Ragusa riparte con “A Tutto Volume”

Eventi La stagione dei grandi eventi estivi si apre con l'ormai collaudata festa dei libri: il via giovedì 10 giugno, a Marina di Ragusa, con Pif e Marco Lillo e dopo due giorni a Ragusa superiore si conclude domenica 13 con Stefania Auci e il suo “L'inverno dei leoni”

“A Tutto Volume – libri in festa a Ragusa” aprirà la stagione dei grandi eventi estivi e riconsegnerà le piazze ai libri, ai lettori e agli autori. Lo farà dal 10 al 13 giugno prossimi rilanciando il desiderio di stare insieme, la volontà di condivisione, di scambio, di incontro in quell’universo emozionale che i libri e la cultura riescono a creare magicamente. Per questo il festival sceglie luoghi inediti, lontani dal convenzionale: una piazza, un atrio, un giardino, una spiaggia se è il caso, laddove è più facile liberare l’animo umano dalla quotidianità. Come nella scorsa edizione, anche per questa, la dodicesima, gli incontri sono previsti in presenza e sempre in massima sicurezza, secondo i protocolli in corso.

Il direttore artistico ed ideatore Alessandro Di Salvo annuncia già una primissima novità: «Ogni anno il festival cerca di coinvolgere aree nuove del tessuto urbano di Ragusa. Quest’anno abbiamo deciso di aprire giovedì 10 giugno, a Marina di Ragusa, a pochi metri dalle spiagge di sabbia dorata e dal mare con bandiera blu. L’idea è quella di lanciare anche un messaggio in favore del comparto turistico che, come per quello degli eventi e delle iniziative culturali, sta soffrendo. Portiamo i libri quasi sulla battigia e lo facciamo in una delle località balneari siciliane d’eccellenza»

Il festival poi tornerà venerdì e sabato, come tradizione vuole, nel centro storico di Ragusa superiore per trasferirsi la domenica, nell’ultima giornata, a Ragusa Ibla, quartiere barocco con numerosi siti patrimonio dell’Umanità. “A Tutto Volume” è anche la prima tappa siciliana di “Piazza Dante”, la rete di festival italiani che celebrano il sommo poeta con incontri, reading ed eventi specifici.
I dati delle vendite dei libri sembrano confermare che la lettura unisce, anche e soprattutto in tempi tanto complicati come quelli attuali. Ragusa, resistente e appassionata, anche per questa stagione sarà dunque in prima linea con la manifestazione nota per l’attenzione alla narrativa, alla saggistica, alle inchieste giornalistiche e ai vari generi letterari senza mai trascurare l’attenzione per il panorama editoriale che interessa i lettori giovani e giovanissimi.

Alessandro Di Salvo, direttore artistico ed ideatore del festival

Saranno Pif e Marco Lillo ad aprire il festival in riva al mare con la conduzione di Silvia Truzzi in un incontro che darà spazio a “Io posso. Due donne sole contro la mafia”. A chiudere l’amatissima Stefania Auci con “L’inverno dei leoni”, secondo capitolo della saga dei Florio che occupa da quasi due anni i primissimi posti della classifica dei libri più venduti. Tra i primi nomi annunciati ci sono Sebastiano Barisoni, Paolo Crepet, Annalisa Cuzzocrea, Giancarlo De Cataldo, Chiara Franchini, Levante, Rula Jebreal, Michele Santoro, Alessandro Robecchi, Saverio Tommasi, Marcello Veneziani a cui si aggiungeranno altri importanti scrittori e giornalisti.

Il festival, promosso e organizzato dalla Fondazione degli Archi, quest’anno si avvale della partecipazione e collaborazione dei guest director Antonio Pascale, Loredana Lipperini, Massimo Polidoro e Federico Taddia e del sostegno del Comune di Ragusa, della Regione Siciliana, dell’Ars, dall’Asp Ragusa e di altri sponsor pubblici e privati.
Il programma e tutti gli aggiornamenti saranno pubblicati nelle pagine social del festival e sul sito www.atuttovolume.org

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.