Maccheroni di borragine al ferretto con macco di fave di Buccia di Limone

Ricette Dalla cucina di Elisa Rizza la ricetta di un primo piatto unico e delizioso, ideale per le giornate di freddo invernali in cui si ha solo voglia di stare a casa e farsi corroborare da pietanze calde e saporite

Quando ci sono delle belle giornate di sole dopo settimane di pioggia, tra l’abbondante e il diluvio, se si ha la fortuna di vivere in campagna o di fare anche una semplice passeggiata, ci si ritrova circondati da tante erbe spontanee che normalmente vengono catalogate come infestanti.
In effetti lo sono, soffocano i fiori del giardino o le piante dell’orto ma, come la vita ci insegna, bisogna sempre trasformare un problema in opportunità, e allora, se tali piante sono sì infestanti, sono anche e fortunatamente commestibili… non resta che utilizzarle.

La borragine l’ho usata già per fare dei tortelli (che buoni!) o l’ho cucinata, ripassata con un po’ di pomodoro secco, basilico e aglio come contorno o come base di una frittata.
La borragine, assieme alla cicoria selvatica o al finocchietto, viene usata per accompagnare il macco di fave (zuppa di fave secche che poi si schiacciano per diventare un purè, macco, appunto, da ammaccare).

Questo connubio nella ricetta che vi propongo oggi l’ho mantenuto, ma giocando un po’ con i ruoli. Mentre il macco di fave è rimasto tale, la borragine l’ho trasformata e le ho dato una forma, l’ho resa pasta, in un formato casereccio, che si trova in Sicilia in diverse grandezze, ma che comunque si trova in tutto il sud Italia.
Ecco che così ho formato dei maccheroni (o maccarrunedda) aggiungendo la borragine nell’impasto che diventa gustoso, profumato e perfetto per accompagnare il macco di fave.

Piatto unico e delizioso, è ideale per le giornate di freddo invernali in cui si ha solo voglia di stare a casa e farsi corroborare da pietanze calde e saporite.
Adesso mi direte, ma come si fanno i Maccheroni di borragine al ferretto?

Intanto procuratevi gli ingredienti

Per i maccheroni
250g di farina di semola di grano duro
50g di borragine già cotta e strizzata (equivale a un bel mazzo di borragine fresca)
sale
acqua q.b.

Per il macco
400g di fave secche decorticate
una carota
una cipolla piccola
un cucchiaino di semi di finocchio
una foglia di alloro
3 foglie di salvia
una punta di un peperoncino (facoltativo)
sale
pepe
olio evo

poi, seguite questo video, in cui vi spiego il procedimento passo passo

Iniziamo con l’impasto. Prendete la borragine e tritatela con la mezzaluna.
Mettete la farina sulla spianatoia, create un buco centrale e inserite la borragine.
Iniziate a impastare e se l’umidità della borragine è insufficiente per legare tutta la farina, iniziate a versare un po’ d’acqua.
Unite un pizzico abbondante di sale.

© Buccia di Limone

Lavorate fino ad avere un impasto sodo, facile da lavorare.
Formate una palla e mettete a riposare sotto una ciotola capovolta.

© Buccia di Limone

Passiamo al macco di fave.

Pestate leggermente i semi del finocchio.
Su un tagliere riducete a dadini la cipolla e la carota.
In una pentola mettete due cucchiai d’olio, i semi di finocchio, l’alloro, la salvia e il peperoncino.
Lasciate scaldare dolcemente, quando sentirete il profumo dei semi di finocchio unite la carota e la cipolla.
Lasciate che la cipolla diventi translucida e a quel punto unite le fave secche.
Fatele insaporire e poi unite tanta acqua calda da ricoprirle fino a due dita in più.
Mettete il coperchio lasciando una fessura, il fuoco sarà lento e lasciate cuocere.

Riprendiamo il nostro impasto.
Ne ricaviamo una palla, il resto dell’impasto lo rimettiamo sotto la ciotola, e cerchiamo di creare dei cordoncini.

© Buccia di Limone

li tagliamo a una lunghezza di circa 6 cm (potete anche farli più piccoli)

© Buccia di Limone

e con l’aiuto di uno stecco di legno, va bene quello che si usa per gli spiedini o se avete un vecchio ferro da calza (come si faceva una volta, da qui il nome…)

© Buccia di Limone

formate i maccarrunedda.
Incidete al centro mettendo lo stecco sul rotolino di pasta e fate rotolare verso di voi.

© Buccia di Limone

Man mano che fate i maccarrunedda, sistemateli su un vassoio infarinato.

Intanto controllate che i macco sia arrivato a cottura, nel caso aggiungete dell’altra acqua, ma in 40 minuti dovrebbe essere cotto.
Schiacciatelo un po’, aggiustate di sale e di pepe.

In una pentola portate a ebollizione dell’acqua e cuocete i maccheroni.
Uniteli al macco, assieme a una mestolata di acqua di cottura, girate per bene e servite.
Completate con un bel giro d’olio evo.

© Buccia di Limone

Se questa ricetta ti è piaciuta, segui le altre proposte di Elisa Rizza su Buccia di Limone

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.