mercoledì 24 aprile 2019

mercoledì 24 aprile 2019

MENU

"Visioni", in un libro il viaggio ventennale della Scuola superiore di Catania

Libri e fumetti

Il giornalista etneo Giorgio Romeo ha realizzato per conto dell'istituto di alta formazione dell'Università di Catania un libro che racconta le fasi cruciali della storia di una istituzione culturale di notevole rilievo. Romeo: «Ho incluso la molteplicità di visioni che fa comprendere come questo progetto sia un’opportunità per ripensare la Sicilia, i giovani, il futuro»


di Salvo Fallica

Un viaggio nella storia dei 20 anni della Scuola Superiore di Catania, un itinerario alla scoperta dell'essenza di una esperienza culturale di alta formazione che ha consentito e consente all'ateneo di Catania di competere in questo ambito a livello nazionale. Stiamo parlando dell'interessante libro di Giorgio Romeo, giornalista, saggista, direttore di Sicilian Post. Il suo libro "Visioni. In viaggio con la Scuola superiore di Catania", titolo azzeccato, che ben esprime la filosofia di un testo che non è una mera cronaca dei venti anni della crescita della Scuola Superiore ma il racconto di fasi cruciali della storia di una istituzione culturale di notevole rilievo.

La copertina del volume

"Visioni" ripercorre momenti cruciali della vita della scuola, dai grandi eventi alla quotidianità, non fermandosi all'aspetto del mero evento; più che il fenomeno analizza fenomenologicamente le esperienze più dense di significato sul piano della didattica, della metodologia programmatica, dei confronti con i protagonisti intellettuali ed accademici italiani ed esteri. Non solo seminari e dibattiti con prestigiosi uomini dell'accademia ma con protagonisti del mondo del cinema, dell'arte, del giornalismo, del mondo attuale. Perché l'università, ed a maggior ragione una scuola di alta formazione, non può essere una torre d'avorio lontana dal mondo, ma un luogo del confronto interno ed esterno.

Per comprendere meglio la filosofia di questa istituzione culturale, Giorgio Romeo riporta in evidenza una riflessione del presidente della Scuola Superiore Francesco Priolo: «Qui si formano i talenti, si forma la dirigenza del futuro. E questo è tanto più importante al Meridione, per la nostra Isola. Di fatto, anche se tanti allievi davvero competitivi a livello internazionale vanno all'estero, non possiamo chiamarla una fuga di cervelli. Molti scelgono di ritornare e coloro che non l'hanno fatto e si trovano in posizioni di prestigio nei posti più importanti a livello internazionale - da Stanford a Cambridge - rimangono fortemente legati alle proprie origini. Ciò significa creare un network internazionale che ha la Scuola e l'Università come centro».

«Raccontare vent’anni di una realtà come la Scuola Superiore di Catania, ricchi di avvenimenti istituzionali importanti – ha spiegato Romeo - è stata una sfida appassionante e impegnativa. Ho cercato di includere quanto più fedelmente possibile, attraverso la selezione di alcune parole-chiave, la molteplicità di visioni che ho riscontrato, che nell’insieme riesce a far comprendere come questo progetto sia tutt’altro che provincialistico, ma costituisca invece un’opportunità concreta per ripensare la Sicilia, i giovani, il futuro». Documenti e materiale d’archivio, interviste, colloqui con docenti, personale, allievi ed ex allievi: queste le fonti privilegiate dell’opera, che riesce a raccontare, come ha rilevato il professore Priolo, «ciò che questa scuola è stata e ciò che sarà, grazie alle capacità di allieve e allievi, al lavoro di presidenti, coordinatori, docenti e tutor, che hanno dedicato e dedicano le loro energie a questa realtà».

La presentazione del volume di Giorgio Romeo (a destra nella foto)

Nel racconto con parole ed immagini, Romeo parte dalla genesi, dall'idea dell'allora rettore Enrico Rizzarelli, anch'egli uno scienziato di prestigio, che sostiene: «L'idea, molto semplice, da cui siamo partiti è uno slogan che continuo a ripetere ancora oggi: la Scuola non è fatta per i professori eccellenti, ma per gli studenti eccellenti. Quindi la visione fu quella di costruire un luogo in cui gli allievi potessero diventare non solo ricercatori e docenti di alto profilo, ma anche persone motivate – per curiosità, competenza, visione complessiva di apertura culturale - a svolgere un ruolo da classe dirigente che potesse godere di mobilità, ma che non sposasse l'emigrazione». Rizzarelli in merito alla nascita della Scuola sottolinea: «L'idea venne condivisa fortemente da Regione, Provincia e Comune, al di là degli schieramenti politici. Fu uno dei pochi casi di convergenza su una scommessa. Una scommessa che riguardava il Meridione».

Al centro Enrico Rizzarelli, fondatore della Scuola superiore di Catania

Rizzarelli aggiunge: «La nostra visione è stata incarnata in studenti di grande capacità umana, cosa che non sempre si ritrova in altre scuole a statuto speciale. Spesso la competizione esasperata rompe gli aspetti derivanti dalla condivisione, ma a Catania questo non è mai successo». Una storia di un Sud diverso quello della Scuola Superiore che merita ampio spazio di racconto, ed è positivo che sia stata sintetizzata in un libro. Proprio nell'era della comunicazione internettiana la profondità riflessiva di un testo è quanto mai essenziale. I protagonisti del libro non sono solo i tanti intellettuali e protagonisti del mondo contemporaneo che sono venuti a tenere lezioni, seminari e 'colloquia', ma sono soprattutto gli studenti.

