martedì 23 luglio 2019

martedì 23 luglio 2019

MENU

Filippo La Mantia, showcooking di cous cous al Fico di Bologna

Tutto fa panza

Il cuoco palermitano ospite del parco agroalimentare, nel mese dedicato ai cereali e al mestiere del mugnaio, per uno showcooking con il cous cous di farro di filiera 100% italiana della ferrarese Bia, azienda leader del settore


di Redazione SicilyMag

Il cous cous approda a FICO Eataly World nel mese dedicato ai cereali e al mestiere del mugnaio con un evento tutto da gustare. Si apre così la prima settimana degli eventi dedicati a “La via della Spiga”: per tutto il mese di giugno, a FICO, il parco agroalimentare di Bologna, si susseguiranno esperienze di approfondimento, produzione e degustazione legate al mondo dei cereali, dalle lavorazioni effettuate con il mulino a pietra e il mulino di semola alla vera e propria produzione di vari tipi di pasta, pane, mais e riso. Nella mattinata di giovedì 7 giugno, Bia Cous Cous - azienda leader nella produzione di cous cous, con sede ad Argenta, nella provincia di Ferrara - ha presentato un accattivante showcooking nell’Arena di FICO con Filippo La Mantia, rinomato oste e cuoco siciliano, testimonial dell’azienda ferrarese. Lo showcooking ha coinvolto i visitatori del Parco agroalimentare, che hanno potuto assaggiare il piatto a base di Bia CousCous creato da La Mantia, utilizzando cous cous di farro di filiera 100% italiana. Al termine, i partecipanti sono stati omaggiati di un pacco di cous cous affinché possano replicare a casa quanto hanno visto realizzare nel teatro Arena di FICO.

Lo showcooking col cous cous di Filippo La Mantia al Fico di Bologna

Nata oltre dieci anni fa, Bia CousCous oggi è presente in 50 paesi del mondo e ha come obiettivo primario la cura del prodotto, del consumatore e dell’ambiente. Contraddistinta da impianti all’avanguardia tecnologica, coniuga il progresso e le conseguenti performance produttive con la storia di un prodotto che nasce dalla semplicità della tradizione e della lavorazione della semola.

Punto di forza dei Bia CousCous è che non necessariamente devono essere cotti: la preparazione può avvenire semplicemente reidratando il prodotto con acqua calda o fredda, anche fuori dalla cucina in soli 5 minuti: sono, quindi, ideali per tutti coloro che hanno poco tempo a disposizione ma non vogliono rinunciare a nutrirsi correttamente. L’imperativo della qualità è associato a quello dell’ampiezza di gamma: oltre alla linea convenzionale, con la semola di grano duro classico e quello integrale, c’è quella bio che comprende, tra gli altri, i cous cous di farro, kamut, orzo e quattro cereali. Si prosegue con la linea dei cous cous “buoni così” già conditi con spezie, aromi e ortaggi, e con quella dei senza glutine di mais, riso e mais e riso, cui si è aggiunta la linea wellness, volta a unire benessere e bontà in quattro referenze, ceci e lenticchie rosse, grano saraceno, integrale e lenticchie rosse e ceci, mais e riso. Fiore all’occhiello della produzione è la linea filiera 100% italianache comprende tre tipologie di cous cous con semola xxl, prodotte da un’accuratissima selezione di materie prime italiane. Ultime arrivate le Bia CousCup, in sei differenti gusti, che uniscono le proprietà del Bia cous cous alla praticità d’uso, essendo cup monodose. Basta aggiungere acqua fredda e il gioco è fatto. Per gustare il cous cous caldo è sufficiente aggiungere acqua calda o utilizzare il microonde per soli tre minuti. Sono disponibili in versione biologica o convenzionale e in diverse e appetitose varianti: doppio pomodoro, menta piperita e limone candito, pomodoro-basilico e origano, curcuma, pomodoro e infine paprika. Ogni CousCup assicura un pasto pronto subito e, al tempo stesso, nutriente e leggero.

