Capitale italiana della cultura 2022, Trapani aderisce all’idea di progetto unico in rete delle 10 finaliste

Eventi Unica siciliana tra le 10 finaliste per il bando di Capitale italiana della cultura del 2022, la città, per voce del sindaco Giacomo Tranchida, aderisce alla proposta di Cultura Italiae di un percorso che metta in rete tutte le dieci città finaliste per presentare un progetto unico, in un momento così difficile per la cultura in cui occorre unire le forze per fronteggiare in modo nuovo la crisi aperta dall’emergenza Covid

C’è anche Trapani nella shot list delle 10 finaliste per la Capitale italiana della cultura del 2022. Il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, guidato dal Ministro Dario Franceschini, ha comunicato che la Giuria per la selezione della città «Capitale italiana della cultura» 2022, presieduta dal professore Stefano Baia Curioni, dopo aver esaminato le ventotto candidature pervenute (per la Sicilia c’erano anche Modica, Scicli, Palma di Montechiaro e, in una prima fase, anche Catania che poi ha ritirato la candidatura), ha selezionato i dieci progetti finalisti, così come previsto dal bando.

Entrano, dunque, nella shortlist delle città che parteciperanno alla fase finale della procedura di selezione i seguenti Comuni e Città metropolitane, con i relativi dossier: 1. Ancona, Ancona. La cultura tra l’altro; 2. Bari, Bari 2022 Capitale italiana della cultura; 3. Cerveteri (Roma), Cerveteri 2022. Alle origini del futuro; 4. L’Aquila, AQ2022, La cultura lascia il segno; 5. Pieve di Soligo (Treviso), Pieve di Soligo e le Terre Alte della Marca Trevigiana; 6. Procida (Napoli), Procida – La cultura non Isola; 7.  Taranto, Taranto e Grecia Salentina. Capitale italiana della cultura 2022. La cultura cambia il clima; 8. Trapani, Capitale italiana delle culture euro-mediterranee. Trapani crocevia di popoli e culture, approdi e policromie. Arte e cultura, vento di rigenerazione; 9. Verbania (Verbano-Cusio-Ossola), La cultura riflette. Verbania, Lago Maggiore; 10. Volterra (Pisa), Volterra. Rigenerazione umana.

Trapani centro, foto Max Firreri




Le dieci città finaliste dovranno presentare i propri dossier alla Giuria in un’audizione pubblica, della durata di massimo un’ora, composta, per metà, dalla presentazione del progetto e, per l’altra metà, da una successiva sessione di domande. Gli incontri si terranno, compatibilmente con le misure di contenimento adottate dal Governo per la situazione epidemiologica in atto, presso il Collegio Romano, sede centrale del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, nei giorni 14 e 15 gennaio 2021, secondo il calendario e le modalità che verranno rese note a seguire.
Sarà compito della Giuria raccomandare al Ministro Franceschini il progetto di candidatura più idoneo alla designazione della città «Capitale italiana della cultura» per l’anno 2022 entro il 18 gennaio 2021, al fine dell’attribuzione del titolo da parte del Consiglio dei ministri.

Il Comune di Trapani ha già manifestato la sua disponibilità ad andare avanti nel progetto e rilancia dichiarando disponibilità di aderire all’idea di un progetto unico le 10 città finaliste. A partire da una proposta lanciata durante l’evento Lubec di quest’anno, infatti, Cultura Italiae si è fatta promotrice di un percorso che metta in rete tutte le dieci città finaliste per presentare un progetto unico, in un momento così difficile per la cultura in cui occorre unire le forze per fronteggiare in modo nuovo la crisi aperta dall’emergenza Covid. «Confermo la disponibilità di Trapani a sostenere questa proposta – afferma il sindaco Giacomo Tranchida –. Rinnovo la volontà a condividere un patto per la cultura che unisca le 10 finaliste in una rete di solidarietà e aiuto reciproco. E’un modo di vedere la cultura e la cultura per la città e per il Paese che è già implicito nella visione e nella strategia che Trapani ha disegnato per la sua candidatura. Questo è il momento di tifare insieme e di lavorare insieme per la Cultura italiana. Trapani c’è».