I prossimi obiettivi della Scuola Superiore sono quello di rafforzarsi nel Sud del Mediterraneo, di diventare più attrattiva verso le altre regionali del Sud, di essere ancor più competitiva a livello nazionale ed internazionale. Una Scuola per crescere deve essere consapevole del proprio passato, della propria identità, ma deve soprattutto pensare al futuro. Anche perché i margini di crescita sono notevoli e non solo nel Sud d'Italia. La Scuola Superiore, proprio perché è un modello positivo, deve aprirsi ancor di più con il territorio, valorizzare nuovi talenti, deve avere una funzione guida. Il presidente Priolo è l'uomo giusto al posto giusto, perché con la sua formazione anglosassone, con la sua apertura democratica e non 'baronale', con la sua mentalità meritocratica, può condurre la Scuola verso nuove mete. Perché senza nuove mete anche il più lungimirante dei progetti può decrescere. Il dinamismo vulcanico del catanese Priolo, uomo legato al territorio e cosmopolita, è un valore aggiunto per la Scuola Superiore. Ed il libro di Romeo ne coglie molti aspetti essenziali...


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 16 luglio 2018



LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULL'ARGOMENTO

"Visioni", in un libro il viaggio ventennale della Scuola superiore di Catania

Il giornalista etneo Giorgio Romeo ha realizzato per conto dell'istituto di alta formazione dell'Università di Catania un libro che racconta le fasi cruciali della storia di una istituzione culturale di notevole rilievo. Romeo: «Ho incluso la molteplicità di visioni che fa comprendere come questo progetto sia un’opportunità per ripensare la Sicilia, i giovani, il futuro»

Ultima modifica 16 luglio 2018 22:26

Scuola superiore di Catania, 20 anni di eccellenza che viene da Sud

Ospite l'ex presidente della Normale di Pisa Salvatore Settis, che ha chiesto più impegno a Roma per progetti innovativi nelle aree del Sud Italia che fanno ricerca innovativa, l'importante istituzione accademica dell'Ateneo di Catania ha celebrato i suoi primi due decenni di attività. Il presidente Francesco Priolo: «Premiamo esclusivamente il merito»

Ultima modifica 20 luglio 2018 16:45

Francesco Priolo: «Catania è uno dei poli più importanti della fisica internazionale»

Lo studioso di fotoni e nanotecnologie, da cinque anni presidente della Scuola Superiore di alta formazione dell'Università di Catania e tra i pionieri della "fotonica in silicio", spiega come la città etnea, grazie a una intensa collaborazione tra pubblico e privato, sia diventata un'eccellenza per gli studi e la ricerca scientifica, riuscendo a battere persino gli americani

Ultima modifica 16 luglio 2018 22:19



TI POTREBBE INTERESSARE

Cono Cinquemani: «Venite a curarvi al Pronto soccorso letterario»

Il 23 aprile, in occasione della “Festa del libro”, il camaleontico scrittrore, musicista, teatrante presenterà il progetto itinerante di libroterapia alla Mondadori di Piazza Roma a Catania: «Siamo una psicoanalista, una psicoterapeuta, 3 figure editoriali, un addetto stampa e io che cerco di amalgamare questa miscela. Noi siamo convinti del potere curativo della lettura»

Al "Km 123" c'è la storia del giallo. Secondo Andrea Camilleri

Nel nuovo romanzo, edito da Mondadori, lo scrittore di Porto Empedocle rielabora il “giallo” in maniera sui generis, come una formula narrativa che gli permette di spaziare in altri livelli di interpretazione. A conclusione del romanzo il testo "Difesa di un colore", sintetica storia internazionale del genere, basato sull'interessante parallelo tra giallo e libertà

Katya Maugeri: «Oltre le sbarre ci sono persone che cercano un percorso di redenzione»

La giornalista catanese ha pubblicato "Liberaci dai nostri mali", testo nato da un'inchiesta giornalistica su detenuti e droga: «Ho collaborato con il carcere di Augusta e lì ho capito che volevo raccontare le storie dei detenuti. Oltre gli errori. Lette insieme sembravano una preghiera che esortava al perdono». Sabato 13 aprile la presentazione a Catania

Christian Rocca: «La verità non è più vera perché abbiamo cancellato l'opinione pubblica»

Il giornalista alcamese, editorialista de La Stampa, ha pubblicato con Marsilio "Chiudete Internet - Una modesta proposta", un testo che coglie razionalmente le notevoli problematiche create dall'utilizzo errato del web e la disinformazione figlia dei social: «Questi aspetti problematici sono molti e hanno un impatto devastante sulla società, sul lavoro e la democrazia»

Ismete Selmanaj Leba: «Nessuno lascia la propria patria senza dolore nell'anima»

La scrittrice albanese, dal 1992 trapiantata nel Messinese, è tornata nelle librerie con "Due volte stranieri" (Besa editrice), dove affida al personaggio di Mirela il disorientamento di chi continua a sentirsi straniero nonostante anni di vita nel Paese d'adozione: «Qual è il Paese di tanti immigrati che hanno passato più della loro vita in Italia che nel loro Paese natio?»

Maria Attanasio restituisce la dignità a Rosalia Montmasson

Nel romanzo "La ragazza di Marsiglia", edito da Sellerio, la scrittrice calatina racconta le vicende umane della prima moglie, poi ripudiata, di Francesco Crispi e unica donna della spedizione in Sicilia dei Mille, senza perdere di vista l'essenza delle trasformazioni storiche. Ne vien fuori un romanzo animato dallo spirito della libertà, ispirato da un'autentica filosofia di storia al femminile