giovedì 23 maggio 2019

giovedì 23 maggio 2019

MENU

Siracusa, i critici premiano Eleonora De Luca, la più brava del teatro greco

Teatro

La sedicesima edizione del premio "Stampa Teatro", ideato da Assostampa Siracusa, è andato alla giovane attrice palermitana, una applaudita Ismene nell'Edipo a Colono di Sofocle firmato da Yannis Kokkos. Menzione speciale a Roy Paci, corifeo ne "I Cavalieri" di Aristofane firmato da Giampiero Solari


di Redazione SicilyMag

È andato a Eleonora De Luca, attrice palermitana, diplomata all’Accademia D’Arte del Dramma Antico “Giusto Monaco”, quest’anno Ismene nell’Edipo a Colono andato in scena con la regia di Yannis Kokkos, il Premio “Stampa Teatro” giunto alla sua sedicesima edizione. Il premio, organizzato dalla sezione siracusana dell’Assostampa, viene assegnato dai critici teatrali delle maggiori testate nazionali e regionali accreditati al Teatro Greco. Ad aprire la busta con il nome della vincitrice e a consegnare i premi, il neo sindaco Francesco Italia, alla sua prima uscita da presidente dell’Inda, ed il segretario provinciale dell’Assostampa Prospero Dente.

Eleonora De Luca riceve il premio

«Ringrazio chi mi ha sostenuta e portata in questo luogo che io amo profondamente – ha detto Eleonora De Luca, emozionata e soddisfatta per il premio ricevuto –. Per me il Teatro Greco è un’altra casa. Ringrazio tutti i miei compagni di scena. Dagli attori con tanti anni di esperienza che mi hanno insegnato molto, ai ragazzi della scuola che tanto hanno fatto dimostrando la loro iper professionalità. Riconosco il loro valore perché mi sono formata qui, come ognuno di loro. Per me è stato come spiccare il volo. Sono felicissima». Ad Eleonora De Luca, insieme alla targa, anche una creazione di Seashell Lab di Giada Avallone. Una collana che mette insieme la moneta di Aretusa ed i colori del mare siciliano.

Sul palcoscenico, insieme all’intera compagnia, la menzione speciale che, dallo scorso anno, l’Assostampa riserva agli artisti siciliani. A Ficarra e Picone, nell’albo d’oro, succede Roy Paci, mirabolante cantore dell’isola e corifeo nella commedia "I Cavalieri" di Aristofane. «Felicissimo e stupefatto per questo premio – ha detto il musicista nato ad Augusta –. Ringrazio tutta la compagnia perché ho avuto il privilegio di lavorare con attori eccezionali che mi hanno fatto crescere giorno dopo giorno. Un ringraziamento ai giovani Cavalieri, gli allievi dell’Inda, che hanno fatto un lavoro pazzesco. Questo premio ha, per me, una dedica particolare. Penso a chi mi ha messo sulla strada della musica, il primo, unico, grande maestro della banda di Augusta, Giuseppe Passanisi».

La menzione speciale a Roy Paci consegnata dal sindaco di Siracusa Francesco Italia



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 07 luglio 2018
Aggiornato il 10 luglio 2018 alle 21:05





TI POTREBBE INTERESSARE

Col Biondo delle culture di Pamela Villoresi, l'umanità in movimento va in scena a Palermo

Presentata la stagione 2019-2020, intitolata "Traghetti", che inaugura la direzione dell'attrice e regista toscana del teatro pubblico palermitano: «Le culture come veicoli, strumenti, motori, ponti: traghetti. Noi partiamo da Palermo, noi approdiamo a Palermo». Si comincia il 25 ottobre con "Esodo", adattamento dell'Edipo re di Sofocle di Emma Dante

Alfio Scuderi: «Le mie Orestiadi sono un'idea per Gibellina»

La 38ª edizione del Festival Internazionale firmata per il secondo anno consecutivo da Alfio Scuderi, non sarà una semplice rassegna estiva ma un viaggio attraverso la parola, gli autori, le storie, con particolare attenzione al teatro narrativo. Si parte il 5 luglio con un lungo week end di racconti scandito da Luigi Lo Cascio, Roy Paci e Ninni Bruschetta

«Che il Dioniso della rinascita danzi al Teatro Stabile di Catania»

Questo è l'augurio per il futuro della direttrice Laura Sicignano nel presentare "Meravigliosi inganni", la stagione 2019-2020 dell'ente teatrale catanese, 13 titoli in abbonamento, di cui 5 prodotti, e 7 fuori abbonamento: «Questa stagione sarà complessa come il nostro tempo. Ricca di ossimori: tradizionale sì, ma vitale e poetica»

Davide Livermore, il lapalissiano: «Elena e il suo simulacro, che dramma giocoso»

Il regista torinese a Catania, ospite dell'Università, per presentare la sua "Elena" di Euripide, protagonista Laura Marinoni, che dal 9 maggio apre la 55esima stagione dell'Inda al Teatro Greco di Siracusa: «Il teatro è palestra di verità e semplicità. Euripide sperimentava, "Elena" è un meraviglioso ibrido di tragedia e commedia, ci trovi gli archetipi di Opera buffa e Opera lirica»

L'Inda senza confini di Antonio Calbi: «Farò di Siracusa il palcoscenico del Mediterraneo»

La sfida del sovrintendente dell'Istituto nazionale del dramma antico è iniettare energie nuove per rafforzare l'identità della principale realtà culturale della città siciliana: «Immagino un’Inda pluridisciplinare con al centro la tradizione, aperta alle collaborazioni dal mondo. Siracusa sarà un punto di riferimento internazionale del teatro antico al tempo del presente»

Pamela Villoresi è il nuovo direttore del Teatro Biondo di Palermo

La 62enne attrice e regista toscana è stata nominata come successore di Roberto Alajmo dal cda del teatro presieduto da Giovanni Puglisi