Le note spumeggianti e solidali della Scam

Recensioni Ampio riscontro di pubblico per il concerto “Note spumeggianti” svoltosi all’Istituto Sacro Cuore di Catania per iniziativa della Società Catanese Amici della Musica, e del Kiwanis Divisione 2 Etna Patrimonio dell’Umanità.  La manifestazione, che ha visto sotto i riflettori gli artisti catanesi Sabrina Messina mezzosoprano, Graziano D’Urso baritono, e Alberto Alibrandi pianista, ha devoluto il ricavato in beneficenza al centro “Autos” di Aci Sant'Antonio

Ampio riscontro di pubblico e felice gradimento del programma eseguito, ha registrato il concerto “Note spumeggianti”  svoltosi all’Istituto Sacro Cuore di Catania domenica scorsa, per iniziativa della Società Catanese Amici della Musica, presidente Anna Rita Fontana, e del Kiwanis Divisione 2 Etna Patrimonio dell’Umanità, col Luogotenente Governatore Alfio Cavallaro.  La manifestazione, che ha visto sotto i riflettori gli artisti catanesi Sabrina Messina mezzosoprano, Graziano D’Urso baritono, e Alberto Alibrandi pianista, ha devoluto il ricavato in beneficenza al centro “Autos” di Aci Sant’Antonio, direttore Giovanni Panebianco e presidente Pietro Scozzari, presenti anch’essi  in platea, accanto ad altre autorità kiwaniane quali Nunzio Spampinato, Giuseppe Greco, Alfio Privitera e Ciro Messina. Grazie alla partecipazione dei Club Kiwanis Acicastello Terra dei Ciclopi, Catania Centro, Catania Est, Catania Nord, PS, Etneo, Giarre-Riposto, Mediterraneum, Paternò, Tauromenium V.A., Zafferana Etnea, si potranno  apportare migliorìe all’istituto suddetto nell’ambito del giardinaggio per i soggetti con disturbi dello spettro autistico.

Da sinistra Alberto Alibrandi, Sabrina Messina e Graziano D’Urso

I cantanti si sono imposti all’attenzione del numeroso pubblico per la forbita vocalità, il sapiente equilibrio espressivo e la rilevante presenza scenica:  tra un’aria operistica e l’altra (dalle opere mozartiane Le nozze di Figaro  e Don Giovanni rispettivamente“Non più andrai farfallone amoroso” e il duetto “Là ci darem la mano”, dalla Beatrice di Tenda belliniana “Come t’adoro e quanto, dalla Carmen di Bizet “Habanera”) tra sfolgoranti  mise  in rosso e nero  del mezzosoprano e  una buona fetta di teatralità messa in campo da entrambi, si porgevano  anche stuzzicanti brani operettistici come “Tace il labbro” da La vedova allegra  di Franz Lehàr e il graditissimo bis  Cin cin là , dall’omonima operetta di Virgilio Ranzato. La seconda parte si dispiegava con altrettanto successo tra gli accenti solari di “Granada” di Augustìn Lara, “Musica proibita” di Stanislao Gastaldòn , “Non ti scordar di me” di Ernesto De Curtis, accanto a “Brucia la terra” di Nino Rota, da “Il padrino”. Il pianista Alibrandi ha accompagnato gli artisti con eleganza e professionalità, e inframezzando  le esecuzioni operistiche con personali ed estrose rivisitazioni jazzistiche di Habanera, nonchè dalle colonne sonore di “Nuovo cinema paradiso” e “La vita è bella”. Applausi ed entusiasmo a piene mani per l’ottima performance degli artisti e per il service Kiwanis.

Musicisti e organizzatori del concerto Scam “Note spumeggianti”

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.