domenica 27 maggio 2018

domenica 27 maggio 2018

MENU

Serve un video sincero? A Palermo ci pensa Marìa

Imprese

Alessandro Albanese, Carlo Loforti e Andrea Cammareri hanno creato l'agenzia creativa e casa di produzione specializzata in video chiamandola col nome... della zia: «Perché la zia? Perché ha gli stessi super-poteri di una mamma: è amorevole, sa di casa, ma è meno coinvolta, più lucida, e quindi più sincera rispetto a una mamma. E noi come le zie coccoliamo ma siamo sinceri»


di Redazione SicilyMag

Nasce a Palermo “Marìa”, agenzia creativa e casa di produzione specializzata nella creazione di contenuti video. Dopo essersi conosciuti in Mosaicoon - società premiata nel 2016 come Miglior Impresa Innovativa in Europa - dove hanno lavorato come coppia creativa per quattro anni, a lanciarsi in questa avventura sono Alessandro Albanese e Carlo Loforti. In seguito all’esperienza con brand come Microsoft, Samsung, Vileda, Lufthansa e Abarth, i due hanno deciso di sganciarsi dalla celebre start-up siciliana e lasciare il posto fisso per ricominciare da zero, fondando un’azienda a trazione puramente creativa. A loro si è aggiunto Andrea Cammareri, l’anima razionale dell’azienda.

Marìa, videcompany per tutte le generazioni

Perché il nome Marìa? «Non ha nulla a che fare con la marijuana o la vergine - precisano i fondatori -. Volevamo un nome dal carattere latino, e quello delle nostre zie ci sembrava il più opportuno, anche se pieno di concorrenza sui motori di ricerca» scherzano. «Perché la zia? Perché ha gli stessi super-poteri di una mamma: è amorevole, disponibile, sa di casa, ma è meno coinvolta, più lucida, e quindi più sincera rispetto a una mamma. Ed è così che vogliamo che ci veda chi lavora con Marìa: capaci di coccolarti sì, ma anche di essere sinceri».

Nonostante Marìa abbia ancora pochi mesi di vita, ha all’attivo già un po’ di lavori. Dai videoclip musicali dei due artisti palermitani Nicolò Carnesi e Alessio Bondì prodotti per Malintenti Dischi, ad alcuni video social per Studio Festi e altri. in cantiere diversi altri progetti, per brand siciliani come Tasca D’Almerita, ma non solo. La volontà dei tre fondatori è di guardare oltre i confini dell’isola. In arrivo ci sono nuovi video anche per brand di carattere nazionale e internazionale e altri progetti di entertainment puro, per il cinema e la tv.

Carlo Loforti, classe ’87. Ha scritto Suicidi d’onore (2013) e Malùra (2017, Baldini&Castoldi). Con Appalermo, Appalermo, suo primo romanzo pubblicato da Baldini & Castoldi, è stato tra i finalisti della XXVIII edizione del Premio Italo Calvino. Ha lavorato come autore per il web e il cinema (Fuori dal coro, 2015). Dal 2014 al 2017 lavora come copywriter e direttore creativo per Mosaicoon. Nel 2017 fonda la Video Company Marìa.

Alessandro Albanese, classe '85. Si forma accademicamente e professionalmente tra Palermo e Valencia. Tra il 2006 e il 2009 porta avanti i progetti Weartdifferent e Mobbers Palermo, importando per la prima volta in Italia il flash mob. Dal 2010 al 2013 lavora come Art Director per IMMEDIA e Dal 2013 al 2017 come direttore creativo per Mosaicoon. Nel 2017 fonda la Video Company Marìa.

Andrea Cammareri, classe ’79, è dottore commercialista, revisore legale dei conti e senior manager presso Deloitte&Touche. È il CEO di numerose società che operano in campo nazionale e internazionale, è stato consulente per Regione Sicilia e numerosi Enti Pubblici. È autore di testi specialistici sul M&A. Nel 2017 fonda la Video Company Marìa.



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 09 febbraio 2018
Aggiornato il 15 febbraio 2018 alle 18:39





TI POTREBBE INTERESSARE

Marilia Di Giovanni: «I libri sono come i profumi: una passione!»

Il nonno Rosario Mascali, quando creò a Siracusa la Casa del Libro, soleva dire: “Se avessi il tempo vorrei leggerli tutti”. La nipote Marilia, oggi erede di questo scrigno di cultura nel cuore di Ortigia, aggiunge: «E se non appassionano, i libri vanno buttati via». Tra i giganti della scrittura, Pasolini e Sciascia sono passati da qui: oggi la libreria vanta incontri e circoli letterari con il meglio degli autori contemporanei

Zafon, la scommessa profumata di due "architetti di città"

Livia Realmuto e Daniele Di Marzo sono una coppia di architetti che ha avviato in un "campo pilota" di Baucina, paesino alle porte di Palermo, la coltivazione del prezioso zafferano, il delicatissimo fiore viola scomparso da queste terre in cui veniva coltivato già nei primi dell'800. Ma il progetto dei due giovani pionieri dell'oro rosso siciliano è più ampio...

Acqua e zammù: patrimonio culturale e rito d'appartenenza

Goduria per l'olfatto e il palato, toccasana nelle giornate più calde. E' il celebre Anice Unico (zammu') che dal 1813 viene prodotto dalla famiglia Tutone, secondo una ricetta mantenuta segreta da sei generazioni, nel cuore del centro storico di Palermo. Un pezzo di storia della città oggi custodita anche dentro un museo

Zappalà e l'orgoglio di Sicilia, non solo un claim

L'azienda lattiero-casearia a capitale interamente siciliano, lancia uno spot che racconta la forza dell’azienda a partire dalla solidità della famiglia. «Ci abbiamo “messo la faccia” - spiega Rossano Zappalà -. Non abbiamo recitato nessuna parte, perché noi siamo fatti così. La coesione è il nostro vantaggio competitivo»

Grani antichi, la saga continua. La Regione siciliana: «Non daremo neanche un centesimo»

Non è bastato il gesto distensivo di Terre e Tradizioni srl che ha offerto i marchi dei grani antichi siciliani al prezzo simbolico di 1 centesimno alla Stazione consorziale sperimentale di Granicoltura di Caltagirone. Fermo il no dell'assessore all'Agricoltura Antonello Cracolici: «Chiederemo al Ministero che vengano revocate le registrazioni dei marchi»

«Cediamo i marchi dei grani antichi alla Stazione sperimentale di Granicoltura»

Felice Lasalvia Di Clemente, amministratore unico di Terre e Tradizioni srl, l'azienda di Verona in questi giorni alla ribalta delle cronache per aver registrato come marchi i nomi di alcuni grani antichi, oggi ha spedito una lettera (qui pubblicata) alla Stazione sperimentale di Caltagirone in cui offrono, al prezzo simbolico di un centesimo, la proprietà dei brevetti