Chic Chef a confronto sulla cucina siciliana e i suoi cambiamenti

Tutto fa panza Si terrà il 29 settembre, quest'anno alle pendici del vulcano siciliano, "Etna e Chic Chef" l'evento che tra degustazioni, workshop e cooking show, racconta, per voce di otto maestri pluristellati, com’è cambiata nel tempo la cucina della nostra Isola

La cucina siciliana e il vino dell’Etna saranno protagonisti di “Etna e CHIC Chef”, l’evento organizzato dall’associazione Chic, Charming Italian Chef, che si terrà il 29 settembre in due location esclusive: Le Cantine Graci di Passo Pisciaro e il Golf Resort Il Picciolo di Castiglione Sicilia.

Lo chef Pietro D'Agostino

Lo chef Pietro D’Agostino

L’evento, giunto alla settima edizione, si sposta quest’anno da Taormina, dove si è sempre tenuto, alle pendici dell’Etna, il vulcano più alto d’Europa, dal 2013 inserito dall’Unesco nella lista dei siti patrimonio dell’Umanità. Una cornice unica per le sue risorse paesaggistiche, artistiche ma anche eno-gastronomiche, scelta per l’occasione da Pietro D’Agostino, CHIC Chef per la Sicilia, (1 stella Michelin, patron del ristorante La Capinera di Taormina) per raccontare com’è cambiata nel tempo la cucina siciliana.
Immersi nella piena atmosfera della vendemmia, in un luogo incastonato ai piedi del vulcano, gli chic chef racconteranno a loro modo, tra degustazioni, workshop e cooking show, l’incontro tra le ricette secondo tradizione, i prodotti stagionali del territorio, il vino dell’Etna con la cucina di innovazione che nel tempo ha cambiato stile e linguaggio.
Agli chic chef, interpreti moderni di una tradizione culinaria antica, sarà richiesto di presentare dal vivo le due versioni di un piatto: quella tradizionale e l’altra innovativa.
L’evento vedrà la partecipazione del direttore CHIC Chef Raffaele Geminiani e di otto maestri pluristellati provenienti da tutte le regioni d’Italia: Marco Sacco, presidente CHIC Chef ristorante Piccolo Lago di Verbania, 2 stelle, Giuseppe Bonsignore, Hostaria l’oste ed il Sacrestano di Licata, Felice Lo Basso Unico di Milano, Carmine Nozzolino JSH Hotel, Simone Strano Hotel MonteMartini Andrea Ribaldone JSH Hotels, Sebastiano Sorbello dell’Esperia Palace hotel Zafferana Etnea, Martina Caruso dell’Hotel Signum di Salina, oltre naturalmente al patron Pietro D’Agostino de La Capinera.

 Golf Resort Il Picciolo di Castiglione di Sicilia

Golf Resort Il Picciolo di Castiglione di Sicilia

Otto chef di provenienza diversa, un piemontese, due laziali, un milanese, e tanta Sicilia da Salina e Palermo e Licata, che si accosteranno ai prodotti di eccellenza dell’agroalimentare del comprensorio etneo con la propria sensibilità e fantasia, per creare piatti della migliore cucina tradizionale, come lo chef di Verbania che utilizzerà i porcini etnei per l’uovo barzotto o quello romano che per il suo crumble attingerà al pistacchio di Bronte.
La kermesse enogastronomica, che si terrà alle Cantine Graci, aprirà alle ore 10, con il workshop, moderato da Alex Revelli dell’Università Telematica San Raffaele di Roma docente di Storia della Gastronomia, dal titolo “La cucina siciliana: proposte innovative, evoluzione di una tradizione millenaria”, al quale parteciperanno Cinzia Randazzo docente di Microbiologia degli Alimenti del Dipartimento Agricoltura, Alimentare e Ambiente Università di Catania, Onofrio Corona docente di Enologia Università di Palermo, Giuseppe Benanti, produttore vinicolo patron dell’omonima azienda, Fabrizio Carrera, giornalista enogastronomico direttore Cronache di Gusto.

Alle 12.30, sempre alle Cantine Graci, le quattro future stelle siciliane, Giovanni Santoro dello Shalay Resort di Linguaglossa, Giuseppe Raciti di Zash Boutique Hotel ‘’Riposto’’e Giovanni Grasso de La Plage Resort Taormina, si esibiranno in un cooking show.
Nel pomeriggio l’evento si sposterà all’Hotel Picciolo Golf Club.
Alle 17, al Picciolo Golf Club, in programma “L’Etna, il vulcano di-vino”, una degustazione a cura dei produttori di vino dell’Etna e di Camillo Privitera, presidente AIS Sicilia.
Alle 19, seguirà, invece, una degustazione di prodotti agroalimentari del territorio.
Infine, alle 20.30 seguirà la cena di Gala (Info prenotazioni tel: 338 15.88.013 costo 90 euro), a cura degli otto chic chef, servita sotto i portici dell’Hotel.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.