Blog

Sciascia, Pasolini e quella generazione dei intellettuali che fecero la storia ideale ed civile d’Italia

Blog In un convegno che si terrà a Racalmuto nei prossimi 22 e 23 ottobre, la Fondazione Leonardo Sciascia indagherà sulle sorti di un’intera generazione, quella dei nati tra il 1921 e il 1925, scrittori, artisti, intellettuali, politici che segnarono nel nostro Paese la storia della letteratura e delle arti, della politica e del dibattito ideale e civile

In occasione dei due centenari dalla nascita di Leonardo Sciascia (1921) e di Pier Paolo Pasolini (1922), la Fondazione Leonardo Sciascia avrebbe potuto celebrare il duraturo sodalizio tra i due scrittori con il consueto convegno in cui trattare ancora una volta di entrambi, della loro solidale diversità, delle polemiche in cui furono coinvolti, dei loro coraggiosi azzardi intellettuali ed espressivi.

Invece si è deciso di allargare il quadro, e di indagare per la prima volta – in un convegno che si terrà a Racalmuto nei prossimi 22 e 23 ottobre sulle sorti di un’intera generazione, la loro, quella dei nati tra il 1921 e il 1925. Fu infatti una generazione di scrittori, artisti, intellettuali, politici che segnarono nel nostro Paese la storia della letteratura e delle arti, della politica e del dibattito ideale e civile.

Pasolini e Sciascia al Premio Brancati di Zafferana Etnea nel 1968

Una storia della cultura e delle forme espressive scandita per generazioni è ancora da fare: questo tentativo, arricchito da relatori competenti, intende innovare il consueto appuntamento dei centenari, facendone occasione di indagini che ai soliti medaglioni celebrativi sostituiscano la febbrile temperatura delle epoche e degli ambienti di volta in volta indagati.

E così in quei due giorni ascolteremo, dopo la relazione introduttiva di Fernando Gioviale sul rapporto fra i due scrittori, quelle di Marina Paino su Italo Calvino, di Rosario Castelli su Francesco Rosi, di Leandra D’Antone su Emanuele Macaluso, di Stefania Mazzone su Danilo Dolci, di Elvira Seminara su Goliarda Sapienza, di Arianna Rotondo su Cristina Campo, del sottoscritto su Mario Pomilio, di Giuseppe Raniolo su Franco Basaglia, di Maria Panetta su Angelo Maria Ripellino, di Sebastiano Vecchio su don Lorenzo Milani, di Giuseppe Astuto su Enrico Berlinguer, di Dario Stazzone su Sebastiano Addamo, di Maria Rosa De Luca su Maria Callas, di Fabrizio Catalano su Damiano Damiani.

Un programma nutrito per un’idea nuova, ma non solo: al convegno si affiancherà una bella mostra – lettere, libri, immagini, documenti – sul rapporto Sciascia-Pasolini, (lettere, libri, immagn, documenti) curata da Vito Catalano e Edith Cutaia. A entrambi, il convegno e la mostra, tutti – studiosi e curiosi, studenti e docenti, devoti a Sciascia e/o a Pasolini – si ritengano calorosamente invitati.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.