Iniziato il count-down per il primo ciak di “Fratelli Noir”, la sitcom made in Catania

Visioni Mancano poco più di dieci giorni all’inizio delle riprese a Catania, tra la via Etnea, “La Mafaldineria” di Mariano Urzì, la Società Storica Catanese, il porto e altri scorci della città, della sitcom di genere diretta dal regista visionario Daniele Gangemi

Mancano poco più di dieci giorni all’inizio delle riprese a Catania, tra la via Etnea, “La Mafaldineria” di Mariano Urzì, la Società Storica Catanese, il porto e vari scorci della città, della sitcom di genere dal titolo ormai noto “Fratelli Noir” e quasi tutti i nomi del cast artistico e tecnico sembrano essere stati svelati.
Se l’idea, la sceneggiatura e la regia sono infatti del visionario regista Daniele Gangemi, le firme  degli altri reparti non sono sicuramente da meno e promettono già da adesso rigore ed estrema professionalità.

Renny Zapato e François Turrisi

Troviamo così Isabella Arnaud in produzione, Luca Carrera al montaggio, Arsinoe Delacroix in scenografia, Salvo Bruno Dub alle musiche, Caterina Maria Grillo al suono, Alessandro La Fauci in Fotografia e Debora Privitera ai Costumi.
Coinvolgimento e divertimento è invece assicurato dagli attori Francesca Agate, nel ruolo della cassiera, Egle Doria, nel ruolo della prima cliente, Ketty D’Agosta, nel ruolo della casalinga, Plinio Milazzo, nel ruolo del pescatore, Aldo Toscano,  nel ruolo del capitano di marina, François Turrisi, nel ruolo di  François Noir e Renny Zapato, nel ruolo di Renny Noir.

Un progetto dunque ricco di sorprese ed estremamente ambizioso che ha fatto parlare di se già dalle prime rivelazioni, destinato a lasciare il segno nel tanto complesso ed imprevedibile campo dell’entertainment.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.