Blog

La disobbendienza civile 35 anni dopo Berlinguer, il gigante fragile

Blog Non condividevo tanto di lui, ma Berlinguer era un gigante, soprattutto a paragonarlo al panorama odierno. Oggi, vittime dei compromessi, non possiamo cedere all'astensionismo. E non parlo di elezioni, ma di altre dimostrazioni, attive e clamorose, di partecipazione operosa, di solidale umanità

Enrico Berlinguer moriva 35 anni fa. Molto se ne è scritto, quasi sempre sull’onda del rimpianto, dell’avvilente confronto col miserevole ceto politico odierno.
Era quello il mio ultimo anno di militanza nel PCI, e da tempo, pur ammirando di Berlinguer lo spessore morale e la sofferta tenacia, non condividevo la sua linea e le sue scelte, dal “compromesso storico” (di cui l’attuale PD è il parto malriuscito) alla ottusa “fermezza” nel caso Moro, dal rifiuto dell’unità a sinistra propostagli da Craxi ai residui di doppiezza togliattiana manifestati, per esempio, nella polemica con Sciascia (e nelle menzogne di Berlinguer) a proposito degli aiuti alle BR da parte dei paesi comunisti dell’Est.
Eppure era un gigante, soprattutto a paragonarlo al panorama odierno. Un gigante fragile: con Paolo VI e Aldo Moro formò una singolare triade di figure assorte e problematiche, di sofferenti intelligenze. E certe sue intuizioni, come quella della “austerità” che mirava a ricomporre finalmente il divario tra politica e morale, rimangono drammaticamente attuali, così come gli va riconosciuto lo strappo decisivo col comunismo sovietico.

Berlinguer, casa per casa, strada per strada,acrilico su legno, 2016

Che dire dell’oggi, a paragone di quelle pensierose e limpide figure? La volgarissima combine fra il renziano Lotti e alcuni esponenti del Consiglio superiore della magistratura dimostra ulteriormente, se ve ne fosse ancora bisogno, l’ormai avvenuta e completa omologazione, all’insegna della corruttibilità e del potere a tutti i costi, della politica tradizionale, di tutti i partiti rappresentati in parlamento. Ma come, qualcuno obietterà, dimentichi la necessità di fare accordi, di scendere a compromessi, per “fare numero” e governare! No, non vale più quest’alibi, perché non ci sono più i buoni, i giusti costretti magari a sporcarsi le mani; e il compromesso, il complotto, la malversazione, l’uso spregiudicato e affaristico del potere sono ormai la bandiera di tutti; e non serve nemmeno mettere in lista come foglia di fico quel povero, lodevolissimo Bartolo.

No, questi partiti non li voto e non li voterò mai; ma so bene che l’astensione non basta: occorre dar fiato, e consenso, ai movimenti, e non raccattando loro qualche voto se hanno l’idea balzana, e perdente, di presentarsi alle elezioni, ma con ben altre dimostrazioni, attive e clamorose, di partecipazione operosa, di disobbedienza civile, di solidale umanità che vadano ben oltre il lezioso vaudeville elettorale.

Se desideri sostenere Sicilymag.it con una donazione, utilizza il pulsante qui di seguito. Grazie!

Commenti

Post: 0