martedì 24 ottobre 2017

martedì 24 ottobre 2017

MENU

La Pasticceria Di Pasquale di Ragusa sbarca a Milano con la "lapa"

Tutto fa panza

La nota azienda ragusana, amata anche da Leonardo Sciascia, porterà nel centro storico della capitale lombarda i colori, i profumi e i sapori dello street food siciliano


di Redazione SicilyMag

I cannoli e le arancine (o gli arancini che dir si voglia) siciliani sbarcano definitivamente a Milano, a bordo di una moderna Moto Ape eco friendly. Dopo il temporary shop a Palazzo dei Giureconsulti dell'ultimo Natale e la presenza all'ultimo Salone del Mobile, è questo il nuovo progetto firmato dalla storica Pasticceria Di Pasquale di Ragusa, che porterà nel centro storico della capitale lombarda i colori, i profumi e i sapori della Sicilia. La nota azienda ragusana, amata anche da Leonardo Sciascia, ha infatti partecipato al bando indetto dal Comune di Milano per la concessione delle autorizzazioni per l’esercizio dell’attività di street food all’interno del Municipio 1, posizionandosi all'ottavo posto sul totale di 69 progetti presentati.

Gli arancini della Pasticceria Di Pasquale di Ragusa

Un grandissimo risultato per la Pasticceria Di Pasquale che ha scelto di proporre due prodotti simbolo dell’arte culinaria siciliana e del “cibo di strada”: il cannolo e l’arancino (o arancina). Il food truck scelto sarà italiano: una "lapa" Piaggio Porter, di ultima generazione, ad alimentazione elettrica, appositamente brandizzata con il logo della pasticceria siciliana. Una scelta che vuole evidenziare il legame con il passato, con la storia del territorio e lo sguardo rivolto al futuro, sintetizzata nella formula scelta per il suo rilancio dopo il passaggio di proprietà, quasi un anno fa, dello storico marchio: "l'identità nella tradizione, la forza nell'innovazione".

La moto ape della Pasticceria Di Pasquale di Ragusa

L’attenzione all’ambiente passerà anche attraverso la scelta di materie prime di qualità. Per i cannoli, saranno usati il pistacchio di Bronte Dop, la mandorla di Avola e la ricotta rigorosamente dell'altopiano ibleo. Per gli arancini si useranno il riso Carnaroli, il caciocavallo ragusano Dop e gli ortaggi stagionali provenienti da agricoltura bio. Tutte le materie prime verranno lavorate quotidianamente da mani esperte di giovani collaboratori, formati nella nuova filiera formativa della Pasticceria Di Pasquale, nel rispetto delle sue storiche ricette e delle sue linee di produzione.

I cannoli della Pasticceria Di Pasquale di Ragusa

Un’azienda che si reinventa ogni giorno, senza tradire mai la sua storia, che sa rispondere alle sfide del futuro, senza rinunciare ai suoi valori di base. Un’esperienza lunga settant’anni, da quando nel 1950 Giovanni Di Pasquale aprì i battenti dello storico locale di corso Vittorio Veneto a Ragusa, ancora sede dell’azienda e meta imperdibile per chi vuole gustare l’eccellenza culinaria siciliana. Da allora è stata una continua evoluzione dettata dalla passione per un mestiere fatto con serietà e professionalità, apprezzato da una clientela fidelizzata e sempre in crescita.

La storia della Pasticceria Di Pasquale è la storia di una realtà imprenditoriale ragusana, ancorata ai valori semplici e forti della buona reputazione. Sempre più, la Pasticceria Di Pasquale vuole essere un brand sinonimo di qualità, bontà, genuinità e tradizione che lega la sua storia a quella di una città che ha mantenuto un cuore semplice dentro orizzonti sempre più ampi.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 13 luglio 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Tre giorni dedicati al gusto, Ragusa festeggia la scaccia

Dal 27 al 29 ottobre in piazza San Giovanni la prima Festa ra scaccia, un evento propedeutico al marchio DE.C.O. (denominazione di origine comunale

Offestival, quando la ristorazione nutre e diverte

Dal 2 ottobre Fudoff di Catania cederà una volta al mese le cucine per ospitare una rassegna di cucina e cocktail che vuole raccontare un modo diverso di fare ristorazione. Si inzia con Giuseppe Lo Giudice e Alessandro Miocchi del Retrobottega di Roma

L'Angola vince il Cous Cous Fest del ventennale

La ricetta degli chef Helt Araújo e Ricardo Braga ha convinto la giuria tecnica presieduta da Joe Bastianich. La ricetta vincitrice è un un cous cous di pesce con muamba di denden e gamberi rossi di Mazara, filetto di triglia grigliata, spolverata con gamberetti secchi e bruchi tostati, un piatto che fonde elementi della cucina nativa con elementi della cucina giapponese

Joe Bastianich: «L’incocciata del cous cous non si scorda mai»

L’imprenditore italo-americano, proprietario di diversi ristoranti tra Usa e Singapore, giudice di Masterchef, è il presidente della giuria di esperti del Campionato del mondo del Cous Cous Fest del ventennale e giudicherà le ricette degli chef dei 10 paesi in gara. Il 23 settembre si esibirà anche come musicista

Blue Sea Land, Mazara del Vallo fa incontrare le culture del cibo

Dal 28 settembre al 1 ottobre torna nella capitale siciliana della pesca l'expo dei cluster produttivi dei Paesi del Mediterraneo, dell'Africa e del Medioriente. Quest'anno la manifestazione ha la collaborazione del mercato Sanlorenzo di Palermo

A cena con la cucina vegetariana di Giorgia Greco

L'11 agosto la Masseria Carminello di Valverde organizza Tavola cunzata veg, pecorso enogastronomico organizzata in collaborazione con la presidente dell'Associazione di Promozione Sociale Scelta Vegetariana