Piero Messina presenta “L’attesa” nella sua Caltagirone

Il 34enne regista calatino de “L’attesa”, il film con Juliette Binoche che ha ricevuto sette minuti di applausi alla prima proiezione alla settantaduesima Mostra del Cinema di Venezia, dove si è aggiudicato il Leoncino d’oro, ha scelto di assistere nella “sua” Caltagirone al debutto nazionale della sua opera prima. Di ritorno dal Canada (il film è stato selezionato anche per il “Toronto Film Festival”), Messina interverrà, venerdì 18 settembre (alle 20,30 al cine-teatro Sant’Anna, alle 21 al cine-teatro Politeama) alla proiezione del suo film che valorizza il centro storico di Caltagirone e che è un atto d’amore per la sua città natale. «Il film – ha detto il regista calatino – è scritto per essere girato in Sicilia, una Sicilia composta da diversi luoghi, di cui Caltagirone è il fulcro».

Piero Messina al Festival di Roma nel 2012

Per l’occasione, venerdì 18, alle 18,30, al municipio, il commissario straordinario del Comune, Mario La Rocca, consegnerà un riconoscimento a Messina «per i significativi risultati raggiunti e per il contributo che, con il film, il regista dà alla conoscenza promozione e valorizzazione del patrimonio artistico, monumentale e di tradizioni della città di Sturzo». Per gli angoli di Caltagirone, Messina ha usato i suoi ricordi (i “carruggi” e la monumentale Scala di Santa Maria del Monte): «Il film l’ho pensato lì – ha dichiarato – Quando i personaggi vanno in paese, s’infilano nella infinita rete di stradine (dette “carruggi” come a Genova), in questo caso immerse nella nebbia, e iniziano a perdersi».

Leggi la nostra intervista a Piero Messina

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.