In mattinata il sindaco aveva inviato una lettera informativa agli enti territoriali, ai soggetti pubblici e privati presenti sul territorio che hanno condiviso e supportato il Piano Strategico Culturale del Territorio Trapanese in occasione della Candidatura a Trapani Capitale della Cultura. Di seguito il testo della lettera: “È con grande orgoglio e senso di appartenenza alla nostra unica bella terra, che questa Amministrazione Comunale di Trapani ha il piacere di comunicarVi che il Piano Strategico Culturale del Territorio Trapanese, elaborato in occasione della Candidatura a Trapani Capitale della Cultura, ha ricevuto il meritato apprezzamento del MiBact. Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ieri, ha reso pubblico l’elenco delle città finaliste per il titolo di “Capitale Italiana della Cultura 2022” nel quale Trapani è presente come unica città della Sicilia. È un enorme successo per noi e per la rete partenariale tutta che ha condiviso la proposta progettuale contenuta nel Dossier di candidatura arricchendola di significato culturale. Ciò in cui avevamo creduto, adesso è diventata una certezza. L’idea e la forza di un unico territorio caratterizzato dalle sue particolari bellezze, è stata la formula vincente che, senza dubbio, ne ha permesso il posizionamento tra le finaliste. La proposta progettuale, ovvero, il Piano Strategico Culturale del Territorio Trapanese, così accresciuto e attrezzato di idee, eventi e testimonianze delle svariate realtà del territorio tutto, ha permesso di restituire al Paese una proposta di valorizzazione della città di Trapani quale “Città territorio ” che, come territorio unico, intende crescere e manifestarsi nella sua più ampia peculiarità. Ci abbiamo creduto sin dal primo momento; è un grande traguardo che ci riempie di gioia e ci spinge a credere, con più rinnovata energia, ad ulteriori successi e a continuare a lavorare per il raggiungimento dell’obiettivo finale che ci chiama a competere alla finalissima prevista per il 14 e 15 gennaio 2021.
Con l’invito a proseguire questo unico filo conduttore che è quello del territorio al centro del Mediterraneo, crocevie di popoli e culture che approdano, si contaminano e si rigenerano attraverso l’arte e la cultura, e a restare uniti, oggi più forti di ieri”.

Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani

A seguire l’elenco dei partner che hanno aderito alla candidatura.

Partner istituzionali: Prefettura di Trapani; Diocesi di Trapani; Regione Siciliana -Soprintendenza BB.CC.AA. Trapani – Soprintendenza del Mare; Consorzio Universitario Trapani; ASP Trapani; Camera di Commercio di Trapani; Autorità Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale.

Comuni: Comune di Alcamo; Comune di Buseto Palizzolo; Comune di Campobello di Mazara; Comune di Castellammare del Golfo; Comune di Castelvetrano; Comune di Custonaci; Comune di Erice; Comune di Favignana; Comune di Gibellina; Comune di Mazara del Vallo; Comune di Paceco; Comune di Partanna; Comune di Petrosino; Comune di Salemi; Comune di Santa Ninfa; Comune di San Vito lo Capo; Comune di Valderice

Enti culturali e associativi: Centro di cultura scientifica Ettore Maiorana; Area Marina Protetta Isole Egadi; Ente Luglio Musicale Trapanese; Biblioteca Fardelliana; Museo Regionale C. A. Pepoli; Parco Archeologico di Segesta; Parco Archeologico Lilibeo Marsala; Coppem – Comitato Permanente per il Partenariato Euromediterraneo; Ordine degli Architetti Trapani; La Salerniana Museo d’Arte Contemporanea; AXIS MAB Museo Archivio San Rocco; Biblioteca della Diocesi di Trapani; Conservatorio di Musica Antonio Scontrino; Comitato Internazionale Europeade; Fondazione Erice Arte; Orestiadi di Gibellina; Trapani Comix; Associazione Amici del Museo Pepoli; MCL Movimento Cristiano Lavoratori; Feder. Agri. (Federazione Nazionale per lo sviluppo dell’Agricoltura); Legambiente Trapani Erice; GAL Elimos s.c.a.r.l.; GAL Valle del Belice; FLAG “Torri e Tonnare del Litorale Trapanese”; Gruppo Archeologico Drepanon; Fond. Distretto Turistico della Sicilia Occidentale; CAI Erice e Agro Ericino; FAI-Fondo Ambiente Italiano; Ass. ONLUS Forma Rei; Associazione SiciliAntica; Lega Navale Trapani; Brigantes Sail Powered Shipping; Ass. Promozione Sociale Vele al trasporto; A.P.S. Erythros; A.P.S. Agorà; A.P.S. Don Bosco con i Giovani; Unione Maestranze Trapani; Compagnia Moto Armonico Danza; Compagnia Teatro di Fuori Onlus, Piera Campo; Hot Stone Associazione; Incurva Associazione Culturale; Drepanensis Associazione Politico Culturale; Ass. Nazionale Culturale Nati per Leggere; AIGAM Associazione Italiana Gordon per l’Apprendimento Musicale; ELPIS Nave Ospedale Onlus; Ass. Trapani per il Futuro; Associazione Amici della Musica; Circolo del Cinema; Orchestra Mediterranea Andrea Alberto; Elisabetta Pandolfino, artista, fotografo; Francesca Alabrese, artista; Maggio Arianna, artista, architetto; Francesco Ferla, architetto, designer, digital artist e fotografo.

