Il teatro ragazzi dell’Agricantus, magia domenicale del palcoscenico

Teatro e opera Il teatro palermitano di via XX Settembre, diretto da Vito Meccio, propone dal 6 novembre al 16 aprile 2023 nove titoli – tra grandi classici riadattati e titoli contemporanei – proposti da compagnie specializzate che offriranno al pubblico più giovane (dai 3 anni in su) domeniche pomeriggio all'insegna del divertimento e di quello stupore, che solo la magia del palcoscenico riesce a regalare

Una rilettura delle più classiche tra le fiabe e spettacoli recitati in lingua originale “spaventosamente” divertenti. Al Teatro Agricantus di Palermo torna la programmazione dedicata ai più giovani, affinché le nuove generazioni si possano avvicinare e appassionare al teatro, arte capace come poche altre di accogliere, contaminare, dare spazio e interpretare voci differenti.
Lo spazio di via XX Settembre, di cui è direttore artistico Vito Meccio,  vanta una lunga tradizione sperimentale e di ricerca, secondo un’idea polivalente di spettacolo dal vivo capace di attrarre un pubblico eterogeneo per età, sensibilità, gusti e classe sociale. Tra questi non mancano i bambini ai quali sono dedicati i nove spettacoli della stagione di teatro per ragazzi che, dal 6 novembre al 16 aprile, intratterrà le domeniche pomeriggio dei giovanissimi (dai 3 ai 13 anni di età) con spettacoli divertenti e formativi allo stesso tempo, appositamente creati per loro da compagnie di professionisti capace di accendere la scintilla dello stupore attraverso quella magia che solo il palcoscenico di un teatro riesce a creare.

Si parte domenica 6 novembre alle ore 16 con Hansel, Gretel e il segreto della strega (adatto a bambini dai 3 ai 10 anni) della compagnia calatina Nave Argo, dal 1992 attiva in tutta la Sicilia e diventata un punto di riferimento nel settore della prosa contemporanea e del teatro per l’infanzia.  In questo spettacolo, portato in scena da Giuseppe Brancato e Iridiana Petrone (anche autrice dei testi e regista), con le musiche originali di Giuseppe Nicolosi e le scenografie di Tiziana Rapisarda, Hansel e Gretel sono due fratelli che giocano, ridono e qualche volta litigano. Hansel è un ragazzino generoso e coraggioso, Gretel è sensibile e gentile. Un giorno si inoltrano nel cuore del bosco e trovano una casetta piena di sorprese e qualche segreto! Con l’aiuto di un corvo parlante un po’ smemorato, riusciranno a scoprire quanto sia bello avere al proprio fianco un fratellino o una sorellina.

“Hansel e Gretel” di Nave Argo

Domenica 4 dicembre sarà la volta de Il mago di Oz (adatto a bambini dai 5 ai 12 anni), fiaba liberamente ispirata al grande classico di Lyman Frank Baum e portato in scena dagli  interpreti del Teatro Bertolt Brecht, il collettivo di Formia da oltre 40 anni si dedica alla produzione di spettacoli di teatro contemporaneo, teatro per ragazzi e teatro di strada. Gli attori Maurizio Stammati e Chiara Di Macco con i pupazzi di Ada Mirabassi ripercorreranno tutte le tappe del fantastico viaggio di Dorothy, la bambina annoiata del Kansas.

Maurizio Stammati e Paola Cacace in “Il mago di Oz”, foto di Ilaria Tortoriello

Il nuovo anno si aprirà all’insegna di uno spettacolo recitato in lingua originale, appuntamento che ogni anno registra un grandissimo successo: domenica 15 gennaio la compagnia The Play Group, formata da soli attori madrelingua professionisti e specializzati nel teatro per ragazzi, porterà in scena Dracula di Bram Stoker (adatto a bambini dai 5 ai 12 anni): un grande classico della letteratura inglese proposto in una versione spaventosamente divertente e rigorosamente in lingua originale. Una nuova dimensione per imparare l’inglese coinvolgendo e incoraggiando i piccoli spettatori allo studio della lingua straniera. Un linguaggio chiaro e accessibile e uno spettacolo divertente e coinvolgente è ormai una formula collaudata di sicuro successo.

Il “Dracula” da ridere di The Play Group

La compagnia campana La Mansarda Teatro dell’Orco, nata trent’anni fa come compagnia di teatro per le nuove generazioni con l’intento di formare un pubblico critico ed attento, proporrà al Teatro Agricantus ben due spettacoli: domenica 5 febbraio Cappuccetto Rosso (adatto a bambini dai 3 ai 10 anni), una delle fiabe europee più popolari proposta nella versione a lieto fine dei Fratelli Grimm, e domenica 5 marzo Gervaso e Carlotta (adatto a bambini dai 3 ai 10 anni),  spettacolo tratto da una antica fiaba popolare tedesca con cui la compagnia ha ricevuto una menzione speciale della giuria al “Premio Ribalta” nel 2007 e il Premio Migliore attore alla IV edizione del Festival Parco Pinocchio di Salerno.

Il “Cappuccetto Rosso” de La Mansarda Teatro dell’Orco

“Gervaso e Carlotta” della compagnia La Mansarda Teatro dell’Orco

La stagione per i più piccoli si concluderà domenica 16 aprile ancora una volta con interpreti del Teatro Bertolt Brecht che porteranno in scena a Palermo uno spettacolo nuovo di zecca: La Fattoria degli animali (adatto a bambini dai 5 ai 12 anni) liberamente tratto dal romanzo allegorico e rivoluzionario di George Orwell.

“La fattoria degli animali” della compagnia Bertolt Brect

Il Teatro Agricantus è sostenuto dalla Regione Siciliana -Assessorato del Turismo dello Sport e dello Spettacolo, che ne ha riconosciuto il ruolo e la funzione artistica, e dal Mic – Ministero della Cultura.

INFORMAZIONI

Teatro Agricantus. Biglietteria via XX Settembre, 80 – Tel. 091 309636
Da martedì a sabato ore 11.00 – 13.30 e 17.00 – 20.00; domenica ore 17.00 – 20.00

Biglietteria on line: www.agricantus.cloud https://agricantus.organizzatori.18tickets.it/

Rassegna Teatro Ragazzi – dal 6 novembre al 16 aprile
Messa in scena: domenica ore 16
Biglietti: singolo € 8; ridotto ingresso coppia € 13 (6,50 € a persona)
Abbonamento a  n. 6 spettacoli: € 36

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.