Mons. Franco Montenegro, vescovo di Agrigento, sarà cardinale

Mons. Francesco Montenegro

Mons. Francesco Montenegro

Papa Francesco ha annunciato all’Angelus che creerà 15 nuovi cardinali, da 14 nazioni del mondo e cinque cardinali non elettori. Tra i cardinali elettori ci sarà Mons. Franco Montenegro, arcivescovo di Agrigento. Messinese nato nel ‘46, è uno degli animatori della accoglienza alle migliaia di immigrati che dal mare sbarcano in Sicilia cercando una nuova possibilità di vita. Era presente a fianco di papa Francesco nel primo viaggio del pontificato, nel luglio 2013 a Lampedusa, con il quale il Papa indicò alla Chiesa italiana e alla Chiesa di tutto il mondo, il suo sogno di una Chiesa dalle porte aperte, presente e accogliente in tutte le periferie del mondo. E proprio a Lampedusa tutti, a cominciare dal sindaco Giusi Nicolini, lo chiamano “don Franco”.
Mons. Montenegro è prete dal 1969, subito parroco in periferia. Dal 1988 è stato anche delegato della Caritas di Messina e delegato regionale e nazionale della Caritas. Intanto insegnava religione e faceva il padre spirituale del seminario minore di Messina. Vescovo dal 2000, è stato ausiliare di Messina e nel 2008 Benedetto XVI lo ha nominato vescovo metropolita di Agrigento. Dal 2003 al 2008 è stato presidente della Caritas italiana. Nella Cei, dal 2013 è presidente della Commissione per le migrazioni, e della Fondazione Migrantes.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.