Blog

Ma sì, rivalutiamolo il “tradimento”

Blog Le cronache sportive sono piene del "tradimento" del calciatore Chiesa reo di aver lasciato Firenze per l'odiata (dai viola) Juve. Ma la vita non è un continuo tradimento, un incessante mettere in discussione noi stessi? La “coerenza” non è l’ottuso privilegio degli ignavi? L'archetipo di traditore, Giuda, per un vangelo apocrifo era addirittura l'apostolo prediletto, colui al quale Gesù disse: “Sarai superiore a tutti gli altri, perché sacrificherai l’uomo che mi riveste”

Traditore! gridano i tifosi fiorentini al calciatore Chiesa passato alla Juve. Somma ingiuria, riservata a coloro che si vendono al nemico; ma anche spietato anatema usato dai dittatori per liberarsi di scomodi alleati. Parola ambigua, dunque. Non tradiamo noi stessi, un’idea, un’appartenenza ogni volta che cambiamo opinione, quando quella vecchia è smentita dall’evidenza? Non tradiamo ogni volta che cambiamo il partito da votare, la donna da amare, l’amico cui confidarsi, lo scrittore o il pensatore da eleggere a guida e punto di riferimento? E non è la vita un continuo tradimento, un incessante mettere in discussione noi stessi e i nostri provvisori approdi? La “coerenza” non è l’ottuso privilegio degli ignavi, di chi ripara la propria inerzia all’ombra di una ortodossia?

Federico Chiesa con la maglia viola della Fiorentina

Ma sì, rivalutiamolo il “tradimento”. E perfino il suo archetipo: il famigerato “bacio di Giuda”. Anni fa fu rinvenuto un apocrifo Vangelo di Giuda, che diede la stura a un profluvio di libri sul discepolo infedele. Ma cosa ci dicono i vangeli canonici? Che l’Iscariota “consegna” Cristo, come a obbedire a un disegno superiore, a un doloroso compito: il verbo greco paradídomi, usato a designare l’azione di Giuda, ha quel significato decisamente neutro. Come il latino trado, tradĕre: e ci chiediamo se il suo derivato nelle lingue romanze non si sia caricato di sinistre risonanze proprio a partire dalla criminalizzazione di Giuda, l’ebreo perfido e “traditore”. È superfluo aggiungere, del resto, che allo stesso etimo risale “tradizione”, ovvero quella trasmissione fatta di superamenti e fraintendimenti, di rotture e infedeltà che i saperi e i valori subiscono, arricchendosi, nel corso del tempo.

Papa Ratzinger si affrettò a smentire quell’apocrifo prima ancora che uscisse il testo integrale: Giuda è e deve restare l’abietto traditore, il dannato per antonomasia. E invece quel Vangelo apocrifo ci narra del più amato degli apostoli, che perciò Gesù avrebbe scelto per compiere la più terribile e necessaria delle missioni: consegnarlo al potere e immolarlo sulla croce. Anzi, per dirla nei termini della spiritualità gnostica, cui partecipa l’anonimo redattore di quel vangelo: “Sarai superiore a tutti gli altri, perché sacrificherai l’uomo che mi riveste”.

Quelle parole tremende, tradire e tradimento, non sono a mio avviso che una successiva evoluzione (e demonizzazione) del termine originario, avvenuta quando la figura di Giuda fu sacrificata sull’altare della separazione dal ceppo ebraico e dalla sua religione: per seguire questo processo, basta rileggere diacronicamente i quattro vangeli, così diversi fra loro perché redatti in ambienti e tempi diversi, fino all’ultimo: quello di Giovanni, il più antiebraico, il più spietato nei confronti di Giuda.

Il bacio di Giuda di Cimabue

E Giuda era, fra i discepoli, l’unico giudeo: gli altri provenivano tutti dalla Galilea. Giuda è l’ebreo. Il sentimento antiebraico che tante tragedie ha causato nei secoli nasce proprio lì: dall’infame retorica del “deicidio” e dalla demonizzazione “cristiana” della figura dell’Iscariota. Alla letteratura, da Thomas de Quincey a Katzanzakis e a Borges, è sempre piaciuto pensare la realtà diversamente e Giuda come un ribelle deluso, uno zelota che voleva costringere Cristo a impugnare la spada, oppure come un fedele esecutore del disegno del suo Maestro. Certo come un personaggio vero, più di quei discepoli diffidenti e dormiglioni, che non capiscono un’acca delle parabole, e più di quel Pietro che tradirà anche lui, ma senza espiare.

E ora ecco, a confermare i dubbi e a dare a Giuda un’ultima chance, questo documento scritto nel III secolo, traduzione in copto d’un apocrifo d’almeno un secolo prima. Ma cosa intendiamo, parlando di vangeli apocrifi e di vangeli canonici, accettati dalla Chiesa? Nient’altro se non che quest’ultima, a partire da Ireneo vescovo di Lione, decise per comprensibili opportunità politiche che nel vario arcipelago dei cristianesimi possibili, dei vangeli e delle lettere apostoliche, delle riletture (tutte a distanza e perciò egualmente legittime) della Buona Novella, occorresse scegliere un solo cristianesimo, una sola verità, una sola scrittura il più possibile coerente. E quindi distinguere fra il canone accettato e i testi da ritenere per l’appunto apocrifi; e, quel ch’è peggio, tra l’ortodossia e le cosiddette eresie, da perseguire nei modi cruenti che sappiamo.

Il che ha salvato storicamente la Chiesa; ma ha messo fine alle fedi, a quel “libero esame” che più tardi sarà rivendicato dal protestantesimo (anch’esso, poi, incline a cristallizzarsi in chiese), al fervore di dispute sulla natura del Cristo e sulla resurrezione, sui sacramenti e sull’apostolato, sul corpo e sull’anima, sul peccato e sull’elezione, perfino (e si leggano certi apocrifi che il femminismo di oggi dovrebbe canonizzare) sul ruolo primario delle donne e sulla natura anche o solo femminile di Dio.

E il “tradimento” decretato dai feroci custodi dell’ortodossia confinava la libera elaborazione del pensiero negli inferni dell’“eresia”: cioè, stando anche in questo caso all’etimo greco, della scelta. Ed ecco Giuda traditore di Cristo, Bruto di Cesare, Lutero del papa, Bruno e Spinoza delle rispettive chiese, Danton di Robespierre, Garibaldi dei Savoia, Dreyfus della Francia, Oberdan dell’impero austro-ungarico, menscevichi e socialisti rivoluzionari traditori del comunismo di Lenin, Trockij e Bucharin di quello di Stalin, Silone del comunismo italiano, Bottai di Mussolini e del fascismo, Conte di Salvini, papa Bergoglio del “contesto” vaticano affaristico-reazionario, giù giù fino al calciatore che cambia maglia, e non sa – lui che in realtà pensa solo ai soldi – di essere l’ultima caricaturale variante del mistero di amore e violenza consumato nell’Orto degli Ulivi.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.