venerdì 20 luglio 2018

venerdì 20 luglio 2018

MENU

"Librino Express", un corto per la campagna "Autobus sicuri"

Visioni

Il cortometraggio di Alfio D'Agata, realizzato su su iniziativa di AMT nell'ambito della campagna di sensibilizzazione sulle violenze sui mezzi pubblici, sarà presentato in anteprima a Catania giovedì 12 luglio


di Redazione SicilyMag

Un cortometraggio per sensibilizzare al problema delle violenze sui mezzi pubblici attraverso un’azione di prevenzione educativa. È “Librino Express”, il corto diretto da Alfio D'Agata – con Giuseppe Coco assistente alla regia – e prodotto da Fabio Fagone, girato negli scorsi giorni a Catania su iniziativa di AMT, e nato proprio da un’idea del presidente dell’Azienda metropolitana trasporti Puccio La Rosa e del consigliere di amministrazione Raffaella Mandarano, nell'ambito della campagna di sensibilizzazione “Autobus sicuri”.

Giovedì 12 luglio, alle 10.45, nel nuovo parcheggio R1 AMT (via Plebiscito 747), il corto sarà presentato in anteprima, alla presenza del presidente Puccio La Rosa, del CDA dell'azienda, e di attori, tecnici e staff. Una partecipazione corale e gratuita da parte dell'intero cast, composto da 32 attori tra professionisti e gente del territorio, tutti rigorosamente siciliani, tra i quali spiccano nomi come Tuccio Musumeci, Gino Astorina, Cristiano Di Stefano, Manuela Ventura, Eduardo Saitta, Aldo Messineo, Antonio Pandolfo e Vincenzo Spampanato, che curerà la composizione della colonna sonora.
“Librino express” racconta in una giornata la storia di un ragazzino del quartiere e di suo nonno: un incontro-scontro generazionale che porterà al dialogo e alla consapevolezza dell’inutilità del gesto vandalico ad un mezzo pubblico, e delle conseguenze che questo può comportare. Il risultato finale è, in prospettiva, una visione positiva del quartiere, anche attraverso il coinvolgimento nel cast di alcuni ragazzi dell'Istituto Cirino La Rosa, un centro socio-educativo ed assistenziale catanese che ospita minori in condizioni di disagio.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 10 luglio 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Taormina Film fest, tutto pronto per la sessantaquattresima edizione

Dal 14 al 20 luglio torna la kermesse cinematografica, con la produzione di Videobank e la direzione artistica di Silvia Bizio e Gianvito Casadonte: «Il festival – dichiarano i direttori artistici - quest’anno privilegia film diretti da donne e film con forti temi socialii». Tra gli ospiti attesi Rupert Everett, Richard Dreyfuss, Matthew Modine, Maria Grazia Cucinotta, Monica Guerritore

Taormina Film fest al via anche se la guerra legale non è finita

Videobank, che si è aggiudicato il bando di sponsorizzazione 2018, della Fondazione Taormina Arte Sicilia, si tuffa nella organizzazione del 64° festival del cinema, data di inizio il 14 luglio. Ma l'associazione Codici annuncia appello contro la sentenza del Tar di Catania che aveva escluso il suo ricorso

Michele Cinque: «Iuventa è la storia di un'esperienza collettiva»

Sarà presentato in anteprima mondiale il 17 e 19 giugno al Biografilm Festival (e in anteprima il 10 giugno per “La Repubblica delle Idee”) il documentario "Iuventa" del regista romano che per un anno ha seguito le operazioni della ONG tedesca Jugend Rettet: dalla prima missione nel Mediterraneo al sequestro della nave, lo scorso 2 agosto nel porto di Lampedusa

"Prima che la notte", cronaca dell'inutile omicidio di Pippo Fava

Il 23 maggio, su Rai Uno, va in onda il film di Daniele Vicari con Fabrizio Gifuni nei panni del giornalista ucciso dalla mafia, racconto di un personaggio complesso che ha sposato la causa della ricerca della verità fino alle estreme conseguenze. Il regista: «Feroce l’assassinio di Fava, ma tragicamente “inutile”, perché i suoi allievi ne hanno continuato l’opera»

Sicilia Queer filmfest, è iniziato il conto alla rovescia

Le prime ancipazioni del festival che si terrà a Palermo dal 31 maggio al 6 giugno e che dedica la sezione "Presenze" all'attore e regista francese Jacques Nolot

Coscienza e coraggio, l'antimafia televisiva di Pif trova terreno fertile nei ragazzi

Dopo il successo della prima serie, dal 26 aprile torna "La mafia uccide solo d'estate" la serie tv tratta dall'omonimo film di Pierfrancesco Diliberto. Attraverso il coraggio solitario della gente comune (la famiglia Giammarresi retta da Lorenzo/Claudio Gioè) e gli eroi antimafia, si racconta, nell’esilarante demistificazione dei boss, la caduta di Palermo in mano ai corleonesi