Blog

Ci rivediamo nel 1945

Blog Ho parlato col dio Crono che gestisce il tempo, vorrei tornare a 30 anni fa. Non solo per tornare più giovane ma per non vedere lo squallore politico di oggi. Il dio è andato oltre, però. «Torneremo al 1945, all'Italia che ricominciava dopo la guerra, quando non eri neanche nato»

Ho parlato col dio Crono, che gestisce il tempo. “Non si potrebbe tornare indietro?”, gli ho chiesto. “Indietro quanto? E cosa vuoi cancellare?”. “Trent’anni – gli ho risposto – di politica italiana. E poi ci guadagnerei trent’anni di vita”. E lui: “La politica? Sempre rissa e malgoverno, oggi come allora”. “Rissa? – gli dico. – Ma almeno a litigare erano Berlinguer e Craxi, due giganti che oggi manco ce li sogniamo. E quanto al malgoverno, malgovernavano meglio Fanfani, Rumor e perfino Andreotti rispetto a Berlusconi, Renzi, Di Maio, Salvini… Io, poi, ero appena sposato, insegnavo in una università che ancora trasmetteva conoscenza e valori, credevo ancora nel progresso…”.

“Progresso? – m’interrompe Crono, turbato. – Io che domino il tempo, sorrido di questa stupida invenzione di voi umani. Pericle era forse un primitivo rispetto a Trump? E le folle incantate dai tragici greci erano forse ottuse come gli spettatori di Ciao Darwin o di Affari tuoi? E tu preferisci Erri De Luca o Elena Ferrante a Cervantes e a Shakespeare? Preferisci Fedez a Monteverdi?”. “Hai ragione, ma questa è un’altra storia. Torniamo alla mia richiesta”.

Crono medita a lungo, poi: “E va bene, ma ti faccio un favore ancora più grande. Farò tornare il tempo ancora più indietro, alla fine dell’ultima guerra. Non c’erano ancora Berlusconi e Salvini, ma nemmeno le stragi di Stato e le trame occulte di quegli anni che fai male a rimpiangere. Torniamo al 1945, all’Italia che ricominciava da capo, al fervore della ricostruzione e della battaglia delle idee, a Ferruccio Parri e a Benedetto Croce, a Pavese e Vittorini, al cambiamento che appariva ancora radicale, a quel fascinoso miraggio di giustizia e libertà, alle epurazioni da condurre fino in fondo, alle possibilità tutte aperte a tutte le speranze”. E aggiunge con un sorriso: “E per quanto ti riguarda, alla tua età più bella, a quando non eri ancora nato, ed eri solo una meravigliosa possibilità nella mente degli dei”.

1945, l'Italia liberata dal fascismo

1945, l’Italia liberata dal fascismo

Mi convinse, prima che da quel bel sogno mi svegliassi, deluso, nello stesso opaco 2019.

 

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.