mercoledì 24 aprile 2019

mercoledì 24 aprile 2019

MENU

Nicolò Cafaro, talento foriero di innovative impronte armoniche

Recensioni

Applaudito al Katane Hotel di Catania, il 18enne pianista catanese, esibitosi per la stagione della Società Catanese Amici della Musica. Capacità interpretative nettamente superiori alla sua età e un’ammirevole solidità tecnica si sono unite a una cura costante del bel suono


di Anna Greco

E’ stato lungamente applaudito al Katane Palace Hotel di Catania, nella sala meeting, il giovane pianista catanese Nicolò Cafaro, esibitosi lo scorso 20 gennaio per la stagione 2018-2019 della Società Catanese Amici della Musica, curata dalla direzione artistica di Anna Rita Fontana, a fianco della presidenza di Tony Maugeri. Il concerto, nell’ampio calendario in corso, tra manifestazioni pianistiche, ensemble da camera e incontri di musicologia, è stato organizzato in collaborazione col Kiwanis Club Catania Centro, presidente Giovanbattista Vecchio.

Nicolò Cafaro suona per la Scam, foto di Goffredo Greco

Protagonista della performance di successo il talentuoso diciottenne allievo del Maestro Graziella Concas, già piazzatosi vincitore assoluto in varie competizioni sia in Italia che all’estero. Cafaro ha carpito da subito l’attenzione della folta platea rivelando capacità interpretative nettamente superiori alla sua età e un’ammirevole solidità tecnica, unita a una cura costante del bel suono, come si è potuto evincere da un programma accattivante già dall’incipit: la Sonata n. 26 op. 81a di Ludwig van Beethoven, ben giostrata nei suoi cambiamenti d’atmosfera, tra esuberanza e slanci emotivi in contraltare ad ampie distensioni intimistiche.

Giovambattista Vecchio del Kiwanis Catania Centro premia Cafaro, foto di Goffredo Greco

Il pianista ne ha reso il contesto dialettico con spiccata e nitida agilità, cifra costante dell’intera esibizione, in un’opera certamente foriera di impronte armoniche innovative; quest’ultimo aspetto connotava poi l’avveniristico taglio novecentesco della “Sonatina seconda” di Ferruccio Busoni, tra fugaci e virtuosistiche dissolvenze tematiche affrontate con tocco adeguato dal versatile pianista. Seguivano, nella seconda parte, due Preludi di Claude Debussy, tratti rispettivamente dal primo e dal secondo libro del compositore impressionista, ovvero Les collines d’Anacapri e Feux d’artifice, che hanno creato atmosfere timbriche gradevolissime, punteggiate nel secondo brano da sprazzi accordali d’effetto in rarefazione sonora. Chiudeva la performance un’ampio versante romantico sul repertorio di Fryderyk Chopin, che impegnava il bravissimo Nicolò, particolarmente ispirato, con la ”Sonata in si bemolle minore op. 35 n. 2”, nota per la Marcia funebre al terzo tempo, della quale il giovane profondeva la raccolta e suggestiva malinconia fra delicate nuances pianistiche. L’opera, quale unica Sonata priva di dedica, è stata composta dal musicista dal 1837 al 1839, in un periodo di precarie condizioni di salute, che si andavano aggravando, durante il sofferto soggiorno a Maiorca, alla Certosa di Valldemosa, con la scrittrice George Sand.

Applausi finali per Nicolò Cafaro, foto di Goffredo Greco

Entusiastico a fine serata l’assenso del pubblico, che ha tributato vivissimi e reiterati applausi al musicista, ottenendone due sfolgoranti bis, ancora di Chopin: il valzer op. 64 n. 1 e lo studio n. 12 detto “La rivoluzione di Varsavia”.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 22 gennaio 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

In "Nove" Egle Doria interpreta se stessa per una denuncia sociale

E' andato in scena al Teatro del Canovaccio di Catania l'intellligente spettacolo diretto da Nicola Alberto Orofino in cui l'attrice catanese, che con grande disinvoltura ha attraversato tutti i registri, ha denunciato la necessità di lottare per i diritti Lgbt

Gioia e dolore, matrimonio perfetto in West Side Story

La Camerata Polifonica Siciliana ha vinto la difficile sfida di mettere in scena al Sangiorgi di Catania la versione cameristica per due voci, due pianoforti e percussioni del più celebre musical di tutti i tempi

Ruben Micieli, il talento ibleo che ama l'Europa romantica

Wagner, Liszt, Chopin, Prokofiev, Cajkovskij per l'applaudito concerto del pianista ibleo per "Florilegi sonori", la stagione della Societa Catanese Amici della Musica

Il Gabbiano, un miracolo di semplicità e grazia

Allo Stabile di Catania la messa in scena diretta da Marco Sciaccaluga ha puntato sulla valorizzazione degli splendidi dialoghi

Il Sangiorgi si accende con la notte dello swing

Spumeggiante concerto a Catania dell'HJO Jazz Orchestra, ospite alla voce Rosalba Bentivoglio. Diretta da Sebastiano Benvenuto Ramaci, l'orchestra ha suonato nell'ambito della rassegna "Un palcoscenico per la città". La manifestazione è stata promossa da “Non solo classica” sotto la direzione artistica del Maestro Giovanni Cultrera, in coproduzione col Teatro Massimo Vincenzo Bellini

Sull'onda emotiva dei Carmina Burana l'arte salva l'arte

Nella Basilica di San Sebastiano di Acireale, gremita all'inverosimile, il M° Giovanni Ferrauto ha diretto lo scorso 9 marzo un concerto magico