sabato 20 aprile 2019

sabato 20 aprile 2019

MENU

Tag migranti

Okies

L'11 aprile al Centro Zo di Catania il concerto-spettacolo "Rageen" della formazione catanese per la rassegna "Partiture"

11 aprile 2019 ore 21.30
MA - Catania - via Vela

«La fede è apertura al mondo, il bene della polis viene dai valori»

Il vescovo di Acireale non si sottrae al dibattito sui migranti che infiamma l'Europa: «La questione è complessa, vanno coinvolti americani, russi e cinesi». Il presule difende il ruolo della Chiesa: «Attenti al sociale, i nostri ponti umanitari non sono astratte utopie». L'impegno della Diocesi con il progetto del parco culturale ecclesiale: «Un'opportunità di lavoro per i giovani»

Ultima modifica 07 marzo 2019 23:04

Caro 2019 ti scrivo

Il braccio di ferro sui migranti, la farsa delle new town per i terremotati etnei, la tragica pantomima dei devoti "delinquenti" di Sant'Agata, l'aumento della tassa sui rifiuti a carico solo di chi paga. Quest'anno per noi siciliani è cominciato abbastanza male. Per quelli, poi, che vivono tra Catania e provincia anche peggio

Ultima modifica 12 febbraio 2019 00:06

Alfredo Lo Piero spiega il dramma dei migranti agli studenti

Il regista catanese porta il suo docu-film "La libertà non deve morire in mare" nelle scuole di tutta Italia. Si comincia il 26 gennaio al Cine Star dei Portali di San Giovanni la Punta con gli studenti del De Nicola di Catania

Ultima modifica 21 gennaio 2019 19:36

Carmine Abate: «Trasformo la ferita della partenza in ricchezza»

Passano da Lampedusa, dopo un terribile e drammatico viaggio dall'Africa verso l'Italia, i migranti che lo scrittore calabrese descrive nel suo ultimo romanzo "Le rughe del sorriso", presentato nelle scorse settimane a Papa Francesco: «Io personalmente ho attraversato il calvario dei migranti. Nel libro ho dato dignità letteraria a personaggi reali tanto da renderli irriconoscibili a loro stessi»

Ultima modifica 21 dicembre 2018 22:14

Il presepe vissuto sulla pelle. Il Colapesce apre ai migranti

Una pelle su cui si leggono ancora le torture delle carceri libiche, che non dimentica le ustioni della nafta e i naufragi. Una pelle sconosciuta e, per questo, "nemica". Nel cuore del centro storico catanese gli attivisti del centro popolare occupato rispondono al decreto sicurezza, che nei prossimi giorni lascerà al freddo 90 persone del Cara di Mineo, offrendo loro un tetto e mettendo in pratica la vera resistenza. Quella umana

Ultima modifica 02 gennaio 2019 14:10
  12345678