mercoledì 24 luglio 2019

mercoledì 24 luglio 2019

MENU

Plausi e botte

A Camilleri gli odiatori seriali non perdonano il successo

Blog

Lo scrittore empedoclino, al quale auguro di guarire al più presto e “cataminarisi” per regalarci nuovi romanzi, non può accorgersi del liquame telematico irrorato in questi giorni dai suoi nemici. Chissà se si limiterebbe a sorriderne, così come sorrideva delle aspre critiche tributategli da critici e scrittori nel corso della sua prodigiosa attività


di Antonio Di Grado

Trent’anni fa Leonardo Sciascia, mentre lottava col morbo che l’aveva invaso, per di più dovette subire un subisso di polemiche e insulti da parte di un'armata Brancaleone di scrittorucoli invidiosi e cretini, di furbi "professionisti dell'antimafia". I quali, ora, recitano giaculatorie in memoria, ma allora gli avvelenarono quegli ultimi scampoli di vita.
Andrea Camilleri, al quale auguro di guarire al più presto e “cataminarisi” per regalarci nuovi romanzi, per fortuna non può accorgersi del liquame telematico irrorato in questi giorni dai suoi nemici. Nemici piccoli piccoli, odiatori seriali, mosconi da letame.

Andrea Camilleri

Chissà se si limiterebbe a sorriderne, dal fondo della sua serena cecità da veggente, così come sorrideva delle aspre critiche tributategli da critici e scrittori nel corso della sua prodigiosa attività. Prodigiosa davvero: un centinaio di romanzi, prodotti a un ritmo che ha eguali solo in Simenon. Ma a differenza dello scrittore belga da lui amato (e si ricordi il bel Maigret televisivo da lui prodotto e curato), Camilleri ha scritto tanto nel ristretto spazio d’un quarto di secolo. Quando lo conobbi, a casa dell'indimenticabile attrice e carissima amica Mariella Lo Giudice, Andrea era già anziano ma non era ancora scrittore, era a Catania per il suo mestiere di regista, e nell'arco d’una cena era capace di bere un’intera bottiglia di whisky.

Poi la rinascita, come ora ci auguriamo torni ad accadere. E dalle penombre dietro le quinte della ribalta teatrale, balzò rinverginato e aitante lo scrittore: fu il delizioso “Birraio di Preston”, che a Siracusa insignimmo del premio Vittorini e che con “La concessione del telefono”, “Il re di Girgenti”, “La presa di Macallè” resta uno dei suoi capolavori (per non dire del bellissimo, struggente “Parla, ti ascolto”, mai entrato in commercio e regalato in segreto a qualche centinaio d'amici).

E fu il successo, che ai suoi denigratori diede molto fastidio. Eh già, perché la buona letteratura dev’essere per costoro ostica e impopolare, vendere poco, non sfiorare generi di largo consumo come il “giallo” e magari proseguire il piagnisteo per la perdita della casa del nespolo e il naufragio della Provvidenza, lutto immane che troppi scrittori siciliani o aspiranti tali tentano ancora, mestamente, di elaborare. Invece quel birraio e Patò, Montalbano e Catarella, divertivano; e ci regalavano l’immagine di una Sicilia non più funestata dall’urlaccio di pessimo gusto “Hanno ammazzato cumpari Turiddu”, ma solare e vitale, caoticamente e argutamente dinamica, impastata di comicità e malinconia.
Intrattenimento? Letteratura di serie B? E chi ha detto che la letteratura debba solo angustiare, e che i meccanismi romanzeschi ben oliati, immediatamente comunicativi e perciò coinvolgenti, non siano degni della benedizione degli arcigni sacerdoti delle belle lettere? Scarso impegno civile, si parla poco di mafia? Anche questo si è detto, e non è vero: bastino tra l’altro le recenti prese di posizione dell’indignatissimo intellettuale Camilleri, molto più drastiche e vigorose di quelle di tanti suoi cauti colleghi. Oppure basti quanto scriveva Cechov a un amico: lo scrittore e l’artista, rispetto alla politica, hanno un solo dovere, difendersene. Di pubblici accusatori - aggiungeva - e di gendarmi, ce n’è già troppi in giro.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 25 giugno 2019
Aggiornato il 18 luglio 2019 alle 18:26



LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULL'ARGOMENTO

Andrea Camilleri, un classico multimediale in vita

Lo scrittore empedoclino scomparso il 17 luglio è stato sempre ponte fra la storia e il futuro ed ha potuto raggiungere in vita un grande successo narrativo, televisivo, teatrale, cinematografico, entrando nella prestigiosa categoria dei grandi autori della letteratura, quella ristretta cerchia di intellettuali ai quali viene dedicato un volume dei Meridiani Mondadori

Ultima modifica 18 luglio 2019 18:48

Buon viaggio Camilleri, sei stato un veggente

Buon viaggio, caro Andrea. Sei stato uno scrittore e un uomo notevole, sottile e beffardo indagatore della storia isolana. Era questa la motivazione della laurea ad honorem che la Facoltà di lettere dell'Università di Catania gli conferì senza mai consegnarla. Cento libri in poco più di vent'anni! E non c'era da inchinarsi al cospetto d'un prodigio?

