Internet in Sicilia: situazione attuale e progetti per il futuro

Trinacria 2.0 L'Isola è ancora indietro sulla capacità di connessione e utilizzo della rete: secondo l'Istat è del 69,4% la percentuale di famiglie siciliane in possesso di internet a casa, nettamente inferiore alla media delle regioni settentrionali (78,5%), mentre a livello nazionale siamo sul 76,1%

Internet è stato riconosciuto come un servizio necessario al corretto svolgimento delle attività commerciali e produttive: questo è quanto stabilito dal Corecom Sicilia in una delibera che sancisce un rimborso di 22mila a beneficio di un’azienda palermitana da parte della società di telefonia colpevole del mancato trasloco della linea fissa e di non avere risposto ai reclami. Da questo fatto appare sempre più evidente come oggi la connessione alla rete rappresenti ormai un elemento fondamentale nello svolgimento del lavoro quotidiano. Vale la pena quindi approfondire l’attuale situazione in regione.

Meno del 70% delle famiglie siciliane ha una connessione internet domestica
La realtà siciliana è ancora indietro sulla capacità di connessione e utilizzo della rete: più di due famiglie su tre infatti non dispongono di una connessione a internet. Stando agli ultimi dati Istat è del 69,4% la percentuale di famiglie siciliane in possesso di internet presso la propria abitazione, nettamente inferiore alla media del 78,5% nelle regioni settentrionali, mentre a livello nazionale siamo sul 76,1%. Visto che oggi non manca la possibilità di avere internet a casa per merito di società come Linkem che, insieme a tante altre realtà, propongono agli internauti diverse soluzioni percorribili a seconda delle loro esigenze, la scarsa motivazione nello sfruttare le potenzialità del web va ricercata altrove. Analizzando con più attenzione la situazione, infatti, emerge che più della metà di quanti non hanno una connessione fissa dichiarano di non saper usare internet, mentre circa il 26,2% lo ritiene poco utile o interessante e una piccola parte si connette con altre modalità. Ma le possibilità di miglioramento ci sono e un cambio di rotta appare quanto mai necessario, considerando anche che la Sicilia è la regione italiana con la maggiore percentuale di abitanti con competenze digitali basse (51,6%) e, viceversa, il minor numero di persone con una conoscenza avanzata di internet (20,3%).

Il progetto per portare la fibra ottica nella regione
Un forte impulso alla digitalizzazione dell’isola sicula arriva dagli investimenti sulle infrastrutture per la realizzazione della banda ultra larga. Un grande progetto a livello nazionale cui la Sicilia ha fatto da apripista al fine di migliorare la copertura internet con la fibra ottica su tutto il territorio regionale. L’intento è quello appunto di spingere la regione a raggiungere i target previsti dall’Agenda digitale europea, andando a diminuire così il divario tecnologico che attualmente divide la Sicilia da gran parte delle regioni italiane. Proprio per questo a San Giovanni la Punta, piccolo centro a dieci chilometri da Catania, è sorta la prima centrale di fibra ottica. Ad oggi sono 178 i cantieri aperti per l’ammodernamento della connessione in regione e la conclusione dei lavori è prevista per il 2022. Il progetto prevede la realizzazione di una rete all’avanguardia che raggiungerà case ed edifici. Tuttavia, una volta raggiunto questo obiettivo, il progresso tecnologico della regione sarà tutto nelle mani dei suoi cittadini e nella loro capacità di sfruttare al meglio le opportunità offerte da internet.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.