Autore: Antonio Di Grado

Antonio Di Grado

Antonio Di Grado è stato professore di Letteratura italiana nell’ateneo catanese. A novembre 2019 è tornato in libertà (cioè è andato in pensione, dopo quasi mezzo secolo di appassionato insegnamento). Ha avuto la fortuna di incontrare due grandi maestri come il filologo e italianista Salvatore Battaglia, cugino della madre, e Leonardo Sciascia; quest’ultimo lo nominò direttore della Fondazione che gli sarebbe stata intitolata. Ha scritto un po’ di tutto, da Dante a Leon Battista Alberti, da Domenico Tempio a De Roberto, Vittorini, Brancati, Sciascia, etc. E tuttavia si definisce un dilettante, perché legge e scrive con (e per) diletto. Poco si cura della logica e della coerenza, anzi le ritiene letali. E gli ripugnano gli apparati di nozioni infalsificabili che piombano come lastre tombali sulle attese e sulle speranze dei malcapitati allievi. All'algido saggio accademico, alle concatenazioni causali di stampo anglosassone, preferisce lo stile divagante e colloquiale, le fortuite analogie, l’indeterminazione e l’impermanenza della "causerie". Il suo modello? Manoel Francisco dos Santos, detto Garrincha, il cui saltello claudicante, che fu il più ubriacante dei dribbling, è quanto di più simile allo zigzag obliquo e avvolgente della conoscenza. Così come anarchica è la sua pratica di lettore e di studioso, insofferente di canoni e "metodi", allo stesso modo sono libertarie, eretiche, dissenzienti le sue convinzioni politiche, che oscillano tra il Qohelet biblico e Tolstoj, tra Leopardi e Totò. Nel suo passato “engagé”, è stato assessore comunale alla cultura e presidente del Teatro Stabile etneo. Vive felicemente con la moglie, la scrittrice e giornalista Elvira Seminara, e vanta due figlie: Viola, anche lei scrittrice, e Marta, psicologa. Convertito alla fede evangelica nella chiesa valdese, è ancora e sempre alla ricerca delle molteplici manifestazioni del Divino, nella sua come in altre fedi.

1 2 3 5 10 / 41 Articoli
Che singolari azzardi della fede in Val di Noto!

Che singolari azzardi della fede in Val di Noto!

Da una parte c'è Antonio Staglianò, il vescovo "cantante" di Noto che definisce “pop” la sua teologia e non si nega agli applausi e alle tv. Dall'altr ...
Non vedrò “Hammamet”, la santificazione di Craxi mi dà fastidio

Non vedrò “Hammamet”, la santificazione di Craxi mi dà fastidio

Nessun pregiudizio nei confronti del film di Gianni Amelio, capisco la pietas per l'esule (o il fuggiasco?) ma il garantismo verso l'ex leader sociali ...
Baudelaire, Bufalino, Battiato e l’altrove dove tutto è calma e voluttà

Baudelaire, Bufalino, Battiato e l’altrove dove tutto è calma e voluttà

Nel centenario della nascita del professore comisano come si fa a non pensare a quell'altrove celebrato dal cantautore di Jonia in "Invito al viaggio" ...
Zivago, fervori e incertezze dell’ultimo “folle di Cristo”

Zivago, fervori e incertezze dell’ultimo “folle di Cristo”

Lasciamo stare la storia d'amore celebrata nel film culto con Omar Sharif e Julie Christie. Boris Pasternack ha scritto un romanzo antico e moderno, c ...
Le drastiche antitesi del Natale di Luca tra il microcosmo del potere e il sottosuolo degli emarginati

Le drastiche antitesi del Natale di Luca tra il microcosmo del potere e il sottosuolo degli emarginati

Luca è l’unico evangelista a descriverci la Natività, a dare il via alle infinite repliche dell’Evento nella storia dell’arte, nella devozione popolar ...
Senza i miei 20 anni oggi non modulerei “la musica dell’uomo solo”

Senza i miei 20 anni oggi non modulerei “la musica dell’uomo solo”

Nizan scriveva che i 20 anni non sono l'età più bella della vita ma questo non per me. Negli anni decisivi del passaggio dall’adolescenza alla maturit ...
Il “tenace concetto” dell’umanità liberata

Il “tenace concetto” dell’umanità liberata

Come si fa a trovare oggi i sognatori di una politica limpida non compromessa con la partitocrazia e che si opponga alla demagogia contemporanea da st ...
Dalle lucciole di Pasolini alle odierne sardine, la resistenza gioiosa al Leviatano dell’odio

Dalle lucciole di Pasolini alle odierne sardine, la resistenza gioiosa al Leviatano dell’odio

Pasolini lamentava la scomparsa delle lucciole, simbolo di una civiltà contadina annientata dall'omologazione. Oggi il silmbolo della protesta sono le ...
Verga sotto sfratto vale meno di una sagra dei carciofi

Verga sotto sfratto vale meno di una sagra dei carciofi

Fallito il proprietario dell’immobile, che il Comune di Catania affittava, il palazzetto storico che oggi ospita la Fondazione Verga, istituto di rice ...
Trockij, l’eroe libertario artefice e vittima della “grande illusione”

Trockij, l’eroe libertario artefice e vittima della “grande illusione”

Avrei tanto da raccontare di quel poco che ho visto nel mio recente viaggio in Messico ma non potevo non recarmi in pellegrinaggio a Coyoacan alla cas ...
1 2 3 5 10 / 41 Articoli