lunedì 19 febbraio 2018

lunedì 19 febbraio 2018

MENU

Lo chef Enzo Oliveri giudice alle “Olimpiadi dei Giovani Chef 2018”

Tutto fa panza

Lo chef palermitano che vive e lavora a Londra da vent'anni è volato in India per la gara che coinvolge più di 50 Paesi e le migliori scuole di cucina del mondo


di Redazione SicilyMag

Lo chef italiano a Londra Enzo Oliveri, considerato un grande esperto di cucina sia nel Regno Unito che in Italia, è stato nominato giudice alle “Olimpiadi dei Giovani Chef” (“Young Chef Olympiad 2018”) in India.
Enzo Oliveri è uno chef palermitano che vive e lavora a Londra da vent’anni. Si occupa soprattutto di formazione. E’ lo chef ufficiale della Nazionale italiana di Ciclismo e il mese scorso era presente a Bergen, in Norvegia, per il Mondiale su strada. Oliveri è “patron chef” al Bromley College of Hospitality e insegna saltuariamente alla West London University. E’ noto per i suoi programmi di cucina in TV: ha lavorato nel Regno Unito con Michael Roux e in Sicilia con Aldo Zilli, Gordon Ramsay e Paul Hollywood.

Enzo Oliveri e Luigi Amaduzzi durante la scorsa edizione delle Olimpiadi

L’iniziativa, partita il 28 gennaio, si svolge fino al prossimo 2 febbraio nelle città indiane di Nuova Delhi, Bangalore, Pune e Calcutta. La gara, che coinvolge più di 50 Paesi e le migliori scuole di cucina del mondo, è organizzata dall’Istituto Internazionale di Gestione Alberghiera (International Institute of Hotel Management) in partnership con l’International Hospitality Council.
La delegazione per il Regno Unito della FIC (Federazione Italiana Cuochi), della quale Enzo Oliveri è il presidente, ha selezionato l’Istituto Alberghiero “I.S.I.S. Bonaldo Stringher” di Udine per competere alle Olimpiadi: lo studente Luca Rinaldi, 17 anni, partecipa insieme al proprio insegnante e mentore Gianni Nocent. L’anno scorso Enzo Oliveri ha preso parte alla gara in qualità di mentore del giovane chef Luigi Amaduzzi.
«Le nuove generazioni - dice Enzo Oliveri - devono approfondire la conoscenza del cibo di qualità. Il tema della nutrizione è di fondamentale importanza per vincere le sfide a livello internazionale: il nostro intento è dimostrare che adottare la Dieta Mediterranea è il modo migliore per garantire piena salute. Le Olimpiadi sono una preziosa opportunità per i giovani chef di imparare, sviluppare contatti nel settore e condividere le proprie conoscenze e le proprie capacità, specie in una prospettiva globale. Non vedo l’ora di ripetere l’esperienza».

Tra gli altri giudici delle Olimpiadi, anche il famoso chef Sanjeev Kapoor e il professore britannico David Foskett, esperto di formazione e scrittore.
La partecipazione dello chef Oliveri è supportata dal proprio ristorante londinese “TastingSicily Enzo’s Kitchen”, dalla compagnia di bandiera Alitalia e dalla Federazione Italiana Cuochi che ha seguito la scuola alberghiera selezionata durante le fasi di preparazione alle Olimpiadi. Oliveri, che promuove un progetto dedicato alla “Medicina Culinaria” sul mangiar sano, è anche lo chef ufficiale della Nazionale di Ciclismo che, recentemente, ha vinto 7 medaglie ai Mondiali di Bergen.

Tasting Sicily Enzo's Kitchen è un ristorante specializzato in autentica Cucina Siciliana a cura dello chef è Enzo Oliveri, presidente della delegazione UK della Federazione Italiana Chef. Fa parte dell'azienda Tasting Sicily che offre specialità culinarie tipiche preparate e confezionate a mano, per privati ed aziende. Tra i servizi del ristorante ci sono l'aperitivo, menu a pranzo ed a buffet, disponibili anche per incontri di lavoro e in locations private. La mission del ristorante è quella di diffondere e condividere la cultura siciliana del cibo, attraverso lezioni di cucina e show-cookings, catering esterni e itinerari gastronomici in Sicilia. La cucina tradizionale si inspira alle ricette descritte da Andrea Camilleri nei suoi romanzi e negli adattamenti per la TV: arancini, pasta con le sarde e cannoli. Tasting Sicily Enzo’s Kitchen supporta Slow Food: nel 2015 ha introdotto nel Regno Unito i prodotti Slow Food Sicilia, nel corso di una conferenza all'Istituto Italiano di Cultura durante la quale SlowFood Anglia ha firmato un protocollo d'intesa.



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 29 gennaio 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Nella tavola delle feste c'è il mini Panettone da servire salato

Il formato "mini" della Di Stefano Dolciaria è utilizzato dallo chef Piero cardillo per alcuni curiosi abbinamenti gourmet con il salato

Nel derby tra arancinO e arancinA vince il gusto

La contesa sul piano formale è ancora aperta, ma alla settima edizione dell'Arancina Day, il gustoso derby tra Palermo e Catania, ha vinto Sfrigola, il locale palermitano di Emanuele Pizzurro che ha difeso i colori rosanero insieme al bar Sampolo e Prezzemolo & Vitale, per i rossoazzurro sono scesi in campo la putia Scollo, il bar Spinella e Frumento di Acireale

Natale Giunta apre un locale dedicato allo street food nel "coppu"

Aprirà a Palermo giovedì 7 dicembre "Passami ù coppu", il nuovo locale del noto chef dove rosticceria e pasticceria saranno servite calde nel caratteristico rotolo di carta

Tra i "Bib Gourmand" della guida Michelin c'è Me Cumpari Turiddu

Il ristorante catanese che ricrea l'atmosfera accogliente ed elegante di una Sicilia che fu, è l’unico siciliano ad essere incluso tra le 18 new entry della prestigiosa guida che ha selezionato 258 ristoranti in tutta Italia

«Qui si mangia bene». Nell'olimpo delle Osterie d'Italia 4 novità siciliane

La Guida Osterie d'Italia 2018 di Slow Food (presentazioni il 18 novembre a Catania e il 19 a Palermo) aggiunge alle 16 esistenti Caupona Taverna di Sicilia a Trapani, il Giardino di Venere a Castelbuono, Gente di Mare ad Acitrezza, Terracotta ad Agrigento. Mario Indovina, fiduciario della Condotta di Palermo: «E' un riconoscimento per quei locali con una marcia in più»

Barbera: «Papa Francesco ha donato ai poveri il nostro olio per la Pace»

Durante Taormina Gourmet il titolare dell'azienda Barbera di Palermo ha ricordato l'esperienza vissuta all'Expo di Milano con l'olio prodotto grazie alle olive prodotte da un campo sperimentale di Enna dove crescono le 381 specie di ulivo esistenti al mondo: «E' l'olio della solidarietà, il Pontefice ha dato le duemila bottigilie da noi donate ai meno abbienti»