“L’attesa” del regista calatino Piero Messina al Toronto International Film Festival

Ci sarà anche “L’attesa” del regista calatino Piero Messina alla quarantesima edizione del Toronto International Film Festival che si terrà dal 10 al 20 settembre. Due i film che dalla 72ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia arriveranno in Canada: “Sangue del mio sangue”, il nuovo dramma del maestro Marco Bellocchio e il primo lungometraggio del regista siciliano (che ha lavorato come aiuto regia con Paolo Sorrentino nei film “This Must Be the Place” e “La grande bellezza”) che vanta un cast internazionale guidato da Juliette Binoche, prodotto dalla Indigo Film e da Medusa Film.

Piero Messina

A Toronto ci saranno anche due film presentati in concorso all’ultimo Festival di Cannes: “Youth – La giovinezza” di Paolo Sorrentino e “Mia madre” diretto da Nanni Moretti, entrambi parte della sezione Special Presentations. Dalla Croisette arriverà anche Roberto Minervini con il suo ipnotico “Louisiana” (The Other Side), precedentemente visto in “Un Certain Regard” e adesso presente all’interno di Wavelenghts.
Sempre in questa sezione ci sarà anche “Bella e perduta” di Pietro Marcello appena presentato in concorso al Festival di Locarno: l’unico film italiano che ha gareggiato per il Pardo d’oro, accolto dagli applausi di pubblico e critica. Chiude la selezione Exit/Entrance or Trasumanar, cortometraggio diretto da Federica Foglia al suo debutto dietro la macchina da presa. Protagonista un artista immigrato che vaga per le strade della città in cui adesso vive. Il film, presentato all’interno della sezione Short Cuts, è un inno a questa nostra epoca di continue migrazioni, un’opera che oscilla tra nostalgia e desiderio di appartenenza.

Juliette Binoche in L'attesa

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.