Zappalà Danza torna in Capitale, ed è un successo

Danza Dopo dieci anni di assenza dalla scena romana la Compagnia di Roberto Zappalà è tornata nella capitale con Instrument 1 -scoprire l'invisibile, per Equilibrio Festival della Nuova Danza

Sold out e ovazioni per la Compagnia Zappalà Danza all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Dopo dieci anni di assenza dalla scena romana la Compagnia è tornata nella capitale con Instrument 1 -scoprire l’invisibile, proposto lo scorso 17 febbraio nell’ambito di Equilibrio Festival della Nuova Danza, prestigioso festival internazionale sostenuto dalla Fondazione Musica per Roma alla sua dodicesima edizione. Lo spettacolo ha registrato tutto esaurito con un pubblico attento e partecipe che alla fine è esploso in ovazioni.

Instrument 1- ph Serena Nicoletti

Instrument 1- ph Serena Nicoletti

Sette uomini in scena – Adriano Coletta, Alain El Sakhawi, Gaetano Montecasino, Adriano Popolo Rubbio, Roberto Provenzano, Fernando Roldan Ferrer e Antoine Roux-Briffaud – che hanno danzato con vigore sulle note del marranzano suonato dal vivo dal virtuoso Puccio Castrogiovanni. E proprio al marranzano è dedicato lo spettacolo che ha maggiormente rappresentato la Compagnia Zappalà Danza in giro per il mondo. Instrument 1 -scoprire l’invisibile è la prima tappa dal progetto Instruments con cui il coreografo Roberto Zappalà ha voluto scoprire l’uso di alcuni strumenti musicali inusuali e in genere difficilmente utilizzati in forma solistica, al fine di renderli protagonisti in scena.

Instrument 1 - ph Domenick Giliberto

Instrument 1 – ph Domenick Giliberto

Il 26 febbraio Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza sarà nuovamente all’Auditorium Parco della Musica di Roma, per partecipare ad un incontro dedicato alla realtà dei Centri di Produzione organizzato dalla Fondazione Musica per R

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.