I siciliani Enzo Oliveri e Luigi Amaduzzi sono l’Italia alle “Olimpiadi dei Giovani Chef” in India

Per la prima volta l’Italia presenzia alle “Olimpiadi dei Giovani Chef” che si svolgono in India a fine gennaio. La gara “World’s 3rd International Young Chef Olympiad 2017” a Nuova Dehli e Calcutta vedrà la partecipazione dell’Istituto Alberghiero “Antonello Da Messina” di Messina con lo studente Luigi Amaduzzi, 18 anni, ed il suo mentor, lo chef londinese di origini siciliane Enzo Oliveri.

Lo chef Enzo Oliveri

«E’ un’occasione preziosa per il Made in Italy a livello mondiale – spiega Enzo Oliveri – perché per la prima volta l’Italia partecipa a questa competizione che coinvolge da tre anni gli studenti provenienti da 60 paesi diversi. Sono felice di guidare la delegazione italiana e di fare da tutor a Luigi Amaduzzi che è stato selezionato come giovane promessa della cucina italiana nel mondo».
L’iniziativa è organizzata dall’Istituto internazionale di gestione alberghiera (International Institute of Hotel Management) con il supporto del Ministero del Turismo indiano. La competizione dà la possibilità agli studenti di imparare, insegnare e fare networking con le migliori scuole di cucina del mondo. La partecipazione è gratuita e tutti gli studenti si sfidano per il primo premio da 10mila dollari. I giudici sono esperti nel settore: tra loro il famoso cuoco indiano Sanjeev Kapoor e il prof. David Foskett decano e preside della London School of Hospitality and Tourism.
Tra i partner ufficiali delle Olimpiadi c’è il nuovo ristorante siciliano firmato da Oliveri “TastingSicily Enzo’s Kitchen”, aperto questo mese in pieno centro a Londra Piccadilly inspirato al successo del Commissario Montalbano. A supportare lo chef anche Alitalia e il distributore di cibo italiano nel Regno Unito “Prestige Food and Wine”.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.