Il palermitano Benedetto Alessandro tra gli under 35 “ammessi” a Federdoc

Calici & Boccali Il giovane imprenditore è stato indicato dal Consorzio di tutela vini Doc Sicilia a seguito della richiesta del Cda di Federdoc di far partecipare dieci giovani produttori italiani ai Consigli della Confederazione Nazionale dei Consorzi volontari per la tutela delle denominazioni di origine

L‘imprenditore vinicolo palermitano Benedetto Alessandro parteciperà ai CdA della Federdoc su indicazione del Consorzio di tutela vini Doc Sicilia. La nomina di Alessandro fa seguito alla richiesta del Cda di Federdoc di far partecipare dieci giovani produttori italiani, di età inferiore ai 35 anni, con diritto di parola, ai Consigli o alle altre assemblee della Confederazione Nazionale dei Consorzi volontari per la tutela delle denominazioni di origine.

Il giovane imprenditore palermitano Benedetto Alessandro

La proposta di aprire al contributo dei giovani produttori è stata avanzata dal Presidente di Federdoc, Riccardo Ricci Curbastro. Alessandro, classe 1990, ha conseguito la laurea in Viticoltura ed Enologia all’Università di San Michele all’Adige con votazione di 110 con lode nel luglio del 2012. Ha poi subito avviato il proprio percorso professionale nell’azienda vitivinicola di famiglia, maturando al contempo esperienze specialistiche nell’emisfero Sud, in Australia nell’anno 2013 e in Cile nel 2014 e 2015. Dal luglio 2015 Alessandro è stabilmente in Sicilia dove all’impegno nella propria azienda alterna consulenze enologiche in varie aree della regione, con particolare riguardo per il territorio dell’Etna.
L’obiettivo del coinvolgimento degli under 35, secondo Ricci Cubastro, è quello di far conoscere ai giovani l’attività politica e lobbystica della Federazione, e “formarli” coinvolgendoli nelle principali questioni politiche relative ai vini di qualità consentendo il trasferimento delle conoscenze e delle esperienze dell’attuale classe dirigente che fa parte del CdA.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.