Autore: Antonio Di Grado

Antonio Di Grado

Antonio Di Grado è stato professore di Letteratura italiana nell’ateneo catanese. A novembre 2019 è tornato in libertà (cioè è andato in pensione, dopo quasi mezzo secolo di appassionato insegnamento). Ha avuto la fortuna di incontrare due grandi maestri come il filologo e italianista Salvatore Battaglia, cugino della madre, e Leonardo Sciascia; quest’ultimo lo nominò direttore della Fondazione che gli sarebbe stata intitolata. Ha scritto un po’ di tutto, da Dante a Leon Battista Alberti, da Domenico Tempio a De Roberto, Vittorini, Brancati, Sciascia, etc. E tuttavia si definisce un dilettante, perché legge e scrive con (e per) diletto. Poco si cura della logica e della coerenza, anzi le ritiene letali. E gli ripugnano gli apparati di nozioni infalsificabili che piombano come lastre tombali sulle attese e sulle speranze dei malcapitati allievi. All'algido saggio accademico, alle concatenazioni causali di stampo anglosassone, preferisce lo stile divagante e colloquiale, le fortuite analogie, l’indeterminazione e l’impermanenza della "causerie". Il suo modello? Manoel Francisco dos Santos, detto Garrincha, il cui saltello claudicante, che fu il più ubriacante dei dribbling, è quanto di più simile allo zigzag obliquo e avvolgente della conoscenza. Così come anarchica è la sua pratica di lettore e di studioso, insofferente di canoni e "metodi", allo stesso modo sono libertarie, eretiche, dissenzienti le sue convinzioni politiche, che oscillano tra il Qohelet biblico e Tolstoj, tra Leopardi e Totò. Nel suo passato “engagé”, è stato assessore comunale alla cultura e presidente del Teatro Stabile etneo. Vive felicemente con la moglie, la scrittrice e giornalista Elvira Seminara, e vanta due figlie: Viola, anche lei scrittrice, e Marta, psicologa. Convertito alla fede evangelica nella chiesa valdese, è ancora e sempre alla ricerca delle molteplici manifestazioni del Divino, nella sua come in altre fedi.

1 2 3 6 10 / 60 Articoli
Nell’era del sacerdozio universale dove sono gli intellettuali?

Nell’era del sacerdozio universale dove sono gli intellettuali?

Ieri c'erano Sciascia, Pasolini, e i loro scritti “corsari, che ci imponevano di fare i conti con altre ragioni. Prima l'intellettuale engagé sgomitav ...
La nostalgia della fatua bellezza di ieri mi salva dalla bruttezza dei codici anti-virus di oggi

La nostalgia della fatua bellezza di ieri mi salva dalla bruttezza dei codici anti-virus di oggi

I guanti indossati come patetica difesa dal virus, sgraziati e opprimenti come un profilattico, associati al braccialetto minacciato come incombente m ...
Da antifascista convinto amo la cultura di destra, se alta

Da antifascista convinto amo la cultura di destra, se alta

Del caso Samonà, l’assessore ai Beni culturali eletto da Musumeci, poco m’importa. Quel che mi premeva affermare, nei miei interventi su Facebook che ...
Fuori dalla clausura da virus come una “capinera” coraggiosa, ripercorro la Catania dei miei ricordi

Fuori dalla clausura da virus come una “capinera” coraggiosa, ripercorro la Catania dei miei ricordi

Esco anch'io dalla clausura imposta dal virus, come una monaca di Monza o una “capinera” verghiana che ne abbiano avuto il coraggio. Prima un fugace t ...
Merita visione lo spietato realismo di Genina, l’ex regista del fascismo, su Maria Goretti

Merita visione lo spietato realismo di Genina, l’ex regista del fascismo, su Maria Goretti

In pieno neorealismo, non piacque nel 1949 "Cielo sulla palude", trasposizione cinematografica di Augusto Genina, ex regista del regime fascista, dell ...
L’ultima sigaretta

L’ultima sigaretta

So che fumare fa male, a me e agli altri, ma trovo insopportabili le crociate anti-fumo. Oggi, 1 maggio 2020, io che amavo "sbagliare da professionist ...
La Grande Riapertura

La Grande Riapertura

Provo a immaginare la vita dopo la Grande Riapertura. Per esempio, una cena tra amici. Tra unguenti di cui cospargere abiti e membra, un distanziament ...
Sedici voci contemporanee per un dizionario alternativo

Sedici voci contemporanee per un dizionario alternativo

Le parole sono importanti ma non tutto è necessariamente come sembra. Basta cambiare il punto di vista e a conti fatti c'è sempre un senso alternativo ...
Ad aprile non canto

Ad aprile non canto

Questo aprile di reclusione, assediati da una minaccia invisibile, ci richiama la sterile "terra desolata" di T.S. Eliot dove il silenzio assordante c ...
L’astro della mia infanzia? Quel radicalsocialista e cinefilo di mio zio Giuseppe Berretta

L’astro della mia infanzia? Quel radicalsocialista e cinefilo di mio zio Giuseppe Berretta

Il mio plauso oggi va ad un membro della mia famiglia ma persona degna un po' dimenticata dalla sua città. Giuseppe Berretta, laico e libertario, eter ...
1 2 3 6 10 / 60 Articoli