Nasce B.E.V.I., la serie tv dedicata all’eccellenza vitivinicola italiana

Calici & Boccali Su Sky Arte dal 26 maggio ogni mercoledì andrà in onda "B.E.V.I. (Bacche, Enologi e Vinattieri d’Italia) – L’Arte del Vinificare" viaggio alla scoperta dell’eccellenza del vino italiano, da nord a sud: dieci episodi in cui il vino si svela nel paesaggio, nelle persone, nei luoghi, senza tecnicismi, ma nella sua pura verità espressiva

C’è un rapporto profondo tra arte e vino in Italia. Oggi, le cantine stesse, sono diventate le nuove cattedrali. Così si celebra, appunto arte, creatività e anche buona economia. È questo lo scrigno dei tesori proposto da B.E.V.I. (Bacche, Enologi e Vinattieri d’Italia) – L’Arte del Vinificare -, la serie televisiva in dieci episodi che Sky Arte ha inserito nella fascia più ambita ma anche più impegnativa del suo palinsesto preserale. Un viaggio di scoperta, da nord a sud dell’Italia che, allo scoccare delle 20.45, a partire dal 26 maggio, per dieci mercoledì consecutivi, coinvolgerà l’eccellenza del vino italiano, in territori mozzafiato di un’Italia agricola sino al midollo, eppure innovativa, aperta ad una contemporaneità che non può far a meno della bellezza e delle sue emozioni. Il vino stesso è, per molti produttori, una creazione, un’opera personalissima, frutto della propria sensibilità e della propria cultura di riferimento.

Toscana, la cantina Mazzei

A produrre la serie B.E.V.I. in programmazione su Sky Arte (canali 120 e 400 di Sky), un piccolo ma prestigioso marchio della filiera audiovisiva italiana, Artlouder di Roma, guidata da Federico Di Giambattista. «Volevamo con Chiara Panzieri, autrice di questa nuova produzione dal taglio internazionale ma profondamente ricca di italianità, trovare una chiave nuova ed originale nella narrazione dell’arte nel vino e nei suoi linguaggi – spiega Federico di Giambattista -; l’obiettivo era ottenere una grande densità e forza nelle immagini ma con leggerezza e autenticità nel tessuto del racconto, puntando sull’essenzialità del messaggio». Lo stile di ripresa, la fotografia, il ritmo di montaggio e l’uso delle musiche costituiscono un unicum inscindibile nella scelta identitaria di B.E.V.I. e nella sua riconoscibilità nella cultura cinematografica. Dieci episodi tutti godibili dove il vino si svela nel paesaggio, nelle persone, nei luoghi, senza tecnicismi, ma nella sua pura verità espressiva.La regia è stata affidata a Mirko Melchiorre e la fotografia è firmata da Alessandro Pezza.

La terza puntata sarà dedicata alla Sicilia, una destinazione ideale, ricca di fascino, con grande attenzione al contesto produttivo e alla biodiversità. Valori di grande rilevanza per due aziende protagoniste del rinascimento enologico dell’isola: Donnafugata e Firriato. Un percorso visivo e percettivo all’insegna della qualità, ricco di vibrazioni ed emozioni evocative, che rende omaggio all’arte delle illustrazioni e alla letteratura, ai colori della terra e del cielo, al carattere del vino.

Josè Rallo di Donnafugata

Un progetto che il canale tematico fondato e diretto da Roberto Pisoni ha voluto con una posizione di riguardo nel palinsesto di Sky, confermando il valore di una scelta di fondo nella selezione e nella proposta complessiva di Sky Arte in Italia: investire sulle produzioni italiane di qualità, indipendenti e innovative. «Sin dalla sua nascita – ha ribadito Roberto Pisoni – Sky Arte ha sempre raccontato le tante risorse del patrimonio artistico internazionale, con un occhio di riguardo alla straordinaria tradizione italiana. Abbiamo dato voce ai grandi artisti, ma anche a quelli emergenti; abbiamo mostrato i grandi luoghi d’arte, ma anche quelli più insoliti e meno conosciuti, ma non per questo meno affascinanti. Ora, con la serie B.E.V.I., raccontiamo il nostro paese da un punto di vista per noi nuovo: l’eccellenza vinicola italiana, fatta di tradizioni, innovazione, architetture contemporanee e maestri di un’arte apprezzata in tutto il mondo».

Manduria

La serie televisiva B.E.V.I. ha visto generare attorno al progetto una condivisione davvero importante, a partire dalla figura del main sponsor raccolta da UniCredit. Ha sposato l’iniziativa valutandola perfettamente in linea con i processi di presidio dei territori e delle filiere dell’eccellenza italiana, soprattutto in questa fase, guardando con fiducia alla ripartenza. Condividere il progetto B.E.V.I con Sky Arte e con le aziende coinvolte in questa prima stagione, è stato per UniCredit naturale e distintivo, non solo per gli aspetti specifici del partenariato nato con Artlouder, ma per ragioni di scenario e di rilancio del Paese, sostenendo un settore strategico per l’intera economia italiana.

Umbria, la Strada del vino e dell’arte

A condividere il progetto anche Winelivery – L’App per bere! -una delle piattaforme di successo dell’e-commerce specializzato nel vino e che negli ultimi anni ha segnato un forte processo di radicamento territoriale, aumentando notevolmente le città servite ma, anche attraverso questa collaborazione, guarda con attenzione alla comunicazione televisiva del prodotto vino e alla sua community. «Da sempre – ha sottolineato Francesco Magro co-founder e CEO di Winelivery – uno degli obiettivi di Winelivery è stato quello sfruttare la propria tecnologia per avvicinare il più possibile i suoi utenti ai produttori e realtà che stanno dietro ogni singola bottiglia consegnata al domicilio. Per questo abbiamo scelto di supportare la produzione di BEVI, capace di portare nelle case dei telespettatori delle vere esperienze in cantina, raccontate dal vissuto di chi ci vive e lavora. Siamo certi che dopo aver visto ciò che sta dietro una bottiglia, i vini degustati avranno tutto un altro sapore».

La serie, nella versione sottotitolata in inglese, è stata già opzionata da oltre 20 canali tematici e generalisti nel mondo.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.