Scuole: Ist. di Istr. Sup. “Sciascia- Bufalino”; Ist. di Istr. Sup. Nautico “Leonardo Da Vinci”; Ist. di Istr. Sup. “S. Calvino- G.B. Amico”; Ist. di Istr. Sup. “V. Fardella – L. Ximenes”; Ist. di Istr. Industriale “Leonardo Da Vinci”; Ist. di Istr. Sup. “I. e V. Florio”; Ist. di Istr. Sup. “Rosina Salvo” Liceo Artistico Statale Michelangelo Buonarroti; Ist. Comprensivo “Giovanni XXIII”.

Organizzazioni sindacali e datoriali: CGIL Trapani; CISL Palermo-Trapani; UIL Trapani; UGL; CNA Trapani Provinciale; Sicindustria; ANCE Trapani Ass. Costruttori Edili.

Imprese: Assomarmi Trapani; Sosalt; Cantina Donnafugata; Cantine Pellegrino; Caruso&Minini; Cantine Fina s.r.l.; Retablo s.r.l.; Feudi di Castellazzo; Soc. Agr. De Bartoli s.r.l.; Soc. Coop. Agr. Terre di Giafar a.m.p.; Baglio Curatolo Arini 1875; PMG Italia; Sicily Giftbox; Farmaflo s.r.l.

Partner sostenitori: Trapani Servizi SpA; ATM Trapani SpA; I.A.C.P. Trapani; Consorzio Trapanese per la Legalità e lo Sviluppo; Centro Studi Dino Grammatico-Istituto per la Cultura della Legalità; Ass. Tutela Tradizioni Popolari Trapanese; Gruppo Poetico Regionale San Michele; Fondazione Culturale e Bancaria Sicilia; Associazione Sicindustria-Delegazione di Trapani; Associazione Nazionale Magistrati Sezione di Trapani; Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri; Rotary Club Trapani Birgi Mozia; Fondazione Terzo Pilastro-Internazionale; L’Uomo sulla Terra- Ass. Culturale; Ass. Culturale Teatri Alchemici; Elimi dei Mulini; Cine Teatro Ariston; ACLI Ass. Cristiane Lavoratori Italiani; MOOI -Museum Of Optical Illusion; Associazione SiciliaAntica; Strade del Vino Erice Doc; Amici di Maria Vision; Ass. Madre Pietà Dolorosa; L’Associazione Culturale Fiera Franca Santissimo Salvatore.

Sponsor: Liberty Lines S.p.A.; ATM Trapani S.p.A.; Trapani Servizi S.p.A.; Banca Don Rizzo-Cred. Coop. della Sicilia Occ.; Autorità Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale; Artigrafiche Abbate s.n.c.; Essepiauto s.r.l.; Green City Light s.r.l.; Società di Mutuo Soccorso fra gli Onesti Marinai.

Capitale italiana della cultura, Catania ufficializza il passo indietro: «Non siamo pronti»

Capitale italiana della cultura 2021, la sfida di Modica: «Siamo un libro di arte, storia e cultura a cielo aperto»

Capitale italiana della cultura 2021, il sogno gattopardiano di Palma di Montechiaro

Capitale italiana della cultura, Scicli oltre Montalbano: «Rappresentiamo il Val di Noto in perpetuo divenire»

Capitale italiana della cultura, la partita di Trapani: «Siamo crocevia nel Mediterraneo»

 

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.