Autore: Antonio Di Grado

Antonio Di Grado

Antonio Di Grado è stato professore di Letteratura italiana nell’ateneo catanese. A novembre 2019 è tornato in libertà (cioè è andato in pensione, dopo quasi mezzo secolo di appassionato insegnamento). Ha avuto la fortuna di incontrare due grandi maestri come il filologo e italianista Salvatore Battaglia, cugino della madre, e Leonardo Sciascia; quest’ultimo lo nominò direttore della Fondazione che gli sarebbe stata intitolata. Ha scritto un po’ di tutto, da Dante a Leon Battista Alberti, da Domenico Tempio a De Roberto, Vittorini, Brancati, Sciascia, etc. E tuttavia si definisce un dilettante, perché legge e scrive con (e per) diletto. Poco si cura della logica e della coerenza, anzi le ritiene letali. E gli ripugnano gli apparati di nozioni infalsificabili che piombano come lastre tombali sulle attese e sulle speranze dei malcapitati allievi. All'algido saggio accademico, alle concatenazioni causali di stampo anglosassone, preferisce lo stile divagante e colloquiale, le fortuite analogie, l’indeterminazione e l’impermanenza della "causerie". Il suo modello? Manoel Francisco dos Santos, detto Garrincha, il cui saltello claudicante, che fu il più ubriacante dei dribbling, è quanto di più simile allo zigzag obliquo e avvolgente della conoscenza. Così come anarchica è la sua pratica di lettore e di studioso, insofferente di canoni e "metodi", allo stesso modo sono libertarie, eretiche, dissenzienti le sue convinzioni politiche, che oscillano tra il Qohelet biblico e Tolstoj, tra Leopardi e Totò. Nel suo passato “engagé”, è stato assessore comunale alla cultura e presidente del Teatro Stabile etneo. Vive felicemente con la moglie, la scrittrice e giornalista Elvira Seminara, e vanta due figlie: Viola, anche lei scrittrice, e Marta, psicologa. Convertito alla fede evangelica nella chiesa valdese, è ancora e sempre alla ricerca delle molteplici manifestazioni del Divino, nella sua come in altre fedi.

1 2 3 7 10 / 70 Articoli
Il manifesto di Aldo Natoli, padre nobile del comunismo libertario

Il manifesto di Aldo Natoli, padre nobile del comunismo libertario

Aldo Natoli, messinese, medico, intellettuale formato sui testi non solo di Marx ma anche di Gide e Malraux, organizzatore del PCI clandestino durante ...
Ma sì, rivalutiamolo il “tradimento”

Ma sì, rivalutiamolo il “tradimento”

Le cronache sportive sono piene del "tradimento" del calciatore Chiesa reo di aver lasciato Firenze per l'odiata (dai viola) Juve. Ma la vita non è un ...
L’amore è volato via come un angelo deluso

L’amore è volato via come un angelo deluso

Una volta il vero seduttore era disinteressato come un artista, gli bastava scorgere sul viso della fanciulla conquistata l’affiorare di un “rossore”, ...
Sull’orlo di un abisso, ho sognato la fine della battaglia delle idee

Sull’orlo di un abisso, ho sognato la fine della battaglia delle idee

Ho sognato che tutto ciò che abbiamo chiamato cultura, libero pensiero, formazione intellettuale, spirituale, civile veniva trattato come un reato. Ho ...
Emilio Greco, il buono

Emilio Greco, il buono

Tratto garbato e perfino timido, il sorriso schivo. Leggendo il carteggio tra due grandi scrittori e “moralisti” meridionali, Leonardo Sciascia e Mari ...
Noi “schiavi” di Roma siamo figli del classicismo democratico-risorgimentale di Foscolo

Noi “schiavi” di Roma siamo figli del classicismo democratico-risorgimentale di Foscolo

Il nostro inno non è il più bello del mondo ma un inno non si sceglie, si eredita – bello o brutto che sia – da una tradizione. E l'inno di Mameli è f ...
San Pietro Clarenza la piccola capitale dell’eresia

San Pietro Clarenza la piccola capitale dell’eresia

Era nato nel paesino etneo Giorgio Rioli, noto col nome di Giorgio Siculo, uno dei più temuti eresiarchi tra Riforma e Controriforma, giustiziato dall ...
Amore e avventura? “Il dottor Zivago” di Pasternak e “I sette pilastri della saggezza” di Lawrence dicono molto di più

Amore e avventura? “Il dottor Zivago” di Pasternak e “I sette pilastri della saggezza” di Lawrence dicono molto di più

Due grandi libri per quest'estate appena iniziata, due libri esaltati, ma fraintesi, dal cinema. Due bei film, certo, il "Dottor Zivago" e "Lawrence d ...
Nino Di Guardo, foglia caduta o fatta cadere?

Nino Di Guardo, foglia caduta o fatta cadere?

Quando era sindaco di Misterbianco nel suo ufficio un cartoncino recava impressi i versi di Ungaretti: “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”. ...
Baku mi dice che il gatto dell’Annunciazione di Lotto fa suo lo sgomento della Vergine

Baku mi dice che il gatto dell’Annunciazione di Lotto fa suo lo sgomento della Vergine

Contemplando nei libri con il mio gatto Bakunin (anarchico come ogni felino) l'anticonformista "Annunciazione di Recanati" di Lorenzo Lotto, dove il g ...
1 2 3 7 10 / 70 Articoli