Catania intitola una strada a Rosa Balistreri, la pasionaria del folk siciliano

Rosa Balistreri

Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha presieduto nel Palazzo degli Elefanti una riunione della Commissione toponomastica, che ha deciso di intitolare la piazza delle Belle alla scrittrice Goliarda Sapienza. Inizialmente era stata prevista una strada in una diversa zona della città, oggi si è optato per la piazza di San Berillo dove la scrittrice era nata.
Contestualmente è stato deciso di intitolare la strada inizialmente destinata all’autrice de “L’arte della gioia”, alla grande cantante folk Rosa Balistreri, scomparsa nel 1990. Nata a Licata nel 1927 da una famiglia molto povera, Rosa ebbe una vita tormentata da povertà e violenza e visse per vent‘anni a Firenze, e poi a Palermo e Roma. Iniziò in età matura una carriera di cantante professionista, nell’ambito del Nuovo canzoniere italiano, proponendo nei suoi spettacoli, alcuni con lo Stabile di Catania, il vastissimo repertorio appreso nell’infanzia. Con il suo inimitabile timbro di voce, sapeva mutarsi in un’autentica orchestra quando si trattava di interpretare le canzoni popolari siciliane, alle quali conferiva un tono drammatico, facendo rivivere le condizioni miserevoli del popolo siciliano ma anche il suo orgoglio, l’anima più autentica della nostra terra. Alla riunione erano presenti, oltre al Sindaco, il prof. Antonio Di Grado, la prof. Lina Scalisi e i consiglieri comunali Sebastiano Anastasi e Nino Vullo.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.