lunedì 16 settembre 2019

lunedì 16 settembre 2019

MENU

Vineyard Tour, tutti a Menfi per vivere la terra del vino

Territori

Il 7 e l'8 settembre torna l'evento di Mandrarossa dedicato alla vendemmia che permetterà a winelovers e turisti di visitare e scoprire il territorio di Menfi attraverso i suoi sapori, i suoi profumi, i racconti di chi vive le terre del Menfishire da generazioni e la bellezza dei suoi paesaggi mozzafiato tra mare, vigne e natura selvaggia


di Redazione SicilyMag

Mancano pochi giorni ormai all’appuntamento annuale con il Vineyard Tour. Sabato 7 e domenica 8 settembre torna l’evento di Mandrarossa dedicato alla vendemmia che permetterà a winelovers e turisti di visitare e scoprire il territorio di Menfi attraverso i suoi sapori, i suoi profumi, i racconti di chi vive le terre del Menfishire da generazioni e la bellezza dei suoi paesaggi mozzafiato tra mare, vigne e natura selvaggia. Durante questa due giorni infatti sarà possibile vivere l’esperienza della vendemmia con i vignaioli, scoprire le tradizioni gastronomiche custodite dalle Signore di Cucina Mandrarossa nei banchi d’assaggio e durante i momenti dedicati di Casa Mandrarossa, degustare i vini figli della terra e del mare prodotti nei vigneti circostanti ed esplorare il territorio scoprendo le bellezze della Sicilia Sud Occidentale in bicicletta, a piedi, a cavallo, in barca o dal cielo.

Diversi i cuori pulsanti dell’evento. Innanzitutto il Welcome point del Vineyard Tour, facilmente raggiungibile dall'ingresso di Menfi e situato presso il Wine shop di Cantine Settesoli. Qui si potranno ricevere il programma e tutte le informazioni necessarie per vivere al meglio l’evento e acquistare i ticket per degustazioni, escursioni e attività in programma (per info e prenotazioni scrivere a Just Sicily: SEGRETERIA@JUSTSICILY.NET); Nei vigneti sul mare di Mandrarossa si potrà vivere in prima persona la raccolta delle uve, ascoltare i racconti dei vignaioli e degustare il vino tra i vigneti, in un’atmosfera gioiosa e allegra. Casa Mandrarossa sarà la sede di eventi esclusivi e momenti di approfondimento dedicati al food & wine come le degustazioni tecniche dei vini, gli showcooking e le wine dinner. Quest’anno in qualità di ambasciatori della tradizione enogastronomica del Menfishire ci saranno, insieme alle Signore di Cucina Mandrarossa, anche due testimonial d’eccezione: Andrea Lo Cicero, ex rugbista, amante della buona cucina ed ex concorrente di Celebrity MasterChef 2018; e Valeria Raciti, vincitrice dell’edizione 2019 di MasterChef Italia.

Inoltre, sabato 7 settembre dalle ore 18 un parterre di ospiti d’eccezione parteciperà all’incontro, aperto a tutti "Storie e territori di successo: i protagonisti si raccontano". Modererà il giornalista Andrea Gabbrielli, Tre Bicchieri Gambero Rosso. Pineta Molinari e Pineta Pelella, affacciate sulla splendida spiaggia delle Giache Bianche, ospiteranno i banchi di assaggio dei piatti della tradizione e dei vini Mandrarossa, l’intrattenimento per i più piccoli, musica dal vivo e tramonti mozzafiato.

Percorsi e luoghi da scoprire. Per gli amanti della natura e dello sport non mancheranno le occasioni per immergersi nella natura incontaminata di Menfi e fare attività all’aria aperta. Il Vineyard tour, come ogni anno metterà a disposizione degli ospiti diverse tipologie di escursioni (a cavallo, in bici, a piedi o in barca) che porteranno i partecipanti tra dune sabbiose, riserve naturali e oasi incantate. Una pista ciclabile di 8,5 Km si snoda dalle Cantine Settesoli lungo le Contrade ricoperte di vigneti fino ad arrivare a pochi metri dalle spiagge bianche del Menfishire. Qui i più sportivi potranno prendere parte alla MandraCorsa e alla Ciclopasseggiata in Mountain Bike. Inoltre, quest’anno sarà possibile volare tra le onde partecipando al corso introduttivo di Wind Surf, partendo dalla spiaggia delle Giache Bianche.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 03 settembre 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

Stromboli, la quiete dopo la "tempesta"

«Chi viene qui lo deve sapere, Stromboli è un vulcano». Dopo le esplosioni del 3 luglio e del 28 agosto, le precauzioni contro una possibile emergenza ormai sono tante. La sensazione è quella di stare sia nell’occhio del ciclone sia in una botte di ferro. E a tutela di residenti e turisti è nato il gruppo VIS, Volontari Isola di Stromboli, coordinato dalla Protezione Civile

Duomo di Taormina, la nobile storia del tempio di San Nicola

La cattedrale della Perla dello Ionio con la sua pluralità di stili, con i segni artistici contenuti al suo interno, è uno scrigno di tesori. E' affascinante ammirare il Duomo dall'esterno, in particolar modo quando la piazza ed il corso non sono affollati, ma è altrettanto suggestivo entrarvi dentro ed osservare ogni altare, ogni angolo

Con Palazzo Beneventano Lentini ha ritrovato la sua anima culturale

La storica dimora, dopo anni di incuria e uso inadeguato da quando è comunale, tre anni fa è diventata luogo di cultura e bellezza grazie al ripristino coordinato da un gruppo di giovani operatori culturali guidato da Giorgio Franco, che si è fatto assegnare, come presidio di Italia Nostra, la gestione del sito: «Il nostro slogan è amare non è possedere ma prendersi cura»

Loggiato San Bartolomeo, Palermo si riappropria di un pezzo di storia

Il medievale loggiato torna come grande contenitore di eventi grazie all'art bonus che han permesso al gestore, la Fondazione Sant'Elia presieduta dal sindaco Orlando, di trovare fondi messi a dispisizione da mecenati e privati. Inaugurazione il 14 maggio con la mostra Human Condition dell'artista cinese Zhang Hongmei

Le tradizioni del Natale e la buona terra da mangiare accendono la magia di Ispica

Dal 23 dicembre nel suggestivo scenario del Parco della Forza, la cittadina iblea rinnova, per il 21° anno, il rito del presepe vivente, grande macchina scenografica con più di 100 figuranti che inscenano 40 mestieri in via di estinzione. Il presepe di Ispica offre lo spaccato di un territorio consapevole custode anche di un ricco patrimonio di biodiversità-agroalimentare da tutelare

Da fogna a Patrimonio Unesco, solo l'amore può salvare il fiume Oreto

E' l'impegno del documentarista Igor D'india per restituire dignità al fiume di Palermo, oggi a serio rischio ambientale e idrogeologico. Con lui la città sana, dal comitato Salviamo l'Oreto ai giovani di Up Palermo fino all'Università - dall'8 al 10 novembre in calendario le Giornate per l'Oreto -, spingono a votare il fiume al censimento Fai "I luoghi del cuore"