domenica 17 febbraio 2019

domenica 17 febbraio 2019

MENU

Dopo 20 anni torna in mare Lisca Bianca, il veliero "sociale"

Volontariato e Onlus

Il ketch di 11 metri con cui i coniugi Sergio e Licia Albeggiani fecero il giro del mondo dal 1984 al 1987 è tornato a nuova luce grazie a un progetto di reinserimento sociale e lavorativo che ha coinvolto ragazzi del circuito penale, ex-tossicodipendenti, disabili e migranti


di Redazione SicilyMag

Lisca Bianca dopo 20 anni è tornato in maree. Il veliero di 11 metri con cui i coniugi Albeggiani - Sergio e Licia - realizzarono il giro del mondo dal 1984 al 1987 è tornato a nuova vita grazie a un progetto di reinserimento sociale e lavorativo che ha coinvolto i ragazzi dell’Istituto Penale per i Minorenni “Malaspina” di Palermo, i ragazzi della Comunità di recupero “Sant’Onofrio” di Trabia, i giovani migranti del circuito Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) e gli infortunati di Inail in cerca di una nuova occasione di formazione e riscatto. Il suo restauro è stato il risultato di tre anni di duro lavoro.

Lisca Bianca, il ketch che ha fatto il giro del mondo

Lisca Bianca è un Carol Ketch di legno di 36 piedi ritrovato da Elio Lo Cascio (sociologo, mediatore penale) e Francesco Belvisi (designer e progettista navale) in un cantiere periferico di Palermo dopo oltre 20 anni di abbandono che la famiglia Albeggiani ha poi deciso di donare per finalità etiche e sociali. Nel 2013 ha preso il via, quindi, il progetto Lisca Bianca - navigare nell'inclusione, con l'obiettivo di consentire ai giovani coinvolti di acquisire conoscenze professionali, al fine di favorirne il reinserimento sociale. Un progetto poi sostenuto anche dal Comune di Palermo, che ha messo a disposizione il padiglione 5 della Fiera del Mediterraneo, che costituisce la “base a terra” dell’intera operazione.

Il veliero, con a bordo il “comandante” Sergio e il “nostromo” Licia, realizzò, salpando da Porticello, il primo periplo del globo dal 1984 al 1987: un viaggio di trentamila miglia che in tre anni solcò i mari più belli: Canarie, Antille, Galapagos, Hawaii, Maldive, Mar Rosso. Un secondo giro del mondo, nel 1989, venne interrotto dall’improvvisa scomparsa di Sergio Albeggiani, avvenuta a Las Palmas. Da allora, un lento declino che avrebbe portato inesorabilmente alla demolizione della barca.

Licia Albeggiani ed Elio Lo Cascio

«Quando decidemmo di fare il giro del mondo - racconta Licia Albeggiani, presente al varo della barca sabato scorso - nessuno credeva che ce l'avremmo fatta, esattamente come in pochi avrebbero scommesso su questo progetto di recupero sociale, che ha coinvolto tanta gente. Sapere che la barca si metterà a servizio degli altri mi rende felice».

Presente al varo anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando: «Tecnicamente siamo in presenza di una lucida follia: inizia il terzo giro del mondo con due sole considerazioni: la vela e il mare. Palermo ha un forte rapporto con il mare che deve servire non a dividere ma ad unire. Lisca Bianca è stata uno straordinario strumento per unire realtà che nella loro vita non si sarebbero mai incontrate. Qui ci sono gli artisti, i ragazzi del Malaspina, i migranti che hanno il diritto di decidere dove andare a vivere la propria esistenza. Questa barca – ha proseguito il sindaco - è Palermo, col suo rapporto col mare, con la vela che qui vanta una straordinaria tradizione».



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 01 agosto 2016
Aggiornato il 11 agosto 2016 alle 13:48





TI POTREBBE INTERESSARE

«Opera Commons, filantropia culturale per importanze alternative»

Creato più di 5 anni fa dalla dalla sociologa e socioterapista catanese in una residenza familiare di Aci Bonaccorsi salvata dall'abbandono, il progetto terapeuticamente vuole produrre a partire dalla difficoltà scegliendo la via della creatività, dell’arte e della comunicazione: «Verità rivelate e altalene anarchiche, si tratta di non cedere all’ovvio, al semplice»

A Palermo l'alta cucina di Euro Toques a servizio della ricerca

A sostegno dell’attività di ricerca dell’associazione "Piera Cutino", che da vent’anni si occupa di migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da talassemia, il 14 gennaio si sono dati appuntamento a Palermo i migliori cuochi della cucina italiana ed internazionale di Euro Toques, l’associazione fondata dal Maestro Gualtiero Marchesi, che prepareranno 30 portate per l'esclusiva cena di gala

Fortunato Di Noto: «Gli abusi sessuali sui neonati non fanno più notizia»

Per toccare con mano questa strage di innocenti dei nostri giorni, bisogna andarci nella sede dell’associazione Meter di Avola, dove lavorano tecnici informatici, psicologici, operatori sociali. Don Di Noto: «Bambini senza giustizia». Un'operatrice: «Ascoltare al telefono chi grida e chiede aiuto diventa una missione, prima ancora che lavoro o volontariato»

Dopo il rogo dell'ex Midulla, in strada per chiedere civiltà

Gli attivisti del Centro polifunzionale San Cristoforo, dopo il rogo che ha distrutto l'ex cinema riconvertito a centro di quartiere, hanno indetto una manifestazione per giovedì 26 luglio, alle 18.30, per denunciare lo stato di assoluto degrado in cui versa lo storico e popolare quiartiere di Catania

Medici senza quartiere la "rivolta" dei camici bianchi

Stanchi delle lunghe liste d'attesa del sistema ospedaliero, grazie a un'idea del medico otorinolaringoiatra Federico Sireci, una squadra di giovani professionisti della salute si è messa a disposizione dei cittadini: in una villa confiscata alla mafia alla periferia nord di Palermo offrono visite specialistiche gratuite e informano sulla prevenzione

Campus estivi dei Focolari nelle periferie di Roma e Siracusa

I campus estivi dei Giovani per un Mondo Unito e si svolgeranno dal 25 luglio al 3 agosto nel quartiere Corviale della Capitale e dal 30 luglio al 7 agosto nel quartiere Grottasanta di Siracusa