Il Marranzano World Festival migra a Messina

Musica Il festival dedicato alla tradizione e innovazione degli strumenti musicali siciliani si terrà per la prima volta al Parco Horcynus Orca di Messina. A Catania solo un appuntamento, l'1 luglio

Sarà una festa di musica, danza, suoni della tradizione e dell’innovazione, provenienti dalla Sicilia e dai quattro angoli del globo il Marranzano World Fest e per la prima volta in dieci anni di attività, si svolgerà a Messina il 26 giugno e dal 2 al 5 luglio al Parco Horcynus Orca, con una parentesi catanese l’1 luglio al Monastero dei Benedettini.

La manifestazione – organizzata e promossa dall’Associazione Musicale Etnea e da Mondo di Musica, in collaborazione con la Fondazione Horcynus Orca, l’Università degli Studi di Catania, il Museo di musica popolare di Gesso, il Parco Museo Jalari e il Centro arti e culture Tavola Tonda di Palermo, con il patrocinio del Comune di Messina – è stata presentata questa mattina in conferenza stampa nella Sala Ovale del Comune dal direttore artistico Luca Recupero, da Biagio Guerrera dell’Associazione Musicale Etnea che dal 2005 sostiene e promuove l’evento, da Giacomo Farina della Fondazione Horcynus Orca, dal curatore scientifico del Museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani di Gesso Mario Sarica. Sono intervenuti anche la referente per l’organizzazione dei laboratori Eliade Grasso, il marranzanista Turi Costa, Francesco Papalia della band messinese dei Boo Daci’s e l’artista palermitana Renè Purpura, autrice della mostra fotografica che inaugurerà il festival.

Luca Recupero

Luca Recupero

«Per l’edizione decennale abbiamo scelto di spostarci da Catania e di scommetere su Messina – hanno sottolineato Luca Recupero e Biagio Guerrera – perché crediamo che questo territorio sia particolarmente ricettivo, musicalmente parlando, e pronto a indagare la tradizione reinterpretata in chiave multiculturale e contemporanea. Il parco Horcynus Orca, in particolare, sintetizza pienamente il tema dell’edizione 2015, ‘I Confini del suono’, per l’alto valore simbolico, naturale e culturale della location, e si presta a coniugare momenti concertistici e ludici con momenti di approfondimento scientifico scientifico ed educativo come le tavole rotonde, le mostre e i laboratori, vero e proprio ‘cuore’ del festival, con le prime iscrizioni arrivate da Parigi e dall’Olanda. Senza dimenticare il mercatino musicale con la presenza di artigiani e costruttori provenienti da tutto il mondo e il book corner a cura della libreria Doralice».

Il Marranzano World Festival parte venerdì 26 giugno con la giornata inaugurale a ingresso gratuito. Si comincia alle ore 16.00 al Parco Horcynus Orca con la tavola rotondaTradizioni Popolari e Nuove tecnologie. Alla scoperta del passato per immaginare il futuro”, con la partecipazione di: Luca Recupero (Marranzano World Fest), Carlo Condarelli (YouCultures), Stefano Roveda (Studio Azzurro), Manlio Garavaglia (AK Lab), Antonio Scuderi (Capitale Cultura, de Agostini), Giorgio Grasso (Università di Messina, Dip. Scienze Cognitive), Ignazio Buttitta (Fondazione Buttitta), Rosario Perricone (Museo internazionale delle Marionette A. Pasqualino), Mario Sarica (Museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani).

 Antonio Smiriglia e i Cantori di Galati mamertino

Antonio Smiriglia e i Cantori di Galati mamertino

A seguire, alle 19.00, l’inaugurazione della mostra fotografica “Anima Vibrante” di Renè Purpura – PhNeutro, dedicata alla costruzione del marranzano in Sicilia, e quindi l’aperitivo inaugurale, a cui seguirà la Festa popolare alle ore 21.00 con Salvatore vinci, Pippo Benevento e gli amici dell’organetto, I Cantori di Galati mamertino con Antonio Smiriglia.

Mercoledì 1 luglio il festival si trasferisce al Monastero dei Benedettini di Piazza Dante, a Catania, con un’anteprima affidata al laboratorio di scacciapensieri di Neptune Chapotin (ore 17.00), qal’incontro con Gorkem Sen, inventore dello yaybahar, (ore 19.30), e al concerto gratuito che riunirà sullo stesso palco i musicisti Görkem Şen (Turchia), Neptune Chapotin (USA/Francia/India), Maura Guerrera e Giancarlo Parisi (Messina), con la partecipazione speciale della nota band catanese I Lautari.