Ultima modifica 18 luglio 2019 18:22

Andrea Camilleri e la verità indecidibile di Montalbano

Filosofia, thriller e psicologia, azione e riflessione, attualità e memoria si intrecciano in "Il cuoco dell'Alcyon", il nuovo romanzo dello scrittore empedoclino che vede protagonista il Commissario Montalbano. Scrive Salvatore Silvano Nigro nel risvolto di copertina: «Tutti si acconciano a recitare, nel romanzo. Tutto è indecidibile, sogno e realtà, vero e falso, farsa e tragedia»

Ultima modifica 18 luglio 2019 18:22

A Camilleri gli odiatori seriali non perdonano il successo

Lo scrittore empedoclino, al quale auguro di guarire al più presto e “cataminarisi” per regalarci nuovi romanzi, non può accorgersi del liquame telematico irrorato in questi giorni dai suoi nemici. Chissà se si limiterebbe a sorriderne, così come sorrideva delle aspre critiche tributategli da critici e scrittori nel corso della sua prodigiosa attività

Ultima modifica 18 luglio 2019 18:26

Al "Km 123" c'è la storia del giallo. Secondo Andrea Camilleri

Nel nuovo romanzo, edito da Mondadori, lo scrittore di Porto Empedocle rielabora il “giallo” in maniera sui generis, come una formula narrativa che gli permette di spaziare in altri livelli di interpretazione. A conclusione del romanzo il testo "Difesa di un colore", sintetica storia internazionale del genere, basato sull'interessante parallelo tra giallo e libertà

Ultima modifica 18 luglio 2019 18:23

Camilleri for president!

Non c’è dubbio che Andrea Camilleri, il Tiresia siciliano che vede più lontano di ogni normodotato, meriterebbe di essere nominato senatore a vita. Tecnicamente, però, non si può, perché la consuetudine costituzionale vuole che i senatori a vita di nomina presidenziale non siano più di cinque ed oggi già ci sono. Ora toccherebbe alla Regione Siciliana potergli accordare almeno la Medaglia d’oro di benemerenza. In cuor nostro Camilleri resta comunque il nostro “presidente” ad honorem

Ultima modifica 18 luglio 2019 18:26

Camilleri, Tiresia e l'eternità. Appuntamento a Siracusa fra cent'anni

Tra storia e futuro, quello che si è vissuto sul palco del Teatro Greco per il Festival dell'Istituto nazionale del dramma antico è stato un evento unico, rapiti per 90 minuti dalla forza roca della voce unica dello scrittore empedoclino nel suo racconto ironico, cinico e poetico allo stesso tempo sull'indovino cieco del mito. Con un arrivederci, nello stesso posto, fra un secolo

Ultima modifica 18 luglio 2019 18:24

Salvatore Silvano Nigro: «Camilleri scrittore di Vigata, la sua è lingua letteraria italiana»

La letteratura fra passato e presente, la narrativa e la storia d'Italia, la dimensione della creatività culturale e la vita quotidiana, il fenomeno Camilleri ed il panorama italiano contemporaneo, la rilettura di Manzoni, la grande tradizione scritturale siciliana ed il rapporto con l'Europa, sono alcuni dei temi del nostro dialogo con il critico letterario e saggista

Ultima modifica 18 luglio 2019 18:24

Montalbano, il web e Einstein risolvono il cold case di Vigata

Un giallo non giallo e vecchi fatti che vengono letti col senno di oggi, stanno alla base de "La rete di protezione" ultimo romanzo di Andrea Camilleri con protagonista il noto poliziotto. Un racconto dove il novantenne Camilleri cala il suo celebre personaggio nella realtà virtuale di oggi convinto che le verità vadano interpretate e colte nel suo contesto

Ultima modifica 18 luglio 2019 18:25


Antonio Di Grado

La professione del critico e di chiunque si ostini a interpretare il mondo e a non accettarlo com’è, esige giudizi di valore, promozioni e bocciature, nette prese di posizione. Rigenerare l’Uomo è oggi l'unica praticabile utopia


ULTIMI POST

Rendiamo giustizia al poeta sovversivo Domenico Tempio

Bisogna riparare a una duplice omissione: quella degli studiosi, che non hanno riconosciuto la grandezza d’un poeta e d’un intellettuale che sgomita con rabbia, nell’aristocratico consesso del secolo dei lumi; e quella di una città avara come Catania che ha immiserito il suo carnale populismo al livello infimo della barzelletta sconcia

Cosa vuol dire essere siciliani oggi?

L’utopia degli scrittori siciliani ci appare oggi come una nobile e disperata scommessa contro la storia. Non solo: tra quelle vette d’intelligenza critica e le limacciose putredini del pregiudizio, della rassegnazione, del malaffare, si stendeva la palude trasformista che ha permeato tutto e tutti. E la Sicilia degli onesti non ha prodotto una cultura diffusa né progetti di rinnovata convivenza civile

L'università che vorrei...

Sogno una scuola e una università senza programmazione e senza autorità, e una didattica erratica e interattiva, una università senza concorsi né gerarchie, senza rettori, né dirigenti, in cui docenti e llievi convivano gioiosamente. Una università che non uccida la speranza