La Pescheria di Catania a Striscia la Notizia

Mercoledì 6 aprile su Striscia la notizia, storico programma Mediaset che da quasi trent’anni va in onda su Canale 5 alle ore 20:40, Catania e la sua pescheria al duomo, saranno protagoniste del servizio realizzato da Luca Sardella, agronomo specializzato in fitopatologia, ha sempre nutrito una grande passione non solo per le piante ma anche per la musica.
La pescheria è uno dei mercati storici della città du Liotru (dell’Elefante, simbolo cittadino) e la sua caratteristica è l’essere perfettamente inserito nel contesto del centro storico, a pochi metri dalla cattedrale, dalla Badia di Sant’Agata, dal Palazzo del Comune e dalla prestigiosa via Etnea.
Luca Sardella con la regia di Massimo Tomagnini, autore storico del programma di Antonio Ricci, grazie ai tre minuti di servizio che andrà in onda, farà conoscere all’Italia intera il mercato storico del pesce di Catania, che è segnalato anche nelle guide turistiche e che è una risorsa economica e di informazione, non solo per i bancarellari che vi lavorano, ma per l’intera città.

Sketch, musica, battute e varie performance, stasera presenteranno al meglio, nonostante i tempi rapidi del programma, agli oltre dieci milioni di telespettatori, uno dei fiori all’occhiello di Catania, di cui da anni si parla come risorsa, ma troppo spesso è bistrattato o non adeguatamente valorizzato, una promozione positiva per la città, dunque, che, occorre sottolineare, nasce autonomamente dall’amore che Sardella ha per l’intera Isola, in cui torna di frequente per lavoro e piacere. Attualmente Luca Sardella è impegnato in due programmi: una rubrica su Striscia la notizia e ne ‘Il pollice verde sono io’ su La7.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.