mercoledì 16 gennaio 2019

mercoledì 16 gennaio 2019

MENU

Sabbie mobili, Catania come universo esistenziale

Recensioni

La vita travagliata dell'attrice Daniela Rocca e la memoria dei sogni coltivati nella propria città prima che il successo del cinema la portasse alla rovina, al centro della pièce tratta dal testo di Domenico Trischitta, con Guia Jelo nei panni della Rocca, in scena al Musco di Catania per la stagione dello Stabile


di Lorenzo Perrona

Che una prima teatrale sia vissuta come un evento di rilevanza cittadina è un buon segno, essendo da sempre il teatro un’esperienza collettiva che racconta l’identità di gruppo e i valori condivisi. E il pubblico catanese Daniela Rocca la ricorda. Ed apprezza che Sabbie mobili di Domenico Trischitta, produzione del Teatro Stabile di Catania in scena in questi giorni al teatro Musco, racconti le ragioni profonde di questa storia, triste e disturbante, la tolga dalla laconicità del ricordo e dalla cronaca del passato. Ma il testo di Domenico Trischitta è anche tanto di più, perché lo scrittore ha trovato in Daniela Rocca, e in Guia Jelo (l’attrice che aveva in mente scrivendo la piéce) una figura e un’interprete congeniali ai suoi temi più cari: Catania come universo esistenziale, e il successo come fragile destino che crolla una volta raggiunto l’apice – e i due temi sono intimamente legati nella figura della Rocca.

Guia Jelo è Daniela Rocca in Sabbie mobili

La regia di Massimiliano Perrotta coglie in pieno le intenzioni del testo ed offre uno spettacolo elegante e stringato, che gioca con scene di taglio cinematografico, sovrapposizioni temporali, slittamenti onirici(per cui sono fondamentali le luci di Franco Buzzanca).

Momenti di intensa poesia scenica sono gli sdoppiamenti del personaggio protagonista, la giovane, fresca e vitale (Roberta Andronico), interagito contemporaneamente dalla straordinaria presenza scenica di Guia Jelo che costruisce il personaggio maturo, sconfitto e ossessionato al tempo della malattia e del crollo, quasi un Re Lear femminile. Perché la messa a fuoco del femminile è un altro aspetto importante di Sabbie mobili. La ragazza catanese, la “maggiorata” che va a Roma a fare il cinema e viene stritolata dalla macchina che produce sogni di successo. La catanese condannata ad imbruttirsi e rappresentare il grottesco che voleva Germi. Ora possiamo dire (suggerisce Trischitta) che l’amore di Germi per Daniela fu distruttivo. Un Germi antagonista maschile (interpretato da un vigoroso Fulvio D’Angelo) che,distruggendo, si auto-distrugge.

Da sottolineare anche il personaggio dell’amica di Daniela (da giovane Lorenza Denaro) che non la abbandona nella sventura (Raniela Ragonese), e istituisce un significativo parallelo: la malattia di Daniela Rocca è la malattia di una città ferita al cuore, Catania. Nella grande scena finale, Guia Jelo interpreta magistralmente la protagonista ormai sola, chiusa nella sua stanza, inventando, attraverso la follia del personaggio, una potente metafora teatrale, l’attrice che offre, quasi in sacrificio, il proprio corpo al pubblico.

Completano lo spettacolo la scenografia di Giovanna Giorgianni, i costumi di Rosy Bellomia, le musiche di Matteo Musumeci.

Lo spettacolo era programmato al Musco di Catania fino al 21 aprile ma è stato sospeso dopo la seconda replica a causa dello sciopero dei dipendenti del Teatro Stabile di Catania.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 16 aprile 2016
Aggiornato il 20 aprile 2016 alle 18:14





TI POTREBBE INTERESSARE

Nel gioco tra bene e male vince il diabolico Riondino

Ben riuscita la messinscena di Andrea Baracco, su riduzione di Letizia Russo, de "Il Maestro e Margherita" il capolavoro di Mikail Bulgakov, andata in scena di recente allo Stabile di Catania. Ironico e affascinante nei panni del satanico Woland, l'attore pugliese si è abbandonato a una recitazione ricca di ghigni e di risatine sibilanti, ma mai sopra le righe

Soli si muore/Lotus Flower, energia ed eleganza danzano all'unisono

Lunghi e meritati applausi per la coreografa catanese Alessandra Scalambrino che firma lo spettacolo di danza andato in scena al Centro Zo di Catania. Due momenti conseguenziali che affrontano la solitudine: lo strazio della consapevolezza e la forza inspiegabile che ne scaturisce. In scena nove eccellenti e grintosi performer che sono stati corpo, materia ed energia

Spazio/Gesto/Colore/Parola /Suono, i cinque elementi della classica

Al Museo diocesano di Catania, l'ultimo appuntamento di "Chant d'automne", concerto organizzati dalla Camerata Polifonica Siciliana, al top dell’anticonvenzionale, tra righe più o meno ardite di sperimentazione multimediale, con forte impronta di autori siciliani, su tratti poetici di sottofondo, dal repertorio letterario del Cinquecento a oggi

Il Cigno catanese faro e luce dei 50 anni del premio Bellini d'oro

E’ stata una serata davvero piacevole, ospiti il soprano Desirée Rancatore e il baritono Renato Bruson, la premiazione del Bellini d’oro, organizzata dalla Società Catanese Amici della Musica in collaborazione con il Teatro Massimo Bellini, e quest’anno giunta a un compleanno importante, il suo glorioso cinquantesimo

"Pensaci, Giacomino", la tragedia di vivere negli occhi degli altri

Soddisfacente Pirandello allo Stabile di Catania con un ennesimo “Pensaci, Giacomino” (ultime repliche il 10 e l'11 novembre) affidato a Leo Gullotta, più in forma che mai nella sua dolente interpretazione di un personaggio complesso, assurdo e straziante come tutti i più riusciti personaggi pirandelliani

"La cena", quando il pubblico è testimone di un gioco psicologico

Replica fino al 18 novembre al Piccolo Teatro della città di Catania la tragicommedia familiare, vecchio cavallo di battaglia della coppia Giuseppe Manfridi e Walter Manfrè, che vede in scena Andrea Tidona, Chiara Condrò, Stefano Skalkotos e Cristiano Marzio Penna