Capitale italiana della cultura 2022, in Sicilia 4 candidature ed un passo indietro

Eventi Capitale italiana della cultura 2021, le candidate siciliane. Mentre Catania fa un passo indietro, Modica, Palma di Montechiaro, Scicli e Trapani si candidano al prestigioso riconoscimento nazionale

Capitale italiana della cultura 2022, le candidate siciliane. Mentre Catania fa un passo indietro, Modica, Palma di Montechiaro, Scicli e Trapani si candidano al prestigioso riconoscimento nazionale.

A causa dell’emergenza Coronavirus, il Ministero per i Beni Culturali il 21 maggio ha ulteriormente prorogato al 31 luglio 2020 i termini per la presentazione dei dossier di candidatura da parte delle città e delle unioni di Comuni che avevano manifestato interesse a partecipare al bando per l’assegnazione del titolo di Capitale Italiana della Cultura 2021.

Parma è la Capitale italiana della cultura per il 2020 e 2021, il titolo le è stato prorogato dal Dl Rilancio che ha anche proclamato, in segno di solidarietà, Bergamo e Brescia Capitali italiane della Cultura per il 2023.

Entro il 12 ottobre 2020 la giuria esaminerà i dossier pervenuti e selezionerà le dieci finaliste, dalle quali entro il 12 novembre sempre di quest’anno sceglierà la candidatura da raccomandare al Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo per il conferimento del titolo.

I Comuni, le Città metropolitane e le Unioni di Comuni, i quali, alla data di pubblicazione del decreto di proroga, abbiano inviato il proprio dossier di candidatura, in ragione della modifica dei termini di cui all’art. 2, hanno facoltà di procedere all’annullamento della trasmissione già effettuata e di provvedere alla trasmissione di un nuovo dossier di candidatura entro il 31 luglio 2020, secondo le medesime modalità previste dal bando del 15 novembre 2019, n. 382.

I servizi di Maria Enza Giannetto (Catania), Francesco Lucifora (Modica e Scicli), Giuseppe Recca (Palma di Montechiarto) e Max Firreri (Trapani).

Capitale italiana della cultura, Catania ufficializza il passo indietro: «Non siamo pronti»

Capitale italiana della cultura 2021, la sfida di Modica: «Siamo un libro di arte, storia e cultura a cielo aperto»

Capitale italiana della cultura 2021, il sogno gattopardiano di Palma di Montechiaro

Capitale italiana della cultura, Scicli oltre Montalbano: «Rappresentiamo il Val di Noto in perpetuo divenire»

Capitale italiana della cultura, la partita di Trapani: «Siamo crocevia nel Mediterraneo»

Capitale italiana della cultura, ci sono le siciliane Palma di Montechiaro, Scicli e Trapani tra le 28 città in corsa

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.