domenica 17 febbraio 2019

domenica 17 febbraio 2019

MENU

"Pensaci, Giacomino", la tragedia di vivere negli occhi degli altri

Recensioni

Soddisfacente Pirandello allo Stabile di Catania con un ennesimo “Pensaci, Giacomino” (ultime repliche il 10 e l'11 novembre) affidato a Leo Gullotta, più in forma che mai nella sua dolente interpretazione di un personaggio complesso, assurdo e straziante come tutti i più riusciti personaggi pirandelliani


di Silvana La Porta

Una società becera, bigotta e conservatrice. E un povero professore ormai alla fine della sua carriera che riscatta, con un gesto di generosità, il fallimento della sua vita di misero insegnante.

Soddisfacente Pirandello al Teatro Stabile di Catania con un ennesimo “Pensaci, Giacomino” (ultime repliche sabato 10 novembre alle 17.15 e domenica 11 novembre alle 17.30) affidato a un interprete d’eccezione: il nostro Leo Gullotta, più in forma che mai nella sua dolente interpretazione di un personaggio complesso, assurdo e straziante come tutti i più riusciti personaggi pirandelliani.

Leo Gullotta in Pensaci, Giacomino in scena allo Stabile di Catania

Fabio Grossi, uno dei registi più convincenti del momento, ha optato per una soluzione scenica che non ha mancato di indulgere a momenti farseschi, bilanciandoli sufficientemente con il dettato pirandelliano, che come ben sappiamo, era molto rigoroso ad ogni messa in scena e mirava a forzare i canoni del teatro naturalistico. Molto efficaci i volti deformi e grotteschi stagliati sul sipario che hanno accolto piacevolmente gli spettatori, introducendo poi la piéce e dandole da subito una chiave di lettura ben precisa: è il “vivere negli occhi degli altri” la vera tragedia, come la definiva Pirandello stesso, ovvero la trappola sociale da cui Agostino Toti cerca disperatamente di fuggire, offrendo alla giovane e povera Lillina una esteriore verniciatura d’onorabilità.

Un'altra scena di Pensaci, Giacomino con Leo Gullotta

Leo Gullotta è stato un professor Toti sobrio, mai sopra le righe, che anzi si è distinto dagli altri personaggi “comici”, superficiali per assurgere a una valenza pienamente “umoristica” in certe modulazioni di voce ben studiate e nella ricerca di una recitazione davvero sofferta a rendere un uomo vecchio e solo, amaramente disincantato, che provocatoriamente sfida il mondo. Bravissimo Sergio Mascherpa, un padre Landolina ipocrita e cattivissimo prete che cerca di recuperare Giacomino, mentre il professore urla: “Che crede? Lei neanche a Cristo crede!”, quasi in vesti sacerdotali per indicare da che parte sta la giustizia. Perfettamente nella parte tutti gli altri attori, Liborio Natali (il direttore Diana), Federica Bern (Lillina), Marco Guglielmi (Giacomino), Valerio Santi (Cinquemani), Valentina Gristina (Rosaria, la sorella di Giacomino), Rita Abela (Marianna), Gaia Lo Vecchio (le due serve).

Ne è risultato un accorato inno alla libertà soffocata dalla meschina e gretta società, anche se non sarebbe dispiaciuta, a tratti, una lettura più intima del dramma pirandelliano…


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 09 novembre 2018





Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

Sacro e profano, contraddizione tragica della devozione agatina

Bello e commovente il nuovo allestimento di "A. Semu tutti devoti tutti?" della Compagnia Zappalà Danza che, come in un cerchio simmetrico, mette insieme la vera devozione per Sant'Agata e i giochi sporchi della criminalità organizzata. Un linguaggio scenico forte sin dall'inizio, che si è conclusa con l'apparizione del coreografo Roberto Zappalà per un'esortazione semplice sincera

Vera, la Bella addormentata che non si è svegliata

Un successo al Canovaccio di Catania la ripresa di "Io sono verticale" di Silvio Laviano ispirato alla vita della poetessa americana Sylvia Plath, simbolo della lotta contro le ataviche frustrazioni delle donne verso gli uomini. In scena una stupefacente Alessandra Barbagallo che incarna una donna tormentata, delusa da un mondo maschile che l’ha imprigionata in una prigione dorata

"Lost in time" di Murcof, minimal-fanta-western verso un futuro ignoto

Accoglienza calorosa del pubblico catanese di Zo centro per le culture contemporaee al viaggio sonoro del messicano Fernando Corona in arte Murcof sulle immagini del canadese Patrick Bernatchez, che ha inaugurato la rassegna Partiture

Sorelle Materassi di Gleijeses restituisce lo spirito di Palazzeschi

I principali ingredienti del successo della pièce teatrale, ospitata al Teatro Verga di Catania e in scena a Palermo fino al 10 febbraio, sono sicuramentele attrici, le due signore del teatro Milena Vukotic e Lucia Poli, tanto sottilmente affiatate che sembrano essere davvero sorelle

Flauto Magico, la lotta fra bene e male in una fiaba fuori dal tempo

Al Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania la regìa di Pier Luigi Pizzi ha lasciato alle spalle l’ambientazione paesaggistica del bosco e il contesto fiabesco dell'opera mozartiana, per ambientare il tutto in epoca moderna, con accentuata sottolineatura del rito massonico

Nicolò Cafaro, talento foriero di innovative impronte armoniche

Applaudito al Katane Hotel di Catania, il 18enne pianista catanese, esibitosi per la stagione della Società Catanese Amici della Musica. Capacità interpretative nettamente superiori alla sua età e un’ammirevole solidità tecnica si sono unite a una cura costante del bel suono