Sullo Stretto sette giorni all’insegna del grande jazz

Musica Dal 2 al 7 giugno il Messina Sea jazz Festival propone un fitto calendario di appuntamenti con le star internazionali del jazz. Anteprima il 29 maggio con un omaggio a Cole Porter, il 7 giugno gran finalea bordo della nave Vestfold, con “Strettamente Jazz” musica itinerante tra Scilla e Cariddi

Con un concerto dedicato a Cole Porter parte il Messina Sea jazz Festival che aprirà ufficialmente i battenti il 2 giugno. Il teatro Vittorio Emanuele di Messina ospiterà, fino al 7 giugno un’edizione ricca di stelle. Si parte il 29 maggio, con un’anteprima dedicata all’omaggio a Cole Porter “You’re the top”, ideazione e orchestrazioni di Alessandro Lucchetti che si esibirà al pianoforte accompagnato dall’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele diretta da Alessandro Ballista. La manifestazione entrerà nel vivo il 2 giugno, ogni sera due concerti, al teatro Vittorio Emanuele e poi jam session alla Marina del Nettuno.

Fabrizio Bosso

Fabrizio Bosso

Ad aprire il Messina Sea Jazz Festival, il 2 giugno, Pluriverso Trio con Cosimo Costantino al clarinetto, Antonino Magazzù al basso elettrico e Angelo Tripodo alla batteria e non mancheranno le sorprese di una serata che proseguirà con Piani Paralleli, la nuova composizione del maestro Giovanni Mazzarino per quartetto jazz e orchestra d’archi, con il famoso trombettista Fabrizio Bosso, giovane, brillante, talentuoso, come guest star, insieme a loro Riccardo Fioravanti al contrabbasso, Stefano Bagnoli alla batteria accompagnata dall’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele diretta da Paolo Silvestri, per una produzione del Teatro di Messina.

Dado Moroni

Dado Moroni

Il 3 giugno è la volta dei No Game 5et con Daniela Spalletta alla voce, Claudio Giambruno ai sassofoni, Giovanni Conte al pianoforte, Giovanni Villafranca al contrabbasso, Antonio Leta alla batteria secondo concerto con il Dado Moroni Trio con Dado Moroni al pianoforte, Giuseppe Cucchiara al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria.
Altri due imperdibili concerti previsti per il 4 Giugno con in apertura Umberto Capilongo Quintet e la presentazione ufficiale del nuovo lavoro discografico “Inversion” edito dalla Jazzy Records, si esibiranno Umberto Capilongo alla chitarra, Francesco Patti al sassofono tenore, Roberto Mezzatestra al pianoforte, Giuseppe Campisi al contrabbasso e Marcello Arrabito alla batteria. Secondo concerto della serata di Javier Girotto Quartet, con Javier Girotto ai sassofoni, Dino Rubino al pianoforte, Nello Toscano al contrabbasso, Giuseppe Tringali alla batteria.

Stefano Di Battista

Stefano Di Battista

Il 5 giugno Sam Mortellaro Trio feat. Nicola Caminiti, al sassofono contralto il secondo, al pianoforte il primo insieme ad Angelo Minacapilli al contrabbasso e Francesco Alessi alla batteria e a chiudere la serata “George Gershwin, una scala verso il paradiso”, fantasia rapsodica su temi di Gershwin per quartetto jazz e orchestra sinfonica, arrangiata e diretta da un giovane talento messinese ormai protagonista della scena musicale internazionale, Cettina Donato, e con la partecipazione di Stefano Di Battista, star della musica jazz al sax, Seby Burgio al pianoforte, Alberto Fidone al contrabbasso, Giuseppe Tringali alla batteria e l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele, altra produzione Teatro di Messina.
A concludere il Festival, giorno 7 giugno, una grande festa tra le due sponde dello Stretto a bordo della nave Vestfold, con “Strettamente Jazz” musica itinerante tra Scilla e Cariddi.

Il Messina Sea Jazz Festival 2015 è una manifestazione organizzata dall’Associazione Culturale Minerva in partnership col Teatro Vittorio Emanuele, gli Enti Morali Associazione Bellini e Accademia Filarmonica, il Comune di Messina, l’Università. Direttore artistico il maestro Giovanni Mazzarino, direttore di produzione artistica il maestro Giovanni Renzo, direzione organizzativa affidata a Lello Manfredi.

Giovanni Mazzarino

Giovanni Mazzarino

Guarda il programma

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.