lunedì 19 agosto 2019

lunedì 19 agosto 2019

MENU

Plausi e botte

Ci rivediamo nel 1945

Blog

Ho parlato col dio Crono che gestisce il tempo, vorrei tornare a 30 anni fa. Non solo per tornare più giovane ma per non vedere lo squallore politico di oggi. Il dio è andato oltre, però. «Torneremo al 1945, all'Italia che ricominciava dopo la guerra, quando non eri neanche nato»


di Antonio Di Grado

Ho parlato col dio Crono, che gestisce il tempo. “Non si potrebbe tornare indietro?”, gli ho chiesto. “Indietro quanto? E cosa vuoi cancellare?”. “Trent’anni - gli ho risposto - di politica italiana. E poi ci guadagnerei trent’anni di vita”. E lui: “La politica? Sempre rissa e malgoverno, oggi come allora”. “Rissa? - gli dico. - Ma almeno a litigare erano Berlinguer e Craxi, due giganti che oggi manco ce li sogniamo. E quanto al malgoverno, malgovernavano meglio Fanfani, Rumor e perfino Andreotti rispetto a Berlusconi, Renzi, Di Maio, Salvini... Io, poi, ero appena sposato, insegnavo in una università che ancora trasmetteva conoscenza e valori, credevo ancora nel progresso...”.

“Progresso? - m'interrompe Crono, turbato. - Io che domino il tempo, sorrido di questa stupida invenzione di voi umani. Pericle era forse un primitivo rispetto a Trump? E le folle incantate dai tragici greci erano forse ottuse come gli spettatori di Ciao Darwin o di Affari tuoi? E tu preferisci Erri De Luca o Elena Ferrante a Cervantes e a Shakespeare? Preferisci Fedez a Monteverdi?”. “Hai ragione, ma questa è un’altra storia. Torniamo alla mia richiesta”.

Crono medita a lungo, poi: “E va bene, ma ti faccio un favore ancora più grande. Farò tornare il tempo ancora più indietro, alla fine dell’ultima guerra. Non c’erano ancora Berlusconi e Salvini, ma nemmeno le stragi di Stato e le trame occulte di quegli anni che fai male a rimpiangere. Torniamo al 1945, all’Italia che ricominciava da capo, al fervore della ricostruzione e della battaglia delle idee, a Ferruccio Parri e a Benedetto Croce, a Pavese e Vittorini, al cambiamento che appariva ancora radicale, a quel fascinoso miraggio di giustizia e libertà, alle epurazioni da condurre fino in fondo, alle possibilità tutte aperte a tutte le speranze”. E aggiunge con un sorriso: “E per quanto ti riguarda, alla tua età più bella, a quando non eri ancora nato, ed eri solo una meravigliosa possibilità nella mente degli dei”.

1945, l'Italia liberata dal fascismo

Mi convinse, prima che da quel bel sogno mi svegliassi, deluso, nello stesso opaco 2019.



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 17 maggio 2019




Antonio Di Grado

La professione del critico e di chiunque si ostini a interpretare il mondo e a non accettarlo com’è, esige giudizi di valore, promozioni e bocciature, nette prese di posizione. Rigenerare l’Uomo è oggi l'unica praticabile utopia


ULTIMI POST

Carmelo Musumarra o della Catania che si faceva eterna

La città ha dimenticato il professore di letteratura italiana dell'Ateneo catanese. Con lui si chiuse un’epoca: quella di una comunità intellettuale omogenea, di una università animata da operosi galantuomini, di una città culturalmente vivace e attenta alla ricostruzione storica della propria identità

Antifascismo, un paese maturo fa i conti una memoria divisa

Il prossimo Etna Book Festival di Catania avrà come tema l'antifascismo: un pregiudizio da liquidare o una discriminante da mantenere? C'era purezza e ferocia sia tra i fascisti sia tra i partigani, ma come fa dire Calvino al partigiano Kim nel "Sentiero dei nidi di ragno": «Noi, nella storia, siamo dalla parte del riscatto, loro dall’altra». E così la discriminante è tracciata, a futura memoria

L'olocausto privato di Turi Salemi, il poeta vagabondo che sognava la Terra promessa

Saranno in pochi ormai a ricordare a Catania quel­l’an­ge­lo caduto che s’acquattava nei portoni e da quel buio ti ghermiva per parlarti della Torah e dei Soviet, di jazz e di puttane, delle scarpe che non poteva comprare e della Madonna incontrata in via Etnea