San Berillo tra trasgressione e preghiera

Visioni Il documentario "Gesù è morto per i peccati degli altri" di Maria Arena giraton nel quartiere San Berillo di Catania sarà presentato al Festival dei Popoli di Firenze

La vera storia delle trans, dei travestiti e delle prostitute che vivono a Catania, nel quartiere di San Berillo, sono le protagoniste di “Gesù è morto per i peccati degli altri” il documentario firmato da Maria Arena che il 3 dicembre sarà presentato al 55° Festival dei Popoli di Firenze. Prodotto dalla Invisibile Film, dalla regista, dalla sceneggiatrice Josella Porto e da ucrowdfunding internazionale, è stato interamente girato nel quartiere San Berillo di Catania, un pugno di strette vie in rovina che fino agli anni ’50 erano il cuore commerciale e artistico della città ai piedi dell’Etna.

 

«Sogni e paure, – ha dichiarato Josella Porto – desolazione e allegria, trasgressione e preghiera, invidia e compassione sono le diverse emozioni raccolte nel quartiere di San Berillo e il nostro documentario cerca di restituire tutto questo allo spettatore». Per le sette protagoniste del documentario la quotidiana attesa dei clienti è segnata dai ritmi delle feste popolari dedicate a Santi e Madonne. Come novelle samaritane descrivono il loro incontro con la parola di Gesù Cristo e senza vergogna parlano di fede e prostituzione, rivendicano i loro diritti, presentano l’intimità delle loro famiglie e della loro solitudine davanti alla porta.

«Gesù è morto anche per i peccati degli altri è un racconto intimo di una vita ai margini – spiega Maria Arena – che permette allo spettatore di qualsiasi nazionalità di identificarsi pur non perdendo la peculiarità di una storia del sud Italia».

La colonna sonora è stata affidata a musicisti catanesi sotto la direzione artistica di Stefano Ghittoni, brani inediti di Kaballà, Cesare Basile, Agostino Tilotta, degli Uzeda e Salvatore Zinna.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.