Lo showcooking di La Mantia

Fico Eataly World è il Parco dell’agroalimentare più grande del mondo, che ha aperto a Bologna il 15 novembre 2017. Su 10 ettari, Fabbrica Italiana Contadina racchiude la meraviglia della biodiversità italiana, dal campo alla forchetta. Ogni mese a FICO è dedicato ad un mestiere e un prodotto della nostra tradizione: gennaio agli animali e all’allevatore, febbraio ai dolci e al pasticcere, marzo ai formaggi e al casaro, aprile agli ortaggi e all’ortolano, maggio ai fiori e al floricultore, giugno ai cereali e al mugnaio, luglio alla frutta e al contadino, agosto al pomodoro e al pizzaiolo, settembre al vino e al vignaiolo, ottobre alla birra e al birraio, novembre alla cucina e agli chef, e dicembre all’artigiano e ai mercatini di Natale.

Un luogo unico, creato per comprendere l’agricoltura italiana attraverso 2 ettari di campi e stalle con più di 200 animali e 2000 cultivar; per conoscere la trasformazione alimentare con 40 fabbriche contadine che mostrano la produzione di carni, pesce, formaggi, pasta, olio, dolci, birra e tanti prodotti italiani; per degustare il meglio della tavola e delle bevande italiane con una scelta di oltre 45 luoghi di ristoro diversi, dai chioschi di street food fino ai ristoranti stellati; per giocare e imparare con le 6 “giostre” educative dedicate al fuoco, alla terra, al mare, agli animali, al vino e al futuro. Ma non solo: ogni giorno, 30 eventi e 50 corsi tra aule, teatro, e spazi didattici. FICO ospita anche un centro congressi con cinema, ed una Fondazione a cui aderiscono quattro Università.

Il cous cous di Filippo La Mantia


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 07 giugno 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Festa di primavera da Io.bio, la fattoria urbana di Palermo dove ci si riconnette con la terra

Venerdì 12 aprile l'agribistrot creato dai coniugi Gino Gambino e Carmela Senatore ospiterà l'evento di stagione che promuove l'oasi urbana con cucina biologica affidata a Marco Piraino, immersa in un agro di 3mila metri quadri lungo l'asse viario per Monreale: «Produciamo anche ortaggi, frutta, olio bio perché crediamo che sia importante nutrirsi in modo sano»

Valeria Raciti vince Master Chef 8

La trentunenne segretaria di Aci Sant'Antonio ha convinto i giudici Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli ed ha sbaragliato gli avversari Gilberto Neirotti e Gloria Clama. Ha vinto centomila euro e la possibilità di pubblicare un libro di ricette: «Devo tutto a mia nonna, stavo sempre con lei ai fornelli»

Catania commensale perfetta per il week end del gusto

Dal 30 marzo al 2 aprile la città etnea è stata una capitale dei sapori grazie a tre eventi di grande successo che si sono intrecciati in città: il salone dell'enogastronomia Cooking fest, il 30° congresso nazionale della Federazione Italiana Cuochi (culminato nella serata evento al Bellini) e il Cibo Nostrum alla Villa Bellini che ha donato 45 mila euro in beneficenza

Il Gambero Rosso premia Unetto, la panineria gourmet di Bagheria

La panineria di Tony Lo Coco e Marilena Chiavetta è la migliore in Sicilia nella categoria street food

L'essenza di Pantelleria e Favignana nei piatti di due grandi chef

Due isole, due chef, due eventi culinari, una grande etichetta. Cantine Pellegrino organizza a Marsala "La cucina delle isole": un pranzo dedicato a Pantelleria il 31 marzo e una cena dedicata a Favignana l'8 aprile, preparati rispettivamente da Mario Puccio e Francesco Balzani, per viaggio sensoriale alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche isolane

A Martina Caruso del Signum di Salina il premio Chef Donna Michelin

La trentenne chef siciliana è stata premiata a Milano nell’ambito della quarta edizione dell’Atelier des Grandes Dames, un network che ha lo scopo di celebrare il talento femminile nell’alta ristorazione voluto da Veuve Clicqu. Riceve il premio per la grande volontà e capacità di progredire e di rappresentare la sua isola raggiante, attraverso una grande tecnica