La Compagnia Zappalà danza di Catania riceve il titolo di Centro di produzione dal Ministero

La Compagnia Zappalà Danza con Scenario Pubblico si conferma una delle più importanti realtà di produzione coreografica in Italia, riconosciuta dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali con il massimo titolo concesso a chi di occupa di produzione della danza. È ufficiale che il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali ha conferito un prestigioso riconoscimento alla struttura catanese diretta dal coreografo Roberto Zappalà, attribuendole il titolo di Centro di Produzione della Danza. Non solo si tratta del massimo riconoscimento nel settore di produzione danza, tale attestazione è ancora più significativa in quanto attribuita solo a tre strutture in tutta Italia: la compagnia siciliana e le due importanti realtà di Aterballetto/ Fondazione Nazionale della Danza (Reggio Emilia) e Compagnia Virgilio Sieni/ Cango Cantieri Goldonetta (Firenze). Uno straordinario risultato che pone dunque la Sicilia accanto all’Emilia Romagna e alla Toscana, storicamente considerate Regioni d’eccellenza.

La novità introdotta dai nuovi decreti per la gestione del Fus (Fondo unico per lo spettacolo) mira a finanziare l’attività integrata di organismi di produzione all’interno di strutture che si occupano anche di programmazione e di ospitalità. Il nuovo status di Centro di Produzione va dunque a sancire formalmente quella che è stata negli ultimi anni la visione di Roberto Zappalà attuata attraverso la direzione della Compagnia Zappalà danza, che quest’anno celebra i suoi 25 anni di attività ricca di successi nazionali ed internazionali, e Scenario Pubblico che, fondato nel 2002, ne costituisce la residenza, nonché fondamentale complemento attraverso le sue azioni volte alla divulgazione dei linguaggi della danza contemporanea, ad una programmazione di qualità, alla formazione del pubblico nonché all’alto perfezionamento dei giovani danzatori.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.