venerdì 20 settembre 2019

venerdì 20 settembre 2019

MENU

HJO Jazz Orchestra, il lato swing dei cartoni animati

Recensioni

Per il cartellone "Un palcoscenico per la città" della Camerata Polifonica siciliana con il Teatro Massimo Bellini, la nota jazz orchestra catanese, diretta da Sebastiano Benvenuto Ramaci, ha portato sul palco del Sangiorgi di Catania la magia delle colonne sonore dei film d'animazione


di Silvana La Porta

L'HJO Jazz Orchestra è un ensemble che da tempo ormai si fa apprezzare per la capacità di creare sonorità gradevoli, riportando gli ascoltatori ad atmosfere retrò tra jazz e swing. Lo scintillante direttore, Sebastiano Benvenuto Ramaci, ha davvero lavorato per costruire un progetto musicale serio e accattivante, che è capace sempre di rinnovarsi e tentare nuove strade. Ultima simpatica idea quella di donare agli ascoltatori lo swing delle colonne sonore e dei cartoni animati con una bella serata di musica venerdì 14 giugno al Teatro Sangiorgi di Catania per il cartellone "Un palcoscenico per la città" della Camerata Polifonica siciliana con il Teatro Massimo Bellini.

HJO Jazz Orchestra, foto Gattopino

Sax trombe, tromboni accompagnati efficacemente dal pianoforte di Angelo Fichera, il contrabbasso di Fabrizio Scalzo e la batteria di Giovanni Caruso hanno evocato i più famosi cartoon di tutti i tempi dai Simpson al Libro della giungla, dalla Pantera rosa al coinvolgente Spiderman. L’orchestra di fiati, come sempre, ha dato vita a uno swing dolce e incalzante, particolarmente gradevole nei crescendo, che davvero è riuscita ad evocare le immagini dei film, che purtroppo, per problemi tecnici, non hanno potuto degnamente corredare l’esibizione.

Ma ci ha pensato il maestro Ramaci a fare da presentatore, anzi "presentatore ma non troppo": perché, come ha ben detto con il suo solito spirito ironico, ha voluto lasciare agli ascoltatori il piacere di indovinare o immaginare le scene cinematografiche. E’ stato davvero il concerto di una grande band dal suono caldo e potente. Non resta che attendere, in qualche prossima esibizione, le immagini più belle a corredo di una musica così bella.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 17 giugno 2019





Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

Una convincente Fedra nella rilettura di Salvatore Guglielmino

Al Castello Ursino di Catania, per la rassegna di teatro classico Mitoff, è andato in scena l'adattamento della tragedia di Seneca. La complessità della protagonista, lacerata tra ratio e passione, ha trovato piena espressione nella recitazione accorata di Alice Ferlito

L'emotiva e fragile Turandot di Elina Ratiani

Bella e convincente l'opera messa in scena al Teatro antico di Taormina lo scorso 3 settembre, a cominciare dalla regia di Enrico Stinchelli, ma la grande rivelazione è stata il soprano georgiano che si è rivelata più di una virtuosa del canto

Una messa in scena poco incisiva l'Orfeo di Mitoff

La piéce che al Castello Ursino di Catania ha aperto la rassegna dedicata al teatro classico, riletta e adattata da Salvatore Guglielmino, prometteva di essere interessante ma non ha convinto del tutto

Il carisma e il tocco cristallino di Marta Argerich incantano Taormina

Al teatro antico la celebre pianista svizzero-argentina ha chiuso il Taormina Opera Stars di Davide Dellisanti eseguendo il sul Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra di Franz Liszt. Con lei il pianista italo-argentino Daniel Rivera che ha eseguito il Concerto in la minore per piano e orchestra op.16 di Edvard Grieg. Il M° Gianna Fratta ha condotto l'orchestra del Taormina Opera Stars

Odissea alle Gole Alcantara: «Uomo in mare si salva sempre…»

Un palcoscenico naturale e magico per il capolavoro di Omero diretto dal regista Giovanni Anfuso. Un'ottima squadra e uno splendido cast per portare in scena gli insegnamenti immortali della letteratura classica. Repliche fino al 25 agosto

Monica Guerritore a Taormina, mattatrice dall’alba al tramonto

Grandi applausi per l'attrice romana protagonista di due spettacoli al Teatro antico, due spettacoli diversi legati dal medesimo fil rouge: il racconto interiore e la discesa nell’anima del mondo