Autore: Antonio Di Grado

Antonio Di Grado

Antonio Di Grado è stato professore di Letteratura italiana nell’ateneo catanese. A novembre 2019 è tornato in libertà (cioè è andato in pensione, dopo quasi mezzo secolo di appassionato insegnamento). Ha avuto la fortuna di incontrare due grandi maestri come il filologo e italianista Salvatore Battaglia, cugino della madre, e Leonardo Sciascia; quest’ultimo lo nominò direttore della Fondazione che gli sarebbe stata intitolata. Ha scritto un po’ di tutto, da Dante a Leon Battista Alberti, da Domenico Tempio a De Roberto, Vittorini, Brancati, Sciascia, etc. E tuttavia si definisce un dilettante, perché legge e scrive con (e per) diletto. Poco si cura della logica e della coerenza, anzi le ritiene letali. E gli ripugnano gli apparati di nozioni infalsificabili che piombano come lastre tombali sulle attese e sulle speranze dei malcapitati allievi. All'algido saggio accademico, alle concatenazioni causali di stampo anglosassone, preferisce lo stile divagante e colloquiale, le fortuite analogie, l’indeterminazione e l’impermanenza della "causerie". Il suo modello? Manoel Francisco dos Santos, detto Garrincha, il cui saltello claudicante, che fu il più ubriacante dei dribbling, è quanto di più simile allo zigzag obliquo e avvolgente della conoscenza. Così come anarchica è la sua pratica di lettore e di studioso, insofferente di canoni e "metodi", allo stesso modo sono libertarie, eretiche, dissenzienti le sue convinzioni politiche, che oscillano tra il Qohelet biblico e Tolstoj, tra Leopardi e Totò. Nel suo passato “engagé”, è stato assessore comunale alla cultura e presidente del Teatro Stabile etneo. Vive felicemente con la moglie, la scrittrice e giornalista Elvira Seminara, e vanta due figlie: Viola, anche lei scrittrice, e Marta, psicologa. Convertito alla fede evangelica nella chiesa valdese, è ancora e sempre alla ricerca delle molteplici manifestazioni del Divino, nella sua come in altre fedi.

1 2 3 10 10 / 94 Articoli
Ad aprile nascevano Marlon Brando e Gregory Peck, due giganti del cinema vero

Ad aprile nascevano Marlon Brando e Gregory Peck, due giganti del cinema vero

Brando fu forse l’ultimo di quei giganti di Hollywood. E lo sapeva, tanto da incarnarla da tempo quella figura possente, quella rocciosa maestà. Quasi ...
I sette papi della mia vita

I sette papi della mia vita

Alla Via Crucis di poche sere fa ho visto un Bergoglio triste, stanco, forse malato, e ho sofferto per questo grande vecchio umiliato e offeso dall’ot ...
Le cose deboli saranno le più forti

Le cose deboli saranno le più forti

Quest’anno davvero non saprei che auguri pasquali farvi. Suona un po’ patetica, la consueta associazione della Resurrezione di Cristo alla speranza d' ...
C’era una volta la Divinità

C’era una volta la Divinità

Giudicatemi pure un eretico ma non credo che il Dio dell'Antico Testamento sia il Dio d'amore di Gesù e dei Vangeli. Mettiamola così: c'era una volta ...
Nostalgia della povertà

Nostalgia della povertà

Tra un indumento nuovo e uno vecchio e logorato, io scelgo quasi sempre di indossare quello vecchio. Leggendo Clarice Lispector, a questa abitudine do ...
La “follia” della Croce di Pasolini

La “follia” della Croce di Pasolini

«Dio, perché ci hai abbandonati?», gemeva una delle vittime sacrificali di quel terribile film che fu "Salò". E nel grido disperato del Cristo-uomo su ...
C’era una volta

C’era una volta

C'era una volta un freddissimo villaggio della Kamciatka che disponeva di un ceto politico infimo. Si dividevano in due schieramenti contrapposti: Vaf ...
I sacerdoti del sapere leggano la “verità” di Sciascia su Majorana

I sacerdoti del sapere leggano la “verità” di Sciascia su Majorana

Quando chiesi a Leonardo Sciascia un’idea da proporre al Teatro Stabile di Catania, non ebbe dubbi: "I fisici" di Dürrenmatt. Aveva scritto "La scompa ...
Elogio della verecondia a tavola

Elogio della verecondia a tavola

Al pari di Guido Morselli in "Un dramma borghese" e di Giorgio Manganelli in "Ti ucciderò, mia capitale" mi appartiene l'elogio della verecondia e del ...
Anche i luoghi e gli animali hanno un’anima

Anche i luoghi e gli animali hanno un’anima

Oggi dirò di due libri nuovi che mi sono cari. Dario Stazzone, dopo aver pubblicato la guida di Catania redatta da Federico De Roberto, dà alle stampe ...
1 2 3 10 10 / 94 Articoli