I Lautari

I Lautari

Giovedì 2 luglio la kermess si trasferisce definitivamente al Parco Horcynus Orca di Messina, con l’opening affidato alle 17.00 al laboratorio di danze tradizionali dalla Sicilia all’Europa, a cura di Barbara Crescimanno – Tavola Tonda, e al laboratorio di Tamburello “Moderno” di Michele Piccione. Alle 21.00 Festa “a ballu” a ingresso gratuito affidata alla Scuola popolare di danza e musica di Tavola Tonda.

Venerdì 3 luglio giornata piena. Dalle 9.30 ancora laboratorio di danze tradizionali e laboratorio di marranzano a cura di Fabio Tricomi, cui seguiranno, dalle 11.30, il laboratorio di doromb tenuto da Aron Szilagyi e quello di tamburello siciliano. Nel pomeriggio alle 15.00 laboratorio di canti polivocali sardi della compagnia teatrale sperimentale sarda Actores Alidos e alle 17.00 laboratorio di canto armonico dell’Asia Centrale a cura di Sainkho Namtchylak, musicista e cantante siberiana che in oltre 20 anni di carriera internazionale si è affermata nel firmamento mondiale delle grandi voci accanto a personaggi come Bjork o Diamanda Galas. Alle 19.30 incontro con Michele Piccione e il tamburello politimbrico in preparazione del concerto delle 21.30: “MarranzaNite – La notte del marranzano”, consueto raduno dei marranzanisti siciliani con Davide Merrino, Giorgio Maltese, Pippo Distefano, Fabio Tricomi, Gemino Calà, Puccio Castrogiovanni, Giuseppe Roberto, Turiddu Costa. Special guests: Neptune Chapotin (USA/Francia/India) a murchang, dan moi, khomus, e Aron Szilagyi (Ungheria) al doromb. Con la partecipazione speciale della band messinese de I Boo Daci’s.

Alfio Antico

Alfio Antico

Sabato 4 luglio ancora laboratori a partire dalle 11.30, poi alle 19.30 l’incontro con Paolo Angeli, inventore della chitarra sarda preparata e, alle 21.30, il concertoAi confini del Suono … e oltre” con il siciliano Giuseppe Severini alla cetra cosmica, il sardo Paolo Angeli alla chitarra sarda preparata, il turco Görkem Şen allo yaybahar, con la partecipazione speciale del celebre musicista, poeta, cantore siciliano Alfio Antico.

Giancarlo Parisi

Giancarlo Parisi

Per la giornata finale, domenica 5 luglio, è in programma in mattinata la visita al Museo di Cultura e Musica Tradizionale dei Peloritani di Gesso, dove si terrà anche il laboratorio di costruzione strumenti popolari della tradizione agro pastorale dei Peloritani (flauto di canna, tamburello, oggetti sonori effimeri) a cura di Felice Currò. Nel pomeriggio si torna al Parco Horcynus con il laboratorio di canto popolare siciliano, affidato a Maura Guerrera, e il laboratorio world mouth harps di Neptune Chapotin. Alle 19.30 ancora un altro incontro, con Görkem Şen e alle 21.30 il concertoVoci oltre i confini del Suono” con Maura Guerrera e Giancarlo Parisi a voce, zampogna e flauti, Actores Alidos per i canti polivocali sardi, e le featuring prestigiosa di Sainkho Namtchylak al canto armonico e sperimentale. A seguire festa finale con la partecipazione speciale della band catanese IPERcusSONICI.

«Il Marranzano World Festival ci offre un’occasione unica per mettere in rete saperi, conoscenze e strumenti preziosissimi, in un terrirorio- conclude Mario Sarica del Museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani di Gesso – che fin dagli anni Cinquanta ha conosciuto ricerche etnomusicali condotte sul campo. Inoltre, l’approccio contemporaneamente ricreativo, educativo e scientifico, per nulla estraneo all’attività che porta avanti da quasi 20 anni il Museo Cultura e Musica popolare dei Peloritani, sono certo che ci regalerà novità straordinarie e momenti di grande interesse per cultori e non»

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.