anche le riprese del video ed il montaggio. Editing e missaggi sono di Riccardo Samperi, la make up artist è Sabina Caruso. Il testo della canzone è di Giuseppe Cucè mentre la musica è di Antonio Masto, con gli archi di Adriano Murania.

 

“L’ultima canzone” è una lettera aperta, verso chi per per lungo tempo ha creato in noi una dipendenza affettiva, verso chi ci ha rinchiusi dentro una gabbia da cui solo attraverso una profonda riflessione ed una profonda crisi si riuscirà ad uscire. Cucè: «Che sia un rapporto di amicizia o sentimentale ognuno di noi, almeno una volta nella propria vita,  ha provato questo disagio. Ed è proprio il distacco l’unica arma utile per uscire fuori e respirare nuovamente: solo lasciando andare via chi per troppo tempo è stato capace solo di dissetarsi dalla tua fonte prosciugandola, si è può essere liberi. L’ego e l’arroganza misto alla presunzione e al narcisismo più patologico sono spesso le caratteristiche più comuni del nostro carceriere. Sarai vittima di colui o colei che attingerà da te tutto ciò che  potrà , per alimentare la propria autostima con la conseguenza di assorbire tutte le tue energie, svuotandoti e rendendoti arido. La libertà da tutto questo indicherà  solo una nuova rinascita».

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.