Moni Ovadia cittadino onorario di Palermo

Moni Ovadia

Moni Ovadia

Il poliedrico attore, regista, autore e musicista Moni Ovadia, l’ebreo errante del Teatro italiano che ama definirsi “outsider”, da quest’anno direttore artistico del Teatro Regina Margherita di Caltanissetta, sembra stia mettendo radici in Sicilia. Ne è prova l’ultimo riconoscimento che gli sarà conferito domenica 8 aprile dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando: la cittadinanza onoraria. Tra le motivazioni “la sua straordinaria capacità e sensibilità artistica, collegata al tema del rispetto della persona umana e contro ogni dittatura e mortificazione di libertà” ma anche “la sua capacità di coniugare l’anima mitteleuropea e mediorientale, testimoniando una identità interculturale, che egli indica come propria del futuro a partire dal Mediterraneo”.

Venerdì 8 aprile, alle ore 10.15 presso l’Aula Consiliare di Palazzo delle Aquile, il sindaco Leoluca Orlando conferirà la cittadinanza onoraria di Palermo al Maestro Moni Ovadia. La cerimonia verrà effettuata nell’ambito della firma del Memorandum d’intesa tra Anci Sicilia e Associazioni dei comuni bulgari del Danubio per creare forme di collaborazione in ambito economico e commerciale, offrire nuove opportunità di scambio ai comuni e alle imprese locali, promuovere un confronto su progetti di interesse generale attraverso la condivisione di informazioni e di risorse umane, organizzare incontri bilaterali e percorsi formativi, costituire partenariati per partecipare ai bandi comunitari per la programmazione 2014-2020. Saranno presenti oltre al sindaco di Palermo e presidente di Anci Sicilia, Leoluca Orlando e all’ambasciatore in Italia delle Repubblica di Bulgaria, Marin Raykov, anche Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale di Anci Sicilia insieme ai vice presidenti Salvatore Lo Biundo e Paolo Amenta, e Giovanni Ruvolo, Matteo Rizzo, Nicolò Catania, Antonio Rini, sindaci rispettivamente di Caltanissetta, San Vito Lo Capo, Partanna e Ventimiglia di Sicilia,

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.