Author: Antonio Di Grado

Antonio Di GradoAntonio Di Grado è professore di Letteratura italiana nell’ateneo catanese. A novembre 2019, però, tornerà in libertà (cioè andrà in pensione, dopo quasi mezzo secolo di appassionato insegnamento). Ha avuto la fortuna di incontrare due grandi maestri come il filologo e italianista Salvatore Battaglia, cugino della madre, e Leonardo Sciascia; quest’ultimo lo nominò direttore della Fondazione che gli sarebbe stata intitolata. Ha scritto un po’ di tutto, da Dante a Leon Battista Alberti, da Domenico Tempio a De Roberto, Vittorini, Brancati, Sciascia, etc. E tuttavia si definisce un dilettante, perché legge e scrive con (e per) diletto. Poco si cura della logica e della coerenza, anzi le ritiene letali. E gli ripugnano gli apparati di nozioni infalsificabili che piombano come lastre tombali sulle attese e sulle speranze dei malcapitati allievi. All'algido saggio accademico, alle concatenazioni causali di stampo anglosassone, preferisce lo stile divagante e colloquiale, le fortuite analogie, l’indeterminazione e l’impermanenza della "causerie". Il suo modello? Manoel Francisco dos Santos, detto Garrincha, il cui saltello claudicante, che fu il più ubriacante dei dribbling, è quanto di più simile allo zigzag obliquo e avvolgente della conoscenza. Così come anarchica è la sua pratica di lettore e di studioso, insofferente di canoni e "metodi", allo stesso modo sono libertarie, eretiche, dissenzienti le sue convinzioni politiche, che oscillano tra il Qohelet biblico e Tolstoj, tra Leopardi e Totò. Nel suo passato “engagé”, è stato assessore comunale alla cultura e presidente del Teatro Stabile etneo. Vive felicemente con la moglie, la scrittrice e giornalista Elvira Seminara, e vanta due figlie: Viola, anche lei scrittrice, e Marta, psicologa. Convertito alla fede evangelica nella chiesa valdese, è ancora e sempre alla ricerca delle molteplici manifestazioni del Divino, nella sua come in altre fedi.

1 2 3 4 10 / 31 Articoli
Carlo Felice Gambino, poeta della plebe tra sarcasmo e strafottenza

Carlo Felice Gambino, poeta della plebe tra sarcasmo e strafottenza

Alla musa dialettale si convertì solo oltre i quarant’anni quel dimenticato Gambino, notevole e vivacissimo poeta catanese, frontiera tra il Settecent ...
La bestemmia di Moby Dick, giustizia di Dio e ferocia di Satana

La bestemmia di Moby Dick, giustizia di Dio e ferocia di Satana

A 7 anni a Catania ho visto la Balena bianca. Annunciava il film di John Huston con Gregory Peck. «Il film è una bestemmia, mi sorprendo che nessuno p ...
Chi l’ha visto, dove il “perturbante” freudiano è “di casa”

Chi l’ha visto, dove il “perturbante” freudiano è “di casa”

Mostrando l'orrore che si sprigiona dalle sordide clausure delle vite familiari, "Chi l'ha visto" è l’unico squarcio del paese reale che i media ci of ...
Già rimpiango la piccola “scuola” che mi si era riunita intorno

Già rimpiango la piccola “scuola” che mi si era riunita intorno

A fine mese, dopo quarantasei anni, lascerò l'Università. I primi anni della formazione "orizzontale" con i colleghi miei coetanei furono i "più belli ...
Casablanca è il cinema

Casablanca è il cinema

Ognuno ha il suo film e il mio è "Casablanca" di Michael Curtiz. Comunicativo, coinvolgente, capace di emozionare e di convincere. E' film-mito, film- ...
Lo spirito del Catania

Lo spirito del Catania

Non è solo nostalgia per un'era gloriosa della squadra rossazzurra, quella di Gaspari, Michelotti, Giavara, Ferretti, Grani, Corti, Castellazzi, Biagi ...
Quando Cutelli e Spedalieri erano guelfi e ghibellini della scuola catanese

Quando Cutelli e Spedalieri erano guelfi e ghibellini della scuola catanese

La mia adolescenza, più che ai guelfi della Catania-bene del liceo classico Cutelli, appartiene ai ghibellini dello Spedalieri, provinciali o piccolo- ...
C’era una volta la Casa dei Popoli…

C’era una volta la Casa dei Popoli…

Un luogo di incontro, socializzazione e accoglienza. Uno spazio dedicato alle comunità di immigrati della città. Fu inaugurato a metà degli anni Novan ...
Quel periplo immoto che chiamiamo vita

Quel periplo immoto che chiamiamo vita

“Ci vuole talento, per diventare vecchi senza essere stati adulti”, cantava Jacques Brel. Ma è comunque un ritorno al punto di partenza. Girare mezzo ...
<i>Prohibido el paso</i>: quando Catania fu remota succursale della <i>hispanidad</i>

Prohibido el paso: quando Catania fu remota succursale della hispanidad

Nel 1959 nel centro storico della città, nella via Alessi ancora priva di scalinata, fu girato il film "La sposa bella", un film americano filo-franch ...
1 2 3 4 10 / 31 Articoli