martedì 23 luglio 2019

martedì 23 luglio 2019

MENU

La Sicilia protagonista al Salone del Gusto di Torino

Tutto fa panza

In particolare la città di Messina che mette in campo i suoi talenti: lo chef Paolo Romeo che il 21 settembre sarà protagonista di un cooking show, e l'Ambasciatore del gusto Francesco Arena che racconterà la sua città attraverso la “focaccia tradizionale messinese”


di Redazione SicilyMag

Lo chef messinese Paolo Romeo rappresenterà la città di Messina al Salone del Gusto che si svolgerà a Torino dal 20 al 24 settembre. Si tratta della più grande manifestazione al mondo sul cibo sostenibile e la Sicilia sarà protagonista, grazie ad un progetto sostenuto dall’Assessorato regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, con uno dei più importanti spazi dell’intero Salone. Un’area di oltre 200 mq gestita da Slow Food Sicilia che rappresenta una vetrina d’eccezione per far conoscere le eccellenze del territorio e le migliori produzioni della Sicilia.

Paolo Romeo

Paolo Romeo si esibirà il 21 settembre alle 18.45 in un cooking show in cui proporrà due piatti: “La ghiotta in equilibrio”, rivisitazione della ghiotta di tradizione messinese con stocco in olio-cottura, acqua di sedano, pomodori confit, patate disidratate, pera croccante, polvere di olive nere e “L’arancino di spatola alla marinara in crosta di pistacchio di Bronte”. «Ho scelto di utilizzare lo stocco e la spatola – ha commentato Paolo Romeo – perché sono tra i pesci più utilizzati per tradizione nella cucina messinese e proporrò la mia visione di cucina tradizionale in chiave moderna. Nei miei piatti metto tutta la Sicilia, quei colori, odori, sapori che evocano l’antica cucina siciliana». Con Paolo Romeo, vincitore lo scorso anno del Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo, la città di Messina mette in primo piano i suoi giovani talenti.

L’arancino di spatola alla marinara in crosta di pistacchio di Bronte di Paolo Romeo

Alla manifestazione biennale giunta alla 12° edizione, la Sicilia sarà presente con uno dei più importanti spazi dell’intero Salone in cui si susseguiranno tantissime attività coordinate da Slow Food Sicilia. La parte più corposa saranno i quasi 40 Laboratori del Gusto, dedicati ai presìdi Slow Food ed alle migliori produzioni della Sicilia. Per l’occasione è nato il nuovo brand siciliano “100% Sicilia” che mette insieme sei professionisti dell’enogastronomia siciliana. A farne parte il bakery chef messinese Francesco Arena, fornaio da tre generazioni, Ambasciatore del gusto e membro del prestigioso Richemont Club. Francesco Arena racconterà la sua Messina attraverso uno dei suoi piatti più rappresentativi, la “focaccia tradizionale messinese” preparata con farine di grani antichi siciliani, pomodori, scarola, acciughe salate e tuma.

L'Ambasciatore del gusto Francesco Arena

Si tratta della prima uscita ufficiale di “100% Sicilia” un sodalizio che da mesi sta programmando una serie di attività nel settore enogastronomico e che vede, proprio nella partecipazione a Terra Madre – Salone del Gusto, il battesimo ufficiale. Oltre a Francesco Arena ne fanno parte Rosario Umbriaco, Ambasciatore del Gusto di Enna, che a Torino porterà i suoi arancini con il piacentino ennese, Pino Maggiore che proporrà lo storico cous cous della “Cantina Siciliana”, Giuseppe Patti della pizzeria Sardasalata che delizierà gli ospiti dello stand Sicilia con la “Fauzza fritta” di grani antichi. A completare la squadra di professionisti, Gesualdo Faulisi, chef del ristorante Alter Ego di Caltavuturo ed Emiliano Cipicchia de “Le Macine” di Lipari.
«E’ una squadra che nasce con un unico obiettivo – ha commentato Francesco Arena – promuovere l’enogastronomia siciliana. Non potevamo scegliere nome più appropriato che 100% Sicilia in considerazione del fatto che utilizziamo materie prime siciliane e interpretiamo al meglio le tradizioni dell’isola». Il Salone del Gusto di Torino rappresenta la prima uscita ufficiale del sodalizio, che ha in serbo per il futuro altre gustose iniziative.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 11 settembre 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Festa di primavera da Io.bio, la fattoria urbana di Palermo dove ci si riconnette con la terra

Venerdì 12 aprile l'agribistrot creato dai coniugi Gino Gambino e Carmela Senatore ospiterà l'evento di stagione che promuove l'oasi urbana con cucina biologica affidata a Marco Piraino, immersa in un agro di 3mila metri quadri lungo l'asse viario per Monreale: «Produciamo anche ortaggi, frutta, olio bio perché crediamo che sia importante nutrirsi in modo sano»

Valeria Raciti vince Master Chef 8

La trentunenne segretaria di Aci Sant'Antonio ha convinto i giudici Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli ed ha sbaragliato gli avversari Gilberto Neirotti e Gloria Clama. Ha vinto centomila euro e la possibilità di pubblicare un libro di ricette: «Devo tutto a mia nonna, stavo sempre con lei ai fornelli»

Catania commensale perfetta per il week end del gusto

Dal 30 marzo al 2 aprile la città etnea è stata una capitale dei sapori grazie a tre eventi di grande successo che si sono intrecciati in città: il salone dell'enogastronomia Cooking fest, il 30° congresso nazionale della Federazione Italiana Cuochi (culminato nella serata evento al Bellini) e il Cibo Nostrum alla Villa Bellini che ha donato 45 mila euro in beneficenza

Il Gambero Rosso premia Unetto, la panineria gourmet di Bagheria

La panineria di Tony Lo Coco e Marilena Chiavetta è la migliore in Sicilia nella categoria street food

L'essenza di Pantelleria e Favignana nei piatti di due grandi chef

Due isole, due chef, due eventi culinari, una grande etichetta. Cantine Pellegrino organizza a Marsala "La cucina delle isole": un pranzo dedicato a Pantelleria il 31 marzo e una cena dedicata a Favignana l'8 aprile, preparati rispettivamente da Mario Puccio e Francesco Balzani, per viaggio sensoriale alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche isolane

A Martina Caruso del Signum di Salina il premio Chef Donna Michelin

La trentenne chef siciliana è stata premiata a Milano nell’ambito della quarta edizione dell’Atelier des Grandes Dames, un network che ha lo scopo di celebrare il talento femminile nell’alta ristorazione voluto da Veuve Clicqu. Riceve il premio per la grande volontà e capacità di progredire e di rappresentare la sua isola raggiante, attraverso una grande tecnica