L’indipendenza della Tunisia celebrata a Palermo

Domenica 20 marzo, in occasione del 60esimo anniversario dell’Indipendenza della Tunisia, il Consolato della Repubblica Tunisina a Palermo ha organizzato un ricevimento al ristorante Sidi Bou Said. Tra gli ospiti che hanno preso parte al ricevimento ci sono stati il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il sindaco di Mazara del Vallo Nicolò Cristaldi, il Magnifico Rettore Fabrizio Micari, il vice presidente del Confindustria Sicilia Nino Salerno, gli assessori Giusto Catania, Andrea Cusumano e Agnese Ciulla, il presidente della Consulta Adham Darawsha, le alte cariche delle forze dell’ordine e vari rappresentanti del del corpo diplomatico e consolare. «Il ricevimento è stata un’occasione – ha dichiarato il Console Farhat Ben Souissi – per premiare “Gli amici della Tunisia” cioè le autorità ed i rappresentanti di vari settori con cui collaboriamo senza dimenticare i palermitani nativi della Tunisia». Nella stessa occasione è stato dato un riconoscimento agli imprenditori e alle eccellenze di origine tunisina che grazie al lavoro che svolgono ogni giorno rafforzano l’amicizia e la fratellanza che lega la Tunisia e Palermo.

Tra i premiati il sindaco di Palermo Orlando, il sindaco di Mazara del Vallo Cristaldi, Il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, Il Rettore Fabrizio Micari, Giovanni Tumbiolo del Distretto Pesca, Nino Salerno di Confindustria, Daniela De Luca della Cisl, Giovanni Di Stefano direttore del Museo di Camerina, e il preside della scuola media Paolo Borsellino di Mazara del vallo Filomena Bianco, i titolari dei ristoranti Sidi Bou Said, Al Manar, La Barca e Sultan di Palermo, Dar El Medina di Trapani ed i due professori universitari Hassan Slama e Addelkarim Hannachi.

Bandiera tunisina

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.