venerdì 14 dicembre 2018

venerdì 14 dicembre 2018

MENU

"Pensaci, Giacomino", la tragedia di vivere negli occhi degli altri

Recensioni

Soddisfacente Pirandello allo Stabile di Catania con un ennesimo “Pensaci, Giacomino” (ultime repliche il 10 e l'11 novembre) affidato a Leo Gullotta, più in forma che mai nella sua dolente interpretazione di un personaggio complesso, assurdo e straziante come tutti i più riusciti personaggi pirandelliani


di Silvana La Porta

Una società becera, bigotta e conservatrice. E un povero professore ormai alla fine della sua carriera che riscatta, con un gesto di generosità, il fallimento della sua vita di misero insegnante.

Soddisfacente Pirandello al Teatro Stabile di Catania con un ennesimo “Pensaci, Giacomino” (ultime repliche sabato 10 novembre alle 17.15 e domenica 11 novembre alle 17.30) affidato a un interprete d’eccezione: il nostro Leo Gullotta, più in forma che mai nella sua dolente interpretazione di un personaggio complesso, assurdo e straziante come tutti i più riusciti personaggi pirandelliani.

Leo Gullotta in Pensaci, Giacomino in scena allo Stabile di Catania

Fabio Grossi, uno dei registi più convincenti del momento, ha optato per una soluzione scenica che non ha mancato di indulgere a momenti farseschi, bilanciandoli sufficientemente con il dettato pirandelliano, che come ben sappiamo, era molto rigoroso ad ogni messa in scena e mirava a forzare i canoni del teatro naturalistico. Molto efficaci i volti deformi e grotteschi stagliati sul sipario che hanno accolto piacevolmente gli spettatori, introducendo poi la piéce e dandole da subito una chiave di lettura ben precisa: è il “vivere negli occhi degli altri” la vera tragedia, come la definiva Pirandello stesso, ovvero la trappola sociale da cui Agostino Toti cerca disperatamente di fuggire, offrendo alla giovane e povera Lillina una esteriore verniciatura d’onorabilità.

Un'altra scena di Pensaci, Giacomino con Leo Gullotta

Leo Gullotta è stato un professor Toti sobrio, mai sopra le righe, che anzi si è distinto dagli altri personaggi “comici”, superficiali per assurgere a una valenza pienamente “umoristica” in certe modulazioni di voce ben studiate e nella ricerca di una recitazione davvero sofferta a rendere un uomo vecchio e solo, amaramente disincantato, che provocatoriamente sfida il mondo. Bravissimo Sergio Mascherpa, un padre Landolina ipocrita e cattivissimo prete che cerca di recuperare Giacomino, mentre il professore urla: “Che crede? Lei neanche a Cristo crede!”, quasi in vesti sacerdotali per indicare da che parte sta la giustizia. Perfettamente nella parte tutti gli altri attori, Liborio Natali (il direttore Diana), Federica Bern (Lillina), Marco Guglielmi (Giacomino), Valerio Santi (Cinquemani), Valentina Gristina (Rosaria, la sorella di Giacomino), Rita Abela (Marianna), Gaia Lo Vecchio (le due serve).

Ne è risultato un accorato inno alla libertà soffocata dalla meschina e gretta società, anche se non sarebbe dispiaciuta, a tratti, una lettura più intima del dramma pirandelliano…


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 09 novembre 2018





Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

Nel gioco tra bene e male vince il diabolico Riondino

Ben riuscita la messinscena di Andrea Baracco, su riduzione di Letizia Russo, de "Il Maestro e Margherita" il capolavoro di Mikail Bulgakov, andata in scena di recente allo Stabile di Catania. Ironico e affascinante nei panni del satanico Woland, l'attore pugliese si è abbandonato a una recitazione ricca di ghigni e di risatine sibilanti, ma mai sopra le righe

Soli si muore/Lotus Flower, energia ed eleganza danzano all'unisono

Lunghi e meritati applausi per la coreografa catanese Alessandra Scalambrino che firma lo spettacolo di danza andato in scena al Centro Zo di Catania. Due momenti conseguenziali che affrontano la solitudine: lo strazio della consapevolezza e la forza inspiegabile che ne scaturisce. In scena nove eccellenti e grintosi performer che sono stati corpo, materia ed energia

Spazio/Gesto/Colore/Parola/Suono, i cinque elementi della classica

Al Museo diocesano di Catania, l'ultimo appuntamento di "Chant d'automne", concerto organizzati dalla Camerata Polifonica Siciliana, al top dell’anticonvenzionale, tra righe più o meno ardite di sperimentazione multimediale, con forte impronta di autori siciliani, su tratti poetici di sottofondo, dal repertorio letterario del Cinquecento a oggi

Il Cigno catanese faro e luce dei 50 anni del premio Bellini d'oro

E’ stata una serata davvero piacevole, ospiti il soprano Desirée Rancatore e il baritono Renato Bruson, la premiazione del Bellini d’oro, organizzata dalla Società Catanese Amici della Musica in collaborazione con il Teatro Massimo Bellini, e quest’anno giunta a un compleanno importante, il suo glorioso cinquantesimo

"La cena", quando il pubblico è testimone di un gioco psicologico

Replica fino al 18 novembre al Piccolo Teatro della città di Catania la tragicommedia familiare, vecchio cavallo di battaglia della coppia Giuseppe Manfridi e Walter Manfrè, che vede in scena Andrea Tidona, Chiara Condrò, Stefano Skalkotos e Cristiano Marzio Penna

"O soave fanciulla", l'amore impregnato di quotidianità di Puccini

Il secondo appuntamento della stagione “Chant d'Automne” promossa dalla Camerata Polifonica Siciliana per celebrare il trentennale, con i soprani Gonca Dogan e Carmen Maggiore, il tenore Filippo Micale, accompagnati dal Maestro Ivan Manzella, e l'ascolto guidato di Aldo Mattina