Rinvenuto l’aereo Savoia Marchetti nel mare di Sciacca

Video La Soprintendenza del Mare ha presentato a Sciacca il relitto dell'aereo Savoia Marchetti abbattuto durante la II Guerra Mondiale

Il mare di Sciacca riserva sempre grandi sorprese soprattutto da un punto di vista storiografico. E sicuramente uno di queste è lo straordinario rinvenimento del relitto dell’aereo Savoia Marchetti della II Guerra Mondiale, abbattuto dai Caccia inglesi il 14 agosto del 1942.
Il ritrovamento è stato effettuato dal team Rebreather Sicilia con il progetto “Ombre dal fondo” da anni impegnato nella ricerca di relitti, in collaborazione alla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana, seguendo i racconti dello storico Nicola Virgilio e alcune informazioni ricevute dai pescatori del luogo. Il team, in collaborazione con la Lega Navale di Sciacca, ha organizzato diverse immersioni per la ricerca e la documentazione del relitto. Dopo tante ricerche, a 38 metri di profondità, grazie alla documentazione fotografica realizzata da Santo Tirnetta il team è riuscito a scoprire l’aereo, un Savoia Marchetti e l’equipaggio che era a bordo nel momento dell’ammaraggio in mare.
Il team che ha effettuato l’immersione ha visto la partecipazione di Riccardo Cingillo, organizzatore del progetto Ombre dal fondo e documentarista, Santo Tirnetta fotografo del team e campione italiano di fotografia subacquea, Massimiliano Piccolo assistente e addetto alla sicurezza delle immersioni, tutti subacquei esperti in immersioni ad alto fondale. Hanno provveduto all’assistenza in superficie, il personale della Lega navale italiana di Sciacca.
«L’aereo della seconda guerra mondiale è adagiato su un fondale limoso con poca visibilità a circa nove miglia da Sciacca – racconta Cingillo – con la parte anteriore in direzione verso terra. La parte superiore risulta fortemente danneggiata probabilmente da diverse reti da strascico. Entrando all’interno in mezzo a grovigli di cavi e lenze si intravedono alcuni strumenti e una bombola di ossigeno utilizzata dai piloti. L’ispezione visiva ha rilevato che non sono presenti resti umani e residui bellici